Consigli per ridurre il contatto con i pollini

Nel periodo dell’impollinazione per i bambini allergici ai pollini è consigliato:

  • in condizioni favorevoli all’impollinazione (temperatura 25-30°C vento a velocità di 5-15 Km /ora umidità relativa 60-90%) è consigliato limitare al massimo il tempo trascorso all’aperto;

  • in giornate particolarmente ventose e assolate è bene viaggiare in auto con i finestrini chiusi;

  • le passeggiate in bicicletta o i giri in motorino dovrebbero essere permessi solo usando la mascherina davanti alla faccia che copra naso e bocca con occhiali da sole aderenti al volto;

  • in casa tenere le finestre chiuse specie nella stanza dove dorme il bambino allergico ai pollini;

  • è bene evitare i luoghi dove è stata appena tagliata l’erba e rotolarsi sull’erba;

  • attenzione agli animali domestici specie se vivono all’aperto (il pelo può raccogliere pollini e portarli in casa, il bambino accarezzando l’animale può venire in contatto con i pollini stessi);

  • fare la doccia e lavare i capelli ogni giorno.

In riva al mare o in alta montagna (oltre i 1500 metri), pollen free, i disturbi scompaiono immediatamente; per questo motivo i genitori di bambini con allergia ai pollini sono propensi a trascorre il periodo critico in località marine.
Tuttavia l’allontanamento dal proprio ambiente per evitare il contatto con i pollini, rimane una soluzione temporanea, e spesso poco praticabile. È difficile, infatti, e non sempre raccomandabile, separare il bambino dalla famiglia, dagli amici e dalla scuola. È utile invece individuare il periodo di impollinazione delle piante a cui il bambino è allergico e ricordare che in collina (a un’altitudine compresa fra i 500 e gli 800 metri) l’impollinazione avviene con circa un mese di ritardo, e che durante il taglio dei prati la concentrazione dei pollini nei dintorni aumenta considerevolmente. È importante infine seguire la cura preventiva, somministrando per periodi prolungati antistaminici di seconda generazione e antinfiammatori steroidei locali (congiuntivali, nasali o per inalazione orale nell’asma), su consiglio del pediatra e, naturalmente, mettere in atto tutti gli accorgimenti che possono difendere dal contatto diretto dei pollini durante i periodi di impollinazione.
Va ricordato infine che per i bambini che hanno difficoltà ad assumere i farmaci sopracitati per lunghi periodi, si può ricorrere alla immunoterapia specifica (vaccini antiallergici) con estratti allergenici di pollini (graminacee o parietaria ) a cui è risultato allergico.

2 thoughts on “Consigli per ridurre il contatto con i pollini

  1. Thanks , I’ve just been looking for information approximately this topic for a long time and yours is the best I’ve discovered till now.
    However, what about the conclusion? Are you sure concerning the
    source?

  2. well, my source is my pediatrician if you need I try to contact him to ask for the reference, but I don’t know when he will answer, sorry🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...