Archivio | marzo 2012

IMPARARE IL LINGUAGGIO DALLA TV O DA VIDEO DEDICATI?

Se lo scopo che ci prefiggiamo è quello di migliorare le competenze del bambino in riferimento al linguaggio recettivo ed espressivo, esporre il bambino alla TV o a programmi video interattivi tramite DVD potrebbe favorire un miglioramento del linguaggio? Per rispondere a questo interrogativo sono stati effettuati diversi studi di intervento realizzati con l’obiettivo di valutare l’efficacia dei diversi supporti multimediali e video rivolti ai bambini dei primi mesi o primi anni di vita. In uno dei più recenti studi sono stati testati 88 bambini tra i dodici e i venticinque mesi di età. Metà dei bambini utilizzarono per sei settimane il DVD “Baby Einstein”, mentre metà fungeva da gruppo di controllo. Alla fine del periodo di esposizione è risultato che i bambini del gruppo di intervento con il DVD non avevano presentato nessun arricchimento di vocabolario rispetto al gruppo di controllo.

Richert RA, Robb MB, Fender JG, Wartella E. Word learning from baby videos. Arch Pediatr Adolesc Med. 2010 May;164(5):432-7.

OBJECTIVE: To examine whether children between 12 and 25 months of age learn words from an infant-directed DVD designed for that purpose. DESIGN: Half of the children received a DVD to watch in their home over the course of 6 weeks. SETTING: All participants returned to a laboratory for testing on vocabulary acquisition every 2 weeks. PARTICIPANTS: Ninety-six 12- to 24-month-old children. MAIN EXPOSURE: Baby videos. MAIN OUTCOME MEASURES: Parent report and observational measures of vocabulary acquisition related to words highlighted in the DVD; parent report of general language development; and parent report of children’s media use. RESULTS: The age at first viewing of baby DVDs was related to children’s general language development. There was no evidence of learning words highlighted in the infant-directed DVD independent of parental intervention. CONCLUSIONS: Researchers should continue to examine whether infant-directed media are effective in teaching infants and toddlers content and consider the cognitive factors related to whether very young viewers should be expected to learn from a DVD.

Per imparare dal video è necessaria l’interazione sociale, ossia la presenza di un adulto che si relazioni affettivamente con il bambino: è questa la conclusione che tutti gli studi rivolti a valutare l’efficacia. Ormai sono numerosissimi gli studi che hanno valutato l’esposizione dei bambini verso i media e l’esito sul linguaggio. Non solo non vi è un miglioramento del linguaggio anche se l’esposizione al video è su programmi dedicati per la fascia di età, ma, più spesso, è presente una riduzione nello sviluppo del linguaggio, soprattutto se l’esposizione video è con contenuti per adulti. Di più, il peggioramento dell’esito sul linguaggio è associato proporzionalmente alla quantità di esposizione al contenuto mediale.

Robb MB, Richert RA, Wartella EA. Just a talking book? Word learning from watching baby videos. Br J Dev Psychol. 2009 Mar; 27(Pt 1):27-45.

This study examined the relationship between viewing an infant DVD and expressive and receptive language outcomes. Children between 12 and 15 months were randomly assigned to view Baby Wordsworth, a DVD highlighting words around the house marketed for children beginning at 12 months of age. Viewings took place in home settings over 6 weeks. After every 2 weeks and five exposures to the DVD, children were assessed on expressive and receptive communication measures.

Results indicated there was no increased growth on either outcome for children who had viewed the DVD as compared to children in the control group, even after multiple exposures. After controlling for age, gender, cognitive developmental level, income, and parent education, the most significant predictor of vocabulary comprehension and production scores was the amount of time children were read to.

Nelle ultime decadi la quantità di tempo libero dedicato dai genitori ai loro figli è diminuita in termini consistenti, mentre cresce a dismisura il fatturato plurimiliardario dell’industria dei prodotti video che promettono un miglior sviluppo dell’intelligenza dei bambini. Lo studio di Zimmerman e coll. sulla valutazione dell’efficacia di uno tra questi prodotti video DVD per bambini, il più reclamizzato e venduto sul mercato, portò alla conclusione che non solo non vi era un miglioramento delle capacità linguistico cognitive nei bambini, ma si associava ad un peggioramento delle abilità comunicative rispetto al gruppo di controllo. La presenza di familiari adulti non migliorava l’esito all’esposizione del DVD. La Walt Disney Company, proprietaria del marchio e del prodotto video chiese ufficialmente all’Università di Washigton una ritrattazione dello studio, contestando numerose inesattezze. (v. Walt Disney domanda ritrattazione ). Dopo una consultazione con gli autori dello studio, l’Università emise un comunicato stampa in cui rifiutava di accettare le richieste della Company, confermando i risultati dello studio (v. risposta Univ. Washington )

Zimmerman FJ, Chirstakis, DA, Melzoff, AN. Associations between Media Viewing and Language Development in Children Under Age 2 Years. J Pediatr 2007;151:364-8

Objective To test the association of media exposure with language development in children under age 2 years. Study design A total of 1008 parents of children age 2 to 24 months, identified by birth certificates, were surveyed by telephone in February 2006. Questions were asked about child and parent demographics, child-parent interactions, and child’s viewing of several content types of television and DVDs/videos. Parents were also asked to complete the short form of the MacArthur-Bates Communicative Development Inventory (CDI). The associations between normed CDI scores and media exposure were evaluated using multivariate regression, controlling for parent and child demographics and parent–child interactions. Results Among infants (age 8 to 16 months), each hour per day of viewing baby DVDs/videos was associated with a 16.99-point decrement in CDI score in a fully adjusted model (95% confidence interval__26.20 to _7.77). Among toddlers (age 17 to 24 months), there were no significant associations between any type of media exposure and CDI scores. Amount of parental viewing with the child was not significantly associated with CDI scores in either infants or toddlers. Conclusions Further research is required to determine the reasons for an association between early viewing of baby DVDs/videos and poor language development.

Schmidt ME, , Rich M,  Rifas-Shiman SL,  Emily Oken E,  Taveras EM. Television Viewing in Infancy and Child Cognition at 3 Years of Age in a US Cohort. Pediatrics 2009;123:e370–e375

OBJECTIVE. To examine the extent to which infant television viewing is associated with language and visual motor skills at 3 years of age. MEASURES.We studied 872 children who were participants in Project Viva, a prospective cohort. The design used was a longitudinal survey, and the setting was a multisite group practice in Massachusetts. At 6 months, 1 year, and 2 years, mothers reported the number of hours their children watched television in a 24-hour period, from which we derived a weighted average of daily television viewing. We used multivariable regression analyses to predict the independent associations of television viewing between birth and 2 years with Peabody Picture Vocabulary Test III and Wide-Range Assessment of Visual Motor Abilities scores at 3 years of age. RESULTS. Mean daily television viewing in infancy (birth to 2 years) was 1.2 (SD: 0.9) hours, less than has been found in other studies of this age group. Mean Peabody Picture Vocabulary Test III score at age 3 was 104.8 (SD: 14.2); mean standardized total Wide-Range Assessment of Visual Motor Abilities score at age 3 was 102.6 (SD: 11.2). After adjusting for maternal age, income, education, Peabody Picture Vocabulary Test III score, marital status, and parity, and child’s age, gender, birth weight for gestational age, breastfeeding duration,  ace/ethnicity, primary language, and average daily sleep duration, we found that each additional hour of television viewing in infancy was not associated with Peabody Picture Vocabulary Test III or total standardized Wide-Range Assessment of Visual Motor Abilities scores at age 3. CONCLUSION. Television viewing in infancy does not seem to be associated with language or visual motor skills at 3 years of age.

DeLoache JS, Chiong C, Sherman K, Islam N, Vanderborght M, Troseth GL, Strouse GA, O’Doherty K.  Do Babies Learn From Baby Media? Psychological Science 21(11) 1570 –1574

Abstract In recent years, parents in the United States and worldwide have purchased enormous numbers of videos and DVDs designed and marketed for infants, many assuming that their children would benefit from watching them. We examined how many new words 12- to 18-month-old children learned from viewing a popular DVD several times a week for 4 weeks at home. The most important result was that children who viewed the DVD did not learn any more words from their monthlong exposure to it than did a control group. The highest level of learning occurred in a no-video condition in which parents tried to teach their children the same target words during everyday activities. Another important result was that parents who liked the DVD tended to overestimate how much their children had learned from it. We conclude that infants learn relatively little from infant media and that their parents sometimes overestimate what they do learn.

