Latte materno e sviluppo

Nel ricostruire la storia (anamnesi) dei bambini che si rivolgono a me perché affetti da malocclusioni legate all’abitudine a respirare a bocca aperta, nove volte su dieci emerge un allattamento materno assente o insufficiente.

A parte i casi di mamme “prive” o quasi di latte per i loro cuccioli, non raramente mi capita di sentire il racconto della mamma rattristata o contrariata nel ricordare che di latte ne aveva ma, arrivata al sesto, ottavo oppure decimo mese ha interrotto l’allattamento su consiglio della/del pediatra.

In genere tale consiglio viene motivato dal fatto che il latte materno dopo alcuni mesi subisce una riduzione del suo valore nutritivo. Per cui il bambino cresciutello avrebbe bisogno di altri nutrienti e in maggiore quantità rispetto a quelli che può fornire il latte della mamma.

Vorrei in questa sede cogliere l’occasione per ricordare ai colleghi/e e per rendere noto alle mamme che, da diversi anni ormai, si è accordata all’allattamento materno maggiore importanza rispetto a quanto normalmente si possa pensare.

E anche se non è pratica comune nei Paesi industrializzati, sia l’UNICEF che la WHO (Organizzazione Mondiale della Sanità) raccomandano l’allattamento al seno “per due anni e mezzo e anche oltre”. Questa affermazione che riassume un po’ il tutto, è stata tratta dall’articolo Come il latte materno protegge il neonato di Jack Newman, M.D., pubblicata su “Scientific American” nel Dicembre 1995!

Ma soprattutto vorrei sensibilizzare le mamme su un argomento di cui pediatri e otorinolaringoiatri sembrano essere all’oscuro: lo sviluppo neurologico e muscolare della faccia e delle funzioni associate al collo.

Allattamento al seno non è solo latte della mamma; è anche, e soprattutto, addestramento neurologico, muscolare e sensoriale specie-specifico.

Significa che l’essere umano, per poter sviluppare in pieno il potenziale della propria specie, deve “imparare” i corretti parametri di una serie di funzioni che, una volta automatizzate, saranno poi responsabili del divenire e del destino biologico della persona.

Il comportamento automatico della lingua, delle labbra, di tutti in tessuti molli ad esse collegati determinano il futuro sviluppo della persona, non solo la forma della sua faccia, e devono pertanto ricevere il miglior addestramento funzionale possibile, che è quello del seno materno.

Questo aspetto è assolutamente ignoto agli operatori medici che lavorano coi bambini, a giudicare dalla qualità dell’informazione (assente o distorta) che i pediatri forniscono alle mamme.

Sfortunatamente non esiste una campagna informativa, anzitutto per pediatri e, in secondo luogo, per le mamme, riguardante argomenti come
– I danni da sostituzione del seno materno con surrogati meccanici (ciucci e biberon),
– I danni da consumo di cibi unicamente molli, in seguito allo svezzamento,
– La completa assenza di istruzioni su come, quanto, quando nutrire i bimbi dopo lo svezzamento.

Questa assenza di informazioni getta le basi per i futuri problemi medici della popolazione infantile, che poi si trasformano in quelli della popolazione adulta dei Paesi occidentali tecnologizzati e inurbati.

Praticamente tutte le malattie del bambino di oggi sono legate a questi fenomeni. È assolutamente possibile rimediare, ma bisogna essere informati. Non è vero che ogni cibo o ogni modo di nutrirsi siano equivalenti. È strategico sapere, perché tutti i nostri problemi derivano solo dall’ignoranza delle corrette abitudini igieniche di vita.

Nell’immagine di destra osserviamo un bambino la cui lingua è stata abituata ad assumere una postura in basso e in dietro dalla sostituzione del seno materno colciuccio e il biberon. La diversa forma del viso (disfunzionale) che assume rispetto al bambino di sinistra dipende dalla ginnastica posturale “al contrario” che ciucci e biberon fanno su lingua, labbra, guance, naso, orecchio interno, collo.

Tre mesi di ciuccio giorno e notte dai 6 mesi ai due anni equivalgono in termini neuromuscolari ad un addestramento da body builder di livello internazionale per almeno 10 anni di seguito !!! Questo perché quanto più siamo giovani, tanto maggiori sono le capacità di apprendimento del nostro sistema nervoso in tempi brevi e con stimoli anche discontinui.

Solo che, sfortunatamente, non possiamo distinguere la qualità dell’esperienza che ci viene fornita. Ciò significa che se lo stimolo all’apprendimento è scorretto e disfunzionale (ciuccio invece del seno, cibo spazzatura invece di quello buono ecc.), lo sviluppo dell’individuo sarà, in proporzione, scorretto e disfunzionale.

Ecco cosa sono le malattie della civilizzazione: sono la somministrazione di stimoli disfunzionali, per ignoranza di ciò che è stimolo fisiologico, sin dall’infanzia e su larga scala, cioè indistintamente sull’intera popolazione.

Ogni giorno di più si accresce