COMUNICATO STAMPA: Infanzia: cibi industriali meglio di quelli naturali? Vietato disinformare

I pediatri ACP contestano la presupposta scientificità circa la maggiore qualità e sicurezza del baby food industriale rispetto ai prodotti naturali. I medici pediatri garantiscono per la nutrizione dei bambini, ma non sono i portavoce dell’industria e non possono disinformare e creare confusione nelle famiglie. Per crescere sani, i pediatri ACP ribadiscono: allattamento al seno nei primi mesi di vita e poi tanto buon senso, un’alimentazione sana ed equilibrata per tutta la famiglia, magari scegliendo i prodotti biologici.
I pediatridell’Associazione Culturale Pediatri intendono dissociarsi dalleraccomandazioni sui vantaggi degli alimenti industriali specifici per l’infanziaper la nutrizione dei bambini, recentemente diffuse in un depliant per lefamiglie dalla Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP). Nel depliant silegge che: «Il 50% della frutta fresca contiene livelli di pesticidi nonidonei all’alimentazione infantile» e che: «il 35% del grano in Italia contieneresidui di pesticidi troppo elevati per l’alimentazione infantile».
Quindi è preferibile dare ai bambini frutta industrialmente preparatapiuttosto che frutta fresca?
La Fimpparla come organo scientifico, ma nei toni e nella sostanza riporta quantoaffermato da una nota campagna pubblicitaria del marchio leader del baby foodin polemica con un’altrettanto marca leader di prodotti alimentari (inutilegirarci intorno la guerra è quella tra Plasmon e Barilla).
I pediatri nondovrebbero prestarsi a questi “giochi” di concorrenza industriale.
Per questo l’ACP ricorda che i dati riportati da Fimp nelcomunicato a supporto della validità di queste affermazioni sono ampiamentediscutibili.
La normativa sui pesticidi.In tutta l’Unione Europea, da settembre2008 è in vigoreun nuovo regolamento che modifica le disposizioni per i residui dei pesticidi (Regolamento (CE) n.396/2005 del Parlamento europeo e del Consiglio del 23 febbraio 2005.). La legge indica i limiti quantitativi tollerabili per la sicurezzaalimentare di tutti: adulti e bambini. L’Autorità europea per la sicurezzaalimentare (AESA) verifica che tale residuo sia sicuro per tutte le categoriedi consumatori, compresi i gruppi vulnerabili come i neonati, i bambini e i vegetariani.
Perquesto i pediatri dell’ACP:
  • intendono rassicurare e incoraggiare tutti quei genitori che, intorno al sesto mese di vita, ricorrono all’alimentazione complementare a richiesta del bambino, utilizzando gli alimenti che essi stessi assumono;
  • ribadiscono l’importanza di un’adeguata informazione ai genitori per un’alimentazione salutare per tutta la famiglia e si impegnano a realizzare campagne di stampa ad hoc;
  • incoraggiano una dieta ricca di frutta, verdura e vegetali per tutta la famiglia, ricorrendo quando è possibile ai prodotti a filiera corta e in questo caso spesso anche biologici. (anche ricorrendo alla partecipazione a gruppi di acquisto solidale, i cosidetti G.A.S.);
  • ritengono che l’assunzione di cibi industriali penalizza la cultura del cibo propria delle diverse popolazioni e delle diverse famiglie attraverso la delega a “terzi più esperti” anche del semplice atto del nutrire il proprio figlio;
  • si impegnano a continuare a battersi per sensibilizzare gli enti preposti alla sicurezza alimentare per migliorare sempre di più le leggi e i regolamenti, insieme anche alle associazioni a tutela dei consumatori;
  • ritengono che le azioni di advocacy per mettere a tavola cibi sicuri rientrano nel più vasto capitolo della salvaguardia dell’ambiente, obiettivo prioritario di salute pubblica. Gli interventi devono essere “politici” e devono ricadere su tutta la popolazione, con inclusione ovviamente delle fasce più vulnerabili (feti ed embrioni compresi);
  • mettono in risalto che la promozione dei cibi dell’industria per i bambini penalizza le famiglie meno abbienti, e peggiora la qualità dell’ambiente attraverso la moltiplicazione dei rifiuti da imballaggio e il loro smaltimento e il trasporto attraverso i territori.
  • Infine, l’ACP ritiene che, nell’ambito del generale principio di trasparenza, documenti di questo genere comportino – come accade in tutto il mondo – la necessità di dichiarare la fonte di finanziamento alla base della campagna di informazione.
Dott. Paolo Siani – Presidente ACP
Dott. Giacomo Toffol– Responsabile gruppo Ambiente/Pediatri per unmondo possibile ACP
Dott.  Sergio Conti Nibali – Responsabile gruppoNutrizione ACP


Per informazioni
Lucilla Vazza – Ufficio stampa ACP

mail:ufficiostampaacp@gmail.com

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...