Uno studio prospettico che ha coinvolto 253 coppie madre-figlio di bassa estrazione sociale ha voluto misurare l’impatto dell’esposizione al video di bambini di sei mesi di età associando questa all’interazione con il genitore. I dati sui tempi di esposizione ai media (televisione, DVD, cinema, video games) così come i momenti di interazione con il genitore sono stati raccolti tramite intervista o per mezzo di un diario ed è stata eseguita una misurazione del linguaggio al bambino all’età di quattordici mesi. I risultati dello studio hanno dimostrato che l’interazione verbale durante l’esposizione al video riduce l’impatto negativo sul linguaggio, confermando altresì l’impatto negativo del video in assenza di interazione ma non un impatto positivo sul linguaggio dovuto all’interazione verbale tra genitore e bambino durante l’esposizione video. In alcuni casi l’impatto della relazione verbale genitore-bambino può migliorare l’esito sul linguaggio anche se questo non può essere completamente confermato in quanto possono essere presenti altri tipi di stimolazione cognitiva ed educativa nel contesto ambientale in cui vive la famiglia (Fig 3).

Alan L. Mendelsohn AL,  Brockmeyer CA, Dreyer BP, Fierman AH, Berkule-Silberman SB and Tomopoulos S. Do Verbal Interactions with Infants During Electronic Media Exposure Mitigate Adverse Impacts on their Language Development as Toddlers? Inf. Child. Dev. 2010; 19: 577–593

The goal of this study was to determine whether verbal interactions between mothers and their 6-month-old infants during media exposure (‘media verbal interactions’) might have direct positive impacts, or mitigate any potential adverse impacts  of media exposure, on language development at 14 months. For 253 low-income mother–infant dyads participating in a longitudinal study, media exposure and media verbal interactions were assessed using 24-hour recall diaries. Additionally, general level of cognitive stimulation in the home [StimQ] was assessed at 6 months and language development [Preschool Language Scale-4] was assessed at 14 months. Results suggest that media verbal interactions play a role in the language development of infants from low-income, immigrant families. Evidence showed that media verbal interactions moderated adverse impacts of media exposure found on 14-month language development, with adverse associations found only in the absence the these interactions. Findings also suggest that media verbal interactions may have some direct positive impacts on language development, in that media verbal interactions during the co-viewing of media with educational content (but not other content) were predictive of 14-month language independently of overall level of cognitive stimulation in the home.

Da una relazione del Dott.Panza Costantino

Lettura precoce, alfabetizzazione e attaccamento

Lo sviluppo delle capacità del linguaggio e dell’alfabetizzazione negli anni di vita prima della scolarizzazione vengono racchiuse nel termine Early Literacy, dove i ricercatori e i clinici hanno individuato molte aree di sviluppo e di competenza del bambino. Fanno parte di questa vasta sfera di competenza:

- la competenza fonologica;

- lo sviluppo del linguaggio orale;

- la conoscenza del linguaggio scritto;

- la conoscenza delle convenzioni della scrittura (corrispondenza relativa tra linguaggio orale e linguaggio scritto – si scrive da sinistra a destra e dall’alto in basso, l’alfabeto rappresenta i suoni del linguaggio orale);

- la conoscenza delle funzioni della scrittura (un testo che racconta una storia, dà informazioni, dà istruzioni);

- conoscenza dell’alfabeto (conoscenza delle lettere e dell’associazione tra una lettera e il suo nome e tra una lettera ed il suo suono).

La Emergent Literacyconsiste in abilità, conoscenze e attitudini che sono precursori dello sviluppo delle forme convenzionali della lettura e della scrittura. La Emergent Literacyè basata sulla nozione che il bambino acquisisce abilità nelle competenze dell’alfabetizzazione non solo come un risultato di istruzioni dirette, ma anche come un prodotto di un ambiente stimolante e responsivo, nel quale il libro è presente tra le normali attività del bambino. L’utilizzo del libro e la sua funzionalità sono pertanto compresi dal bambino durante il processo dell’Early Literacy, motivandolo ed incoraggiandolo nell’uso del libo stesso (Britto PR, Fuligni AS, Brooks-Gunn J. Reading Ahead: Effective Interventions for Young Children’s Early Literacy Development. In: “Handbook of Early Literacy Research – Vol 2”.  DK Dickinson and SB Neuman editors. Guilford Press 2006). Si pensa che l’origine della Emergent Literacy sia nella precoce relazione che si instaura tra mamma e bambino in occasione, ad esempio, della lettura di libri scritti, libri illustrati o in parole scritte nello schermo televisivo. Questa precoce interazione madre-bambino si suppone consistere in quella che viene definita impalcatura del dialogo, il cosiddetto “scaffolding” nella pedagogia di Jerome Bruner e Lev Vygotskij. In una prospettiva storico-culturale, è ipotizzato che la madre crei una “zona di sviluppo prossimale” per il bambino, dove, quello che il bambino non è in grado di fare da solo, lo fa interagendo con la propria madre. Nella zona di sviluppo prossimale (Zone of Proximal Development) non si valuta il livello di sviluppo delle capacità e delle competenze del bambino, ma piuttosto il suo potenziale apprendimento. In assenza di un supporto, di una guida o di un sostegno, questo potenziale potrebbe non realizzarsi, e conseguentemente, il bambino non potrebbe mai arrivare ad un più alto livello di sviluppo (Bodrova E, Leong DJ. Vygotskian Perspectives on Teaching and Learning Early Literacy. In: “Handbook of Early Literacy Research – Vol 2”.  DK Dickinson and SB Neuman editors. Guilford Press 2006)

Bus AG, Van IJzendoorn, MH. Mother-child interactions, attachment, and emergent literacy: A cross-sectional study. Child Development. Vol 59(5), Oct 1988, 1262-1272.

Examined mother–child interactions as they relate to written language, attachment security, and the child’s performance on emergent-literacy measures, using 16 1½-yr-olds, 15 3½-yr-olds, and 14 5½-yr-olds. Each mother–child dyad read through 2 books and watched “Sesame Street” fragments about letters and words. In the older groups the children were left on their own by the mother for about 1 hr, during which they were tested and it was observed how the children reacted upon the return of the mother. In addition, each 3½- and 5½-yr-old completed 5 emergent-literacy tests. Results suggest that mothers of small children give reading instruction. In securely attached dyads, there was less need to discipline; the children were less distracted than in anxiously attached dyads.

Pertanto, la Emergent Literacy è la “emersione” nel corso dello sviluppo di uno straordinario complesso di interazioni psichiche, affettive, intellettive che il bambino sviluppa interagendo con l’adulto che gli legge un libro con lettere e/o figure (Medico e Bambino 2001; 5:334).La Emergent Literacy sottolinea il fatto che l’apprendimento della Literacy e della capacità di leggere non è un evento che avviene al tempo della prima classe elementare ma è uno sviluppo continuo di capacità e di esperienze compiute durate gli anni precedenti l’ingresso della scuola elementare. Un apprendimento che si può fare solo se si è in una “sana” relazione con una figura primaria di attaccamento.

Tratta da una relazione del Dott.Panza

Cellule di ricambio di Barbara Siliquini

La “donazione del cordone” è una cosa che ormai tutti conosciamo: sappiamo che quando il bambino nasce è possibile “donare” le sue staminali. Che atto altruistico!
“Peccato che io non abbia colto l’occasione quando è nato mio figlio!”
“Io avrei voluto, ma purtroppo dove abito non ci sono neanche le banche del cordone a pagamento”
Se una di queste espressioni vi ha attraversato la mente, ho un’ottima notizia: la donazione del sangue cordonale del bambino non è un atto altruistico e non è una buona idea per la salute di un figlio, almeno in situazioni normali.
Ma andiamo con ordine. Innanzi tutto la dicitura “donazione del cordone ombelicale” è impropria, stiamo in realtà parlando di “conservazione delle staminali da cordone”: ciò che si raccoglie è il sangue che scorre dalla placenta al bambino attraverso il cordone ombelicale. Questo sangue è ricchissimo di cellule staminali di uno specifico tipo (dette “emopoietiche”).
La cellula staminale è una cellula preziosa per due ragioni: non ha ancora assunto un ruolo definitivo, perciò può diventare più tipi di cellule; ha una capacità generativa enorme, cioè è capace di riprodurre se stessa e, contemporaneamente, produrre miliardi di cellule figlie che possono differenziarsi, diventando cellule specifiche dei diversi organi del nostro corpo.
Alcune cellule staminali hanno la capacità di generare cellule di un solo tipo (ad esempio cellule della pelle), altre sono capaci di generare cellule di vari tipi (ad esempio globuli bianchi, rossi o piastrine) a seconda del bisogno.
Sapere come una cellula staminale decida di dividersi o di differenziarsi è per ora un piccolo mistero.
Nel nostro corpo esistono già moltissime cellule staminali, cellule indifferenziate capaci di produrre cellule figlie con un preciso scopo. Ogni volta che ci feriamo e poi guariamo, o che i nostri capelli cadono e altri ne vengono generati, o che un bambino cresce, ci sono cellule staminali che generano cellule specifiche: dei capelli, della pelle, delle ossa.
Tutte le cellule staminali del cordone possono diventare qualsiasi tipo di cellula?
No, dipende da che tipo di staminali sono: alcune possono produrre solo un tipo di cellule, altre una famiglia di cellule, altre ancora qualsiasi tipo di cellula. Queste ultime sono rare, e sono presenti nel liquido amniotico o nell’embrione nelle prime settimane di gestazione.
Le staminali del cordone ombelicale sono cellule emopoietiche, hanno la capacità di produrre cellule che possono diventare elementi del sangue: globuli rossi, globuli bianchi e piastrine. Di queste cellule ne abbiamo anche nel nostro corpo: ogni giorno produciamo da 100 a 1.000 miliardi di nuove cellule del sangue, a partire da cellule staminali emopoietiche che si trovano nel midollo osseo, cellule potenti e prolifiche, che pur essendo relativamente poche, hanno un`attività riproduttiva enorme e sono in grado di replicarsi mantenendo il loro numero invariato durante tutta la vita.
M
a torniamo alle staminali del cordone ombelicale. Abbiamo detto che il sangue del cordone è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche: da oltre due decenni i ricercatori hanno scoperto che esso contiene le stesse cellule staminali del midollo osseo. Un danno a queste cellule (aplasia midollare in seguito a chemioterapia, a irradiazione o a malattia) può rendere inefficiente il sistema emopoietico: una terapia molto efficace è il trapianto di midollo osseo.
Ecco perché possono essere preziose le staminali del cordone ombelicale: possono produrre tutte le cellule del sangue e molte altre cellule accessorie o di sostegno; possono ripristinare la produzione del sangue in caso di insufficienza midollare: possono sostituire il midollo in caso di leucemia, linfoma, mieloma, talassemie; possono produrre enzimi carenti in caso di malattie genetiche; possono consentire l`impiego di dosi elevate di chemio-radioterapia nei tumori in genere.
Ma gli stessi benefici sarebbero ottenibili attraverso la donazione del midollo osseo.
Allora è importante conservare le cellule staminali del cordone? La conservazione di queste cellule presuppone il taglio immediato del cordone alla nascita, in modo tale che le cellule, anziché fluire al bambino, siano incamerate in una sacca, per la conservazione. Ma se le staminali sono così preziose e importanti, ha senso privarne il bambino alla nascita, per conservarle per il futuro?
Se il cordone fosse l’unica fonte di staminali, potremmo pensare che, anche se madre natura ha previsto che la placenta continui a pompare il sangue al neonato per qualche minuto dopo la sua nascita, impedire questa “trasfusione” e metterlo in una sacca per altri usi potrebbe essere una buona idea. Ma poiché gli adulti dispongono di staminali identiche, e queste possono essere rese disponibili attraverso la donazione di midollo, allora forse dovremmo pensare che sia meglio procurarsi queste cellule da un adulto anziché da un neonato.
Il sangue contenuto nel cordone è un quantitativo di ingente per un neonato, ma non sarebbe sufficiente per un trapianto che sostituisca le cellule del midollo malato di un adolescente o di un adulto.
Inoltre, fa riflettere il fatto che il genitore possa legalmente disporre del sangue del bambino (in questo caso del sangue del cordone, che a tutti gli effetti appartiene al bambino) fino al momento del taglio del cordone stesso, ma nell’istante successivo non ne potrà più disporne, in quanto la legge vieta la donazione del sangue dei minori.
P
er ottenere dal cordone ombelicale abbastanza sangue, il cordone deve essere “clampato” immediatamente dopo il parto. “Clampato” significa che deve essere interrotto il flusso di sangue al bambino, per dirottarlo, attraverso un ago con una cannula, in una sacca, mentre la placenta che sta all’estremità del cordone, continua a pompare sangue verso il neonato per alcuni minuti.
Che fine fa il sangue prelevato dal cordone? Ci sono due alternative: donarlo perché sia utilizzato da altre persone, oppure conservarlo per un ipotetico futuro utilizzo per lo stesso bambino. La conservazione per uso altrui può essere fatta in alcuni ospedali, ma spesso capita che il sangue in realtà non venga utilizzato, perché esistono protocolli molto rigidi, che tutelano la sicurezza dei possibili trapiantati che prevedono, per esempio, che la madre del neonato si sottoponga ad analisi periodiche dopo la donazione o che sia stato raccolto un quantitativo minimo di sangue; nel caso in cui queste condizioni non siano verificate, il sangue viene gettato via. In Italia è vietata la conservazione per uso proprio, questo divieto è dettato da serie ragioni scientifiche: le staminali di una persona che ha contratto una malattia a carico del midollo (come una leucemia) non sono adatte per un trapianto sullo stesso soggetto, non sono adatte a trapianti su soggetti adulti e non è noto cosa accada al sangue conservato per molti anni dopo dalla nascita.
Purtroppo questo divieto non vale all’estero e si è sviluppato un lucroso mercato  a favore di società formalmente estere (in Italia molte hanno sede legale a San Marino): il giro d’affari nel 2009 in Italia è stato stimato in 35 milioni di euro. La conservazione del sangue del cordone di un neonato costa circa 3.000 euro; una cifra che molti spendono volentieri, convinti che sia un investimento nella salute dei propri figli e stimolati dall’esempio di molte coppie famose del mondo dello spettacolo e della TV.
I
nvece la scelta migliore sarebbe quella di non conservare il sangue del cordone ombelicale. Se invece di affrettarci a “clampare” il cordone lasciassimo che il sangue, pompato dalla placenta, defluisse attraverso i vasi del cordone nella circolazione del neonato, questa potrebbe essere già un`”assicurazione” per la sua futura salute, e di questo oggi abbiamo molte prove scientifiche. Sono ormai numerosi gli studi che hanno valutato l’impatto del taglio immediato del cordone rispetto agli effetti di un taglio ritardato di due minuti dopo la nascita: il taglio ritardato ha effetti benefici per la salute del neonato, misurabili a distanza di sei mesi in particolare sulla quantità di emoglobina nel sangue. Questi benefici sono più evidenti nei neonati sottopeso o nati da madri anemiche.
Senza parlare del disturbo dell’evento nascita, che dovrebbe essere un momento di grande rispetto dei tempi di madre e del bambino, un momento di tranquillità ed intimità che il taglio del cordone e il prelievo del sangue disturbano non poco. Finché il bambino e la madre sono collegati dal cordone, devono rimanere a contatto, questo contatto alla nascita ha effetti benefici sul sistema di produzione ormonale di madre e bebè: migliora l’allattamento, innalza i livelli di ossitocina in entrambi, favorisce il bonding ed è considerato importante per lo sviluppo affettivo del bambino.
Si eccepisce spesso, da parte degli operatori che ben conoscono questi dati, che in ospedale comunque il cordone viene reciso immediatamente, e allora tanto vale usare il sangue per qualcosa. Ma sarebbe meglio che i genitori, anziché informarsi su come e dove conservare il sangue del cordone, chiedessero all’ospedale che, dopo la nascita, il cordone ombelicale venga “clampato” solo quando ha smesso di pulsare, o meglio ancora, come suggerisce l’Organizzazione Mondiale della Sanità, si attendesse che anche la placenta venisse espulsa dal ventre materno. Questo in genere avviene in un tempo variabile dai 20 minuti a un paio d’ore. Avendo la pazienza di seguire questi ritmi, prima di “clampare” e recidere il cordone, si consente a mamma e bebè di rimanere a contatto di pelle in tranquillità in un momento così importante per loro. Una volta che il bambino è nato, la placenta, concluso il suo ruolo, si stacca dall’utero e viene anche lei espulsa attraverso la vagina.
Esistono però dei casi in cui la donazione del sangue cordonale ha effettivamente un senso: quando, per esempio, il neonato ha un fratellino malato, che beneficerebbe di un trapianto di cellule staminali emopoietiche. In questo caso, pur essendo un prelievo di cellule per uso proprio, la legge italiana lo consente.
Il cordone ombelicale non è l`unica fonte di staminali emopoietiche, la donazione di midollo osseo ha benefici maggiori; e allora, prima di disporre di una risorsa destinata a un figlio neonato, dovremmo chiederci se non sarebbe meglio offrirci noi stessi come donatori di midollo osseo.

L’articolo è tratto da UPPA:

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=828&idr=55&idb=59

Pappe, biberon, compiti e cartelle Se il papà è bravo come la mamma

NON PORTANO il bimbo in grembo per nove mesi, ma quando arriva lo accudiscono come le mamme. Cambiano pannolini, si occupano di giochi, pappe e bagnetto, fino a cullarlo con dolci ninne nanne. Poi quando cresce lo portano a scuola, in palestra e lo aiutano a fare i compiti. Sono i nuovi padri, scesi in campo per aiutare le compagne nella crescita dei figli. Da un anno all’altro il giorno della Festa del papà racconta storie di uomini molto più partecipi alla vita familiare rispetto al passato. Anche loro, come le donne, sono spesso divisi tra doveri familiari e lavoro. Non tutti i padri si dedicano così alla crescita dei bambini, ma sono numerosi quelli sempre più in prima linea. “Poiché la famiglia si è trasformata e il ruolo della donna nella società e tra le mura domestiche è mutato, anche il ruolo paterno si è modificato, ciò non significa però che non si possa individuare un modello di riferimento”, dice Anna Oliverio Ferraris, ordinaria di Psicologia dello sviluppo all’università La Sapienza, e autrice di Padri alla riscossa. Crescere un figlio oggi.

Studio europeo boccia i padri italiani: stanno poco con i figli 1

Quando arriva il neonato. Il coinvolgimento del padre è importante fin dai primi giorni. Oggi dai papà non ci si aspetta solo che contribuiscano a sostenere materialmente la famiglia, ma che si impegnino anche nella crescita. Questo “crea con i figli un legame diverso dal passato e una maggiore comprensione dei loro bisogni di crescita”, dice Oliverio Ferraris. “La presenza attiva aiuta la madre nelle cure al neonato e crea un legame con il piccolo fin dai primi mesi. Il bambino differenzia il papà dalla mamma e questa duplice presenza gli servirà in seguito per non avere un legame troppo esclusivo con la mamma e riuscire quindi ad adattarsi a situazioni e persone diverse”, dice Oliverio Ferraris.

Ruoli diversi, ma vicini. 
“Questo anche perché la mamma dà radici alla vita di un figlio offrendogli protezione. Un padre regala un paio di ali a un figlio aiutandolo a diventare un esploratore della vita e del mondo”, spiega Alberto Pellai, autore del programma e del libro Questa casa non è un albergo! . Infatti “la maggiore vicinanza psicologica non implica però” che i padri debbano essere “iperprotettivi: una funzione tipicamente paterna è proprio quella di aiutare i figli a trovare gradualmente  la propria autonomia, la propria strada o vocazione”, aggiunge Oliverio Ferraris.

Libri e siti. Storicamente, la cura della prole è sempre stata tacitamente relegata alle donne. I padri erano distanti e meno coinvolti nei problemi quotidiani dei ragazzi. “Un tempo il papà pretendeva obbedienza da un figlio ed era un padre potente. Ora invece vuole essere amato dai figli e cerca di essere un padre competente”, aggiunge Pellai. Oggi anche i padri sono più coinvolti nella quotidianità. Aumenta la voglia di seguire i bambini e si moltiplicano siti, blog e manuali dedicati alla paternità. Fra i libri più recenti Genitori competenti, di Jesper Juul un libro con molti esempi pratici e schede per aiutare gli “insicuri” ad affrontare ogni fase della vita familiare. Spesso lo spunto sono storie di vita per trovare soluzioni a problemi quotidiani. Molte anche le iniziative e i siti dedicati ai separati o a quegli uomini che si ritrovano soli a gestire il figlio.

INTERATTIVO Le buone abitudini dei papà 2

Il gioco e lo sport. Spesso sono i padri a occuparsi dei giochi di movimento e a coinvolgere i ragazzi nella vita sportiva. Tutti in campo di Manuela Cantoia, per avviare i figli alla vita sportiva, compito spesso affidato ai padri. “Tendono a fare giochi di movimento che piacciono ai bambini, perché rispondono alle loro esigenze di crescita. Ma vanno adeguati all’età del bimbo, favorendo anche i giochi tra coetanei – dice Oliverio Ferraris – La competizione è connaturata allo sport. È quando diventa troppo seria e il genitore troppo esigente che rappresenta un problema, soprattutto se il figlio non riesce a soddisfare le attese”.

La ricerca. Nella crescita il ruolo paterno ha un ruolo fondamentale. Secondo una ricerca della New York University pubblicata su Maternal and Child Health Journal quando a soffrire di depressione è un padre, le conseguenze sullo sviluppo e autonomia dei figli possono essere pesanti. La ricerca, condotta su un campione di 22mila famiglie americane lungo l’arco di quattro anni  ha evidenziato come le possibilità dei bambini e ragazzi di sviluppare problemi emotivi o comportamentali aumentano se vivono con un padre che mostra sintomi depressivi.

L’adolescenza. Negli anni dell’adolescenza i genitori, con ruoli diversi, si completano e la presenza di un padre è ancora più importante. “Adolescenza e preadolescenza sono periodi di trasformazioni e metamorfosi importanti che richiedono da parte dei genitori sensibilità e fermezza. Bisogna vincere il desiderio di abbandonare il campo e di lasciare tutta la responsabilità alla madre, perché sia il figlio che la figlia, anche se protestano e si ribellano, sono in linea di massima avvantaggiati dalla presenza della figura paterna, sempre che questa sia valida, a cui sono spesso più inclini ad obbedire. C’è  in casa un secondo adulto con cui confrontarsi”, spiega Oliverio Ferraris.

Le regole. Anche se i padri di oggi sono più affettuosi e meno distanti di un tempo, non va dimenticato il rispetto delle regole. “Le regole svolgono un ruolo importante nella regolazione del comportamento – dice Maria Carmen Usai, coautrice di Diamoci una regolata!, in uscita ad aprile – . Con le regole diamo loro informazioni su quali comportamenti siano più accettabili. Sono efficaci se sono realmente accessibili e alla portata delle capacità  del bambino. Per assicurarsi ciò l’adulto deve individuarne poche, ma essere fermo e coerente nel farle rispettare. Spesso pensiamo che i papà  con un atteggiamento più severo abbiano maggiori possibilità di successo nel regolare il comportamento dei bambini. Il problema non è essere più o meno severi, ma essere efficaci nel comunicare al bambino ciò che da lui ci si aspetta”.

Una guida per il futuro. “Le regole rappresentano una guida, una protezione e consentono ai figli di pianificare i propri comportamenti e di fare delle previsioni. Bisogna parlarne e  spiegarle. La differenza con il passato è che i padri autoritari di un tempo non davano spiegazioni, oggi invece si dà molto più spazio al dialogo e se ne vedono gli effetti benefici”, conclude Oliverio Ferraris.

(17 marzo 2012)

L’articolo è tratto da:

http://www.repubblica.it/salute/prevenzione/2012/03/17/news/pannolini_pappe_e_biberon_la_rivoluzione_dei_nuovi_pap-31730560/?ref=HRERO-1

Il ruolo del padre quando la mamma allatta

Che fortunato quel bambino che ha un rapporto solido di amore con tutti e due i suoi genitori! I bimbi hanno moltissimo bisogno di contatto fisico e quando non stanno poppando, le amorevoli braccia del padre sono davvero un posto fantastico dove riposare.

Se stiamo a quello che ci mostra la televisione, dovremmo pensare che l’unico legame possibile tra un padre e il figlio piccolo sia rappresentato dal biberon. Tuttavia, non è il nutrimento di per sé che porta all’attaccamento tra madre e bambino, quanto piuttosto lo stretto contatto fisico, che è una parte costitutiva del rapporto di allattamento. Un padre non ha necessariamente bisogno di nutrire il suo bambino, per creare con lui un forte legame di affetto; piuttosto deve tenerlo in braccio, amarlo, giocare con lui, semplicemente passare del tempo insieme a lui.

Anche il bambino allattato molto spesso può avere un bellissimo rapporto con suo padre. Provate a sdraiare il piccolo appena allattato sul petto del papà, oppure sulla sua spalla, che è spesso uno dei posti preferiti dove essere cullati. Molti padri trascorrono momenti di grande soddisfazione mostrando ai loro piccoli il vasto e vario mondo in cui viviamo e anche le cose più semplici possono incantare un bimbo! Ci sono talmente tanti modi per coinvolgere i papà, oltre cambiare pannolini, fare il bagnetto o calmare un bimbo agitato. Siate creativi!

Uno dei modi migliori per aiutare un bambino a costruire un forte legame di attaccamento con i genitori consiste nel rispondere alle sue esigenze. Il bambino ha bisogno di sapere che sia la mamma sia il papà rispettano le sue esigenze. Porta il bimbo alla mamma quando vedi che ha bisogno di poppare: il legame del bambino con il suo papà si rafforza proprio nella misura in cui si sente sicuro del suo legame con la mamma.

Il sostegno fattivo del padre può essere di grandissimo aiuto per far funzionare bene il rapporto madre-bambino durante l’allattamento: l padre può difendere la madre dalle critiche provenienti da amici o parenti; può aiutare a calmare il bambino agitato; può semplicemente portare qualcosa da bere o da mangiare alla mamma mentre allatta e, cosa ancora più importante, può ricordare alla neo-mamma che allattare è la cosa più importante che possa fare per avviare nel modo migliore la crescita del loro bambino.

Nelle prime settimane specialmente, quando la mancanza di riposo e gli squilibri ormonali possono scoraggiare la mamma e spingerla a interrompere l’allattamento, un padre che suggerisce di “provarci ancora una volta” o che ricorda alla sua compagna che “dicono tutti che i bambini diradano le poppate dopo le prime tre settimane” è di grandissimo aiuto. Un papà che sistema i cuscini per permettere alla mamma di allattare meglio il bambino o che le porta il telefono per incoraggiarla a chiamare la sua Consulente LLL, sta davvero facendo la sua parte per nutrire il figlio!

A volte i padri si scoraggiano quando pensano che nessun’altra madre stia allattando o che nessun’altra famiglia stia affrontando gli stessi problemi. Se il più vicino gruppo de La Leche League organizza incontri dedicati alla coppia, sarà molto utile parteciparvi, per incontrare altri padri che condividono le stesse idee e vedere come altre famiglie hanno affrontato le difficoltà. Se non sono previste riunioni aperte alla coppia, è sempre possibile organizzare personalmente incontri con altre famiglie delle partecipanti al gruppo de La Leche League - e consolarsi vedendo come crescono bene i bambini allattati al seno…! Chiedi alla tua compagna di contattare una Consulente de La Leche League e mettiti in contatto con altri padri coinvolti come te nel rapporto di allattamento!

Il nutrimento è solo uno dei tanti bisogni di un bambino piccolo. Un padre può prendersi cura del suo piccolo in molti modi diversi: fargli il bagnetto, cambiargli i pannolini, aiutarlo a fare il ruttino, calmarlo quando è un po’ agitato e, naturalmente, giocare con lui. Il turno del papà, nell’alimentazione del bambino, arriva quando il piccolo passa ai cibi solidi. Anzi, può darsi che il bambino sia più propenso ad accettare alimenti solidi dal padre che non dalla madre, che il bambino associa invece all’allattamento.

Il ruolo del padre, specialmente nei primi mesi, è principalmente un ruolo di sostegno e di accudimento della madre, così che lei possa a sua volta concentrarsi sull’accudimento del bambino. Il rapporto del padre con i bambini più grandi diventa a questo punto ancor più importante. Per la mamma, può essere infatti di grande aiuto che il papà porti ai giardinetti i fratelli più grandi o faccia loro il bagnetto e così via. I papà possono anche preparare i pasti o aiutare nelle pulizie di casa. La cosa da avere sempre ben presente è che la madre e il neonato hanno bisogno di essere continuamente a stretto contatto. Certamente, la vita dei papà può non essere facile nei primi mesi. Si può a buon diritto parlare di “gratificazione rimandata”. Ben presto, però, si renderanno conto che è valsa la pena di aspettare per godere appieno di un dono meraviglioso come un bambino sano e sensibile.

I Convegni nazionali de La Leche League, che si tengono normalmente una volta l’anno, sono molto utili per i papà, perché possono conoscere altri padri con idee e problematiche famigliari sostanzialmente comuni e spesso si tengono in questa sede incontri dedicati solo ai papà.

 

Altre fonti di informazione

L’arte dell’allattamento materno, la guida all’allattamento de La Leche League, disponibile in una nuova edizione italiana aggiornata e adattata.

Da mamma a mamma n. 50, 80

L’articolo è tratto da:

http://www.lllitalia.org/index.php?option=com_content&task=view&id=138&Itemid=26

 

Se il latte materno è inquinato dobbiamo smettere di allattare?

Molti ci chiedono se la Campagna potrebbe scoraggiare le mamme ad allattare al seno i propri bambini e visti i bassi tassi di allattamento presenti nel nostro Paese e la disinformazione generale che ruota intorno a questa pratica di salute millenaria a cui non viene data l’importanza necessaria nella nostra cultura  ritengo importante chiarire alcuni aspetti fondamentali che stanno alla base di questa iniziativa.

Da un punto di vista strettamente comunicativo è chiaro che gridare a gran voce che il latte materno è inquinato è un messaggio che provoca certamente un forte impatto emotivo nelle mamme e negli addetti ai lavori che può avere come conseguenza per le mamme la preoccupazione di mettere in pericolo la salute dei propri figli attraverso l’allattamento al seno oppure per gli operatori del settore quella che venga indirettamente scoraggiato l’allattamento. Tuttavia occorre fare chiarezza e andare oltre le apparenze immediate per capire in profondità il valore di questa affermazione e perché è necessaria.

Occorre trasformare queste emozioni in azione e non cedere all’evitamento della notizia e alla censura della loro fonte.

Tutto il nostro corpo è inquinato: lo sperma maschile, l’utero femminile, l’aria che respiriamo e il cibo che ingeriamo riflettono lo stato dell’ambiente in cui viviamo e del cibo che mangiamo. Gli studi ampiamente diffusi da questa Campagna[2] provano come gli effetti più pericolosi delle sostanze inquinanti siano quelli derivati dall’esposizione alle stesse durante la vita prenatale e anche prima del concepimento. Dobbiamo per questo smettere di fare figli o di allattare? No! Dobbiamo innanzi tutto essere informati e in seguito unirci per cambiare la situazione italiana al riguardo.

Scegliere di portare la nostra attenzione sul latte materno ha molteplici obiettivi:

  • Dare valore al fatto che il latte materno rappresenta di fatto un ANTIDOTO naturale agli agenti inquinanti in quanto attraverso meccanismi biochimici delle sostanze in esso presenti, è capace di contrastare in parte gli effetti di tali agenti.
  • Porre l’attenzione sul latte materno ci dà la possibilità di compiere un biomonitoraggio dell’intero territorio italiano attraverso campioni forniti dalle mamme volontarie agli istituti di ricerca; questi sono di facile reperibilità e analizzabili con un costo contenuto. Lo scopo non sarà certo quello di creare liste di latte più o meno inquinato fine a se stesse o per seminare il panico, ma piuttosto quello di attuare misure che tutelino la salute dei più piccoli a partire proprio dalle zone più esposte agli agenti inquinanti. Fermarsi davanti al dato dell’inquinamento del latte o peggio continuare a censurare i dati presenti negli studi che stiamo diffondendo attraverso la nostra Campagna, significherebbe di fatto non fare niente per cambiare la situazione e non avere l’esatta misura dello stato del problema dal quale, invece, si può partire per attuare politiche sanitarie ed istituzionali volte a colpire nel profondo le emissioni selvagge di agenti inquinanti presenti nel nostro Paese. Di fatto, non ci sono regolamentazioni sufficienti a proteggere i nostri figli e noi stessi e i dati ci fanno capire l’urgenza di rimboccarci tutti le maniche e di smettere di tacere o scandalizzarci per un’analisi superficiale o soltanto emotiva della questione. Mai come adessooccorre agire ed è necessario farlo unendo le forze di mamme, addetti ai lavori e opinione pubblica che si devono dare da fare insieme.
  • Se le mamme saranno informate di quanto il loro latte possa servire per migliorare e difendere la salute dei propri figli in zone inquinate e non, come di quanto il loro latte attraverso il biomonitoraggio possa servire al Paese intero per uno scopo così importante, siamo certi che non si fermeranno di fronte alla possibilità di dare ai propri figli, nipoti e generazioni a venire un futuro migliore in termini di salute e di equilibrio ambientale.
  • Non dimentichiamoci poi che anche il latte artificiale può essere inquinato o contaminato. Quello in polvere, per esempio, non è un prodotto sterile. Altri sono stati ritirati dal commercio in molti paesi (la lista è troppo lunga per trascriverla) perché contenenti sostanze inquinanti di vario tipo introdotte sistematicamente o accidentalmente durante la produzione e il confezionamento. Altre contaminazioni possono accadere in fase di preparazione, per l’uso di acqua inquinata o per manipolazioni inappropriate. Recentemente è stato rilevato anche che biberon e tettarelle possano recare nella loro composizione ftalati e bisfenolo A, che per anni sono stati ritenuti innocui e che solo da pochi mesi sono vietati. Questo non può succedere con il latte materno, che è un tessuto vivo mai uguale a se stesso ed è l’unico alimento a cm 0! Come tale non inquina e non contribuisce a sprecare energia e ad accumulare, al contrario del latte artificiale, rifiuti che poi potranno essere inceneriti per produrre altra diossina.

Cosa fare allora?

Con questa Campagna chiediamo:

  1. che venga ratificata la Convenzione di Stoccolma che fissa limiti severi e rigide misure di controllo all’emissione in ambiente di sostanze inquinanti e persistenti (POPs – Persistent Organic Pollutants)[3]. L’Italia è l’unico Paese dei 151 che l’hanno sottoscritta ma non ratificata.
  2. un  biomonitoraggio a campione del latte materno e del sangue cordonale nel nostro paese. Il latte materno è un indicatore molto attendibile dello stato dell’ambiente di vita della madre ed il suo monitoraggio è raccomandato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS); negli studi fino ad ora condotti dall’OMS  l’Italia non compare e chiediamo pertanto che il nostro paese si allinei con quanto fatto al riguardo negli altri paesi  europei[4];
  3. la SOSTITUZIONE di pratiche inquinanti, antiecologiche ed antieconomiche quali l’incenerimento di rifiuti e biomasse, con pratiche virtuose quali la riduzione, il recupero, il riciclo e la trasformazione a freddo dei materiali;
  4. l’adozione di STRUMENTI DI CONTROLLO efficaci e continuativi da applicare a tutti gli impianti fonti di diossina e non eliminabili. In particolare ci sembrano indispensabili il campionamento in continuo delle emissioni di diossina da questi impianti e il monitoraggio a campione di matrici alimentari (latte, burro, formaggi, uova, carne, pesce, mitili, ecc.) nei  territori circostanti;
  5. l’approvazione del DISEGNO DI LEGGE per creare un marchio “dioxin free” per gli alimenti[5]

Non fermiamoci davanti a tali comunicazioni tanto necessarie quanto sconvolgenti. Non stiamo parlando soltanto di allattamento ma è in gioco l’intera salute delle generazioni future del nostro Paese. Elaboriamo insieme le nostre emozioni e volgiamole in azione costruttiva.

Ricordo, infine, che fra i promotori della Campagna ci sono Associazioni di genitori di bambini colpiti da tumore. Questi genitori sono l’anima del progetto e nessuno più di loro avrebbe voluto poter fare qualcosa PRIMA che i loro figli si ammalassero. Di certo adesso queste mamme e questi papà non stanno zitti ma cercano di agire nell’interesse di tutti noi;  per questo dobbiamo soltanto ringraziarli, rispettarli e prendere da loro l’esempio e la forza di fare con urgenza qualcosa e dicendo a gran voce: basta alla disinformazione su questo argomento!

Questo è il senso più profondo della nostra Campagna in difesa del latte materno dai contaminanti ambientali.

Dott.ssa Alessandra Bortolotti, psicologa perinatale.


[2] Per consultare gli studi http://difesalattematerno.wordpress.com/per-approfondire/

Inoltre a breve sarà caricato su youtube il video della conferenza stampa del 19 marzo accessibile a tutti.

[4]  L’analisi del latte materno è usata in tutto il mondo perché è il modo più semplice per valutare l’impatto degli agenti inquinanti sugli esseri umani; il latte materno è il tessuto umano più facile da ottenere ed analizzare. Si vedano le linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità:http://www.who.int/foodsafety/chem/POPprotocol.pdf ehttp://www.who.int/foodsafety/chem/pops_biomonitoring/en/index.html

Allattare in un mondo inquinato!

Aderisci alla campagna DIFESA LATTE MATERNO  DAGLI INQUINANTI! CLICCA QUI’! 

(Allattare in un mondo inquinato consigli per le mamme a cura di Adriano Cattaneo, Patrizia Gentilini, Paola Negri, Linda Maggiori)

Introduzione
La presenza di diossine e altre sostanze inquinanti (PCB –Policlorobifenili, metalli pesanti come piombo, mercurio e cadmio, pesticidi e ritardanti di fiamma, ecc…) nel latte materno è un tema complesso e delicato per le ansie e i timori che genera. Come può una mamma allattare serenamente se sa che il suo latte è inquinato? C’è il rischio di scoraggiare l’allattamento?
La letteratura scientifica sostiene l’importanza dell’allattamento al seno anche in presenza di contaminanti come quelli citati. I rischi legati all’alimentazione artificiale sono tali che, soppesando costi, rischi e benefici, non è consigliabile interrompere l’allattamento a causa della presenza di inquinanti nel latte materno. L’allattamento al seno, infatti, favorisce e protegge lo sviluppo neuropsicologico e cognitivo anche quando sia stato compromesso dall’esposizione ad inquinanti durante la gravidanza, il periodo della vita nel quale il sistema nervoso cresce maggiormente ed è quindi maggiormente soggetto ad eventuali danni. A parità di contaminazione in utero se la cavano meglio, in termini di sviluppo neuropsicologico e cognitivo, i bambini allattati al seno, soprattutto se a lungo, rispetto a quelli alimentati con formula o in maniera mista[1].
Tuttavia il timore di disincentivare l’allattamento non deve essere un pretesto per ignorare il problema. Occorre invece che le mamme e le associazioni a tutela dell’allattamento ne prendano consapevolezza e chiedano alle istituzioni monitoraggi regolari dei livelli di contaminazione del latte materno e politiche più rispettose dell’ambiente e tali da evitare la formazione di sostanze tossiche.
Diossine: cosa sono?
Le diossine (policloro-dibenzo-p-diossine PCDD e policloro-dibenzofurani PCDF o furani) sono composti chimici formati da carbonio, idrogeno, ossigeno e cloro: si tratta di sottoprodotti non voluti dei processi di combustione di plastiche clorurate o altre sostane organiche, in particolari condizioni di temperatura ed in presenza di cloro, ma possono provenire anche come sottoprodotti da processi di sintesi di pesticidi.
Dove si trovano?
Sono sostanze persistenti, insolubili in acqua e hanno un’elevata affinità per i grassi. Sono inoltre soggette a bioaccumulo e biomagnificazione: vuol dire che persistono nella catena alimentare e si concentrano via via negli organismi viventi, negli animali ed in particolare nell’uomo che ne è all’apice. La loro assunzione avviene per oltre il 90% per via alimentare, specie attraverso alimenti quali pesce, latte, carne, uova e formaggi ad alto contenuto di grassi. Questi inquinanti passano da un territorio all’altro con i venti o le acque, o con la commercializzazione di alimenti inquinati[2].
Chi produce le diossine?
In Italia numerose industrie immettono in ambiente diossine e PCB, in particolare le acciaierie e gli impianti di produzione e lavorazione dei metalli. Uno dei territori più inquinati da diossine è l’area circostante l’acciaieria ILVA di Taranto. Ma consultando il registro europeo sulle sorgenti di diossina appare chiaro che un’altra fonte importante è la combustione di rifiuti urbani, industriali e ospedalieri, responsabile del 64% circa delle emissioni complessive di tali sostanze[3].
In Italia le stime per il calcolo delle diossine emesse si basano sui dati forniti in autocontrollo dai gestori e relativi a 24 ore annuali di analisi eseguite in condizioni dinormale attività dell’impianto. È ben noto, tuttavia, che la massima produzione di diossine si ha in presenza di cambiamenti della temperatura di esercizio che le moderne tecnologie non possono evitare. Secondo recenti studi, oltre il 60% della diossina prodotta annualmente si forma nella sola fase di accensione[4]. Inoltre si pone il problema del trasporto e stoccaggio delle ceneri altamente inquinanti dei filtri.
La Conferenza di Stoccolma sui POPs (Persistent Organic Pollutants), che l’Italia ha sottoscritto ma non ha ancora ratificato (unico tra i paesi dell’Unione Europea), impone che sia ridotta quanto più possibile la produzione di diossina come sottoprodotto inevitabile di determinati processi. L’obiettivo è ridurre l’immissione nell’ambiente di queste sostanze dato che, una volta prodotte, è praticamente impossibile eliminarle.
Gli inceneritori di rifiuti e le centrali a biomassa sono sorgenti di diossina del tutto evitabili con adeguate politiche di riduzione e riciclo dei rifiuti.
I PCB: cosa sono?
A differenza delle diossine, i PCB (policlorobifenili) sono prodotti deliberatamente dall’uomo tramite processi industriali. La loro produzione è iniziata negli anni ‘30 ed è perdurata per oltre 50 anni, fino al 1985, quando sono stati ufficialmente banditi stante la loro pericolosità.
Oltre a diossina e PCB, esistono più di 300 sostanze tossiche, di cui molte cancerogene, che possano trovarsi stabilmente nel nostro corpo ed essere, al pari delle diossine e dei PCB, trasferite alla prole; tra queste, mercurio, piombo, nichel, arsenico, cadmio, benzene, idrocarburi policiclici aromatici, pesticidi e ritardanti di fiamma.
Tossicità di diossine e PCB
Diossine e PCB sono sostanze cancerogene e “endocrin disruptor”, ovvero interferenti endocrini, molecole che disturbano funzioni complesse e delicatissime dell’organismo quali quelle immunitarie, endocrine, metaboliche e neuropsichiche. In particolare, risulta essere molto pericolosa l’esposizione durante la vita intrauterina, quando gli inquinanti arrivano all’embrione e al feto interferendo con le fasi più critiche e delicate dello sviluppo sia del sistema nervoso che di altri organi.
Ma non dobbiamo preoccuparci solo degli effetti tossici di dosi massicce, oltre i limiti consentiti: l’esposizione continua, seppure a dosi “minime”, ha effetti a lungo temine non ancora conosciuti, ma non per questo meno temibili[5].
Diossina e PCB in utero e nel latte materno
La diossina e i PCB possono essere trasferiti dalla mamma al piccolo sia durante la gestazione, sia (in misura maggiore) durante l’allattamento. Benché si trasferisca più diossina al neonato tramite l’allattamento che durante la gestazione, (perché il latte contiene più lipidi del sangue placentare e perché l’allattamento può  durare ben oltre 9 mesi), è comunque più pericolosa l’esposizione in utero, anche a minime dosi, di quella via latte materno.
Per i suoi preziosi componenti (nutrienti, enzimi, anticorpi, agenti antinfiammatori, fattori di crescita, ormoni) e per le funzioni regolatrici sul sistema immunitario, neurologico e endocrinologico, il latte materno può essere considerato un fattore di protezione anche e soprattutto in zone inquinate, perché favorisce e protegge lo sviluppo neuropsicologico e cognitivo dei bambini già contaminati in utero. Rimane valida quindi la raccomandazione dell’OMS e del Ministero della Salute di allattare al seno in modo esclusivo fino al sesto mese compiuto, e di continuare ad allattare, con l’aggiunta di altri alimenti, fino ai 2 anni o oltre, ed in ogni caso finché madre e bambino lo desiderano[6].
Ricordiamoci inoltre che anche il latte artificiale può essere contaminato da diossina, e i controlli sono pochi: nel 2009 in Emilia Romagna sono stati eseguiti 13 controlli sul latte di mucca e 2 su latte per l’infanzia; in Toscana, non è stato eseguito nessun controllo su latte di mucca e su latte per l’infanzia[7].
Il latte materno, d’altra parte, rappresenta un materiale particolarmente idoneo per la valutazione dell’inquinamento “in vivo”, perché è agevole da reperire e permette di stimare l’esposizione presente e pregressa di una popolazione. Questo significa che il latte materno è un indicatore del tipo e della concentrazione di sostanze inquinanti che si trovano nell’organismo delle persone che vivono in una data zona, il cosiddetto “body burden”. Grazie alle misure di controllo messe in atto dopo l’entrata in vigore, nel 2004, della Convenzione di Stoccolma (che l’Italia non ha ratificato), i livelli di contaminazione del latte materno stanno diminuendo in Europa, ma mancano studi su vasta scala sulla situazione nel nostro paese, sia dal punto di vista geografico che temporale[8]. In carenza di adeguate informazioni da parte delle istituzioni preposte, i cittadini si organizzano in comitati spontanei (come a Montale, Taranto, Brescia, Forlì) e spesso provvedono con propri fondi all’esecuzione di analisi e controlli. Le analisi su campioni raccolti in Italia, in zone vicine ad inceneritori o acciaierie, segnalano un preoccupante livello di diossina nel latte materno: un lattante di 5 kg può trovarsi ad assumere da 18 a 80 o perfino da 240 fino a quasi 1200 pg/kg/die di diossine (invece dei 2 pg/kg/die raccomandati come massimi livelli da OMS ed Unione Europea per gli adulti), a seconda che risieda in una zona rurale, a Montale, a Taranto o a Brescia[9].
Occorre un monitoraggio continuo e indipendente su campioni di latte materno e sul sangue del cordone ombelicale, anche per evitare che l’assenza di dati certi possa ingenerare un allarme incontrollato e disincentivare l’allattamento al seno. Le mamme che allattano, e più in generale le donne in età fertile, se correttamente informate sui possibili danni al feto e al lattante, sono le persone più interessate a far pressione perché diminuisca l’inquinamento ambientale da diossina ed altre sostanze. Un serio monitoraggio sui livelli di diossina nel latte materno è uno strumento importante di lotta contro l’inquinamento ed allo stesso tempo può essere uno strumento di protezione dell’allattamento al seno.
Consigli alle mamme
Come minimizzare i rischi di contaminazione durante la gravidanza e l’allattamento (tratto da un articolo di Betty Crase[10]):Consuma preferibilmente cibi genuini, freschi e prodotti possibilmente lontano da fonti di contaminazione e  senza utilizzo di prodotti chimici . Prediligi- quando possibile- il consumo di alimenti con certificazione  biologica: la certificazione biologica prevede che gli alimenti siano coltivati lontano da autostrade/siti industriali, discariche e soprattutto senza uso di  pesticidi.

  • Evitare il contatto sul lavoro con agenti chimici inquinanti; pretendere che sul lavoro siano fissati livelli di sicurezza che considerino le donne gravide e allattanti come i modelli di riferimento.
  1. Consuma cibi genuini, freschi e se possibile prodotti lontano da siti industriali, discariche e inceneritori e senza utilizzo di prodotti chimici, se possibile biologico.

  2. Limita il consumo di carni, pesce, uova, latte, (essendo all’apice della catena alimentare, sono i più contaminati) e cerca di eliminare il grasso della carne, dove si concentrano inquinanti liposolubili come la diossina.
  3. Preferisci carni e uova biologiche, allevati lontano da inceneritori, cementifici, industrie metallurgiche, acciaierie ed insediamenti industriali in genere.
  4. Preferisci pesci piccoli (quelli più grandi sono all’apice della catena alimentare), in particolare il pesce azzurro (ricco di sostanze benefiche per la salute della donna in gravidanza e del feto).
  5. Preferisci frutta e verdura biologica. Se non è possibile, lava bene e togli la buccia.
  6. Evita bruschi cambiamenti di peso, come ingrassare troppo durante la gravidanza e diete dimagranti dopo il parto, che immettano nel sangue all’improvviso maggiori quantità di fattori inquinanti liposolubili, come i PCB.
  7. Evita di fumare sigarette e di bere alcool poiché i livelli dei fattori inquinanti più elevati sono stati rilevati nelle persone che fumano.
  8. Evita l’uso di pesticidi (insetticidi, diserbanti, fungicidi, ecc.) e di sostanze chimiche in generale, in casa, nel giardino e sull’erba.
  9. Non utilizzare cosmetici realizzati con materie prime contaminate. Per lenire eventualmente capezzoli dolenti o il dolore da ragadi durante l’allattamento, utilizza soltanto lanolina di qualità medica.
  10. Fai attenzione ai prodotti che si utilizzano per la pulizia della casa, il bucato, l’igiene personale: ricorda che aceto, bicarbonato, acido citrico, sapone naturale  ecc. possono evitare grandemente  l’utilizzo di prodotti chimici.
Conclusioni
IBFAN Italia e Mami condividono e sostengono pienamente il lavoro di denuncia e ricerca di tanti medici ed operatori sanitari, in particolare quelli appartenenti all’associazione International Society of Doctors for the Environment (ISDE)[11].Crediamo che la protezione dell’allattamento passi anche dal rispetto e dalla tutela dell’ambiente che ci circonda. Per questo, oltre a sensibilizzare le mamme ad adottare stili di vita salutari e poco inquinanti, siamo pienamente d’accordo con ISDE e con Associazioni e Comitati di mamme e Cittadini indipendenti nel chiedere alle istituzioni che:
  1. Sia effettuato un biomonitoraggio regolare e indipendente per la presenza di diossina ed altre sostanze inquinanti, sia sul latte materno che sul sangue del cordone ombelicale, per un’accurata sorveglianza dello stato di salute complessivo della popolazione infantile.
  2. Siano messe al bando pratiche altamente inquinanti, oltre che illogiche quali l’incenerimento di rifiuti, biomasse e quant’altro, che una volta avviate ostacolano il diffondersi di pratiche virtuose quali la riduzione, il recupero e il riciclo dei rifiuti[12].
  3. Siano diffuse pratiche virtuose quali la riduzione, il recupero e il riciclo dei rifiuti.
  4. Siano imposti vincoli normativi ben più rigidi ad impianti produttivi realisticamente non eliminabili almeno per l’immediato, come ad esempio le acciaierie, sia in ordine all’entità delle emissioni che alla loro localizzazione nei pressi di centri abitati e/o di territori in cui si pratica l’allevamento di bestiame, pesci e molluschi, per l’elevato rischio di contaminazione delle catene alimentari[13].
  5. Sia ratificata la Convenzione di Stoccolma sui POP’s[14].
LETTURE E LINK CONSIGLIATI
Allattamento al seno:
Linee di indirizzo nazionali sulla protezione, la promozione ed il sostegno dell’allattamento al seno. Gazzetta Ufficiale N.32 del 7 Febbraio 2008
Studi su diossina, PCB e latte materno:
P. Gentilini, A.M. Moschetti, E. Burgio, , S.Raccanelli, M. Bolognini, A.Cattaneo. Xenobiotici nel latte materno, il caso delle diossine, Il Cesalpino, Rivista medico-scientifica dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Arezzo, 2010 n. 26, pag 15-22.
P. Gentilini, Diossina nel latte delle madri, in Europa, in Italia e a Taranto, quali sono i rischi e come  possiamo difenderci dalla contaminazione?
Giornate di studio su Inquinamento e salute Ordine Medici chirurgi e odontoiatri, provincia di Taranto, Taranto 22 gennaio 2011
G. Calamandrei, Xenobiotici nel latte ed attività neuroendocrina, Istituto superiore della sanità, Roma , 21-22 giugno 2007
Primavera G., Contaminanti chimici nel latte materno, XXII Congresso Nazionale ACP Palermo,
Tomatis L. Prenatal exposure to chemical carcinogens and its effect on subsequent generations. Natl Cancer Inst Monogr 1979;51:159-84.
Betty Crase,”Pesticidi e allattamento al seno”  Leaven  vol.30 n.3, pp. 37-40 maggio 1994
Analisi su campioni biologici (polli, uova, latte materno) condotta a Coriano (FO) dall’ISDE Associazione Medici per l’Ambiente www.isde.it ;
per una rassegna stampa vedi anche su Corriere Romagna, Resto del Carlino, La voce del 20 aprile 2011. Comunicato stampa Ausl Arpa Forlì, 22-04-2011. Risposta dell’ISDE al Comunicato Arpa Ausl, 23-04-2011
Unione Europea e rifiuti:
Direttiva 2008/98/CE,  la Direttiva antepone la prevenzione al riutilizzo, al riciclaggio e alle altre modalità di recupero, relegando in fondo alla scala sistemi di smaltimento quali la messa in discarica.
Relazione 19 gennaio 2011 della Commissione Europea sulla riduzione  e riciclaggio dei rifiuti da parte degli Stati membri:http://ec.europa.eu/environment/waste/strategy.htm
Conferenza Stoccolma sui Persistent Organic Pollutants, maggio 2001. www.pops.int
United Nations, “Regional monitoring reports under the global monitoring plan for effectiveness evaluation: additional human tissue data from
the human milk survey”, 23 Febbraio 2011, Conference of the Parties to the Stockholm Convention on Persistent Organic Pollutants Fifth meeting
Buone pratiche:
Coordinamento GCR Parma, “L’alternativa c’è. Progetto alternativo per la gestione dei rifiuti” scaricabile su http://gestionecorrettarifiuti.it/no-inceneritore/alternative.html
Centro Riciclo Vedelago: http://www.centroriciclo.com/: in questo centro è stata messa a punto la sperimentazione dell’”estrusore”, che trasforma a freddo il materiale secco non riciclabile per ricavarne sabbia sintetica inerte e non inquinante da utilizzare nei calcestruzzi.
Rete Nazionale Rifiuti Zero: http://www.rifiutizerocapannori.it/, tra i suoi maggiori ideatori Paul Connett, professore della St. Lawrence Universty di Canton.

[1] Mead MN. Contaminants in human milk: weighing the risks against the benefits of breastfeeding. Environ Health Perspect 2008;116:A427-A434.
[2] P. Gentilini, A.M. Moschetti, E. Burgio, , S.Raccanelli, M. Bolognini, A.Cattaneo. Xenobiotici nel latte materno, il caso delle diossine, Il Cesalpino, Rivista medico-scientifica dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Arezzo, 2010 n. 26, pag 15-22.
[4] Wang LC, Hsi HC, Chang JE et al. Influence of start-up on PCDD/F emission of incinerators. Chemosphere 2007;67:1346-53.
[5] Tomatis L. Prenatal exposure to chemical carcinogens and its effect on subsequent generations. Natl Cancer Inst Monogr 1979;51:159-84.
[6] Linee di indirizzo nazionali sulla protezione, la promozione ed il sostegno dell’allattamento al seno. Gazzetta Ufficiale N.32 del 7 Febbraio 2008
[7] Comunicazione del Dott. Diegoli, veterinario della regione Emilia Romagna nel 2009.
[9] Vedi nota 2
[10] Betty Crase, Leaven  vol.30 n.3, pp. 37-40 maggio 1994
[13] P. Gentilini, A.M. Moschetti, E. Burgio, , S.Raccanelli, M. Bolognini, A.Cattaneo. Xenobiotici nel latte materno, il caso delle diossine, Il Cesalpino, Rivista medico-scientifica dell’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Arezzo, 2010 n. 26, pag 15-22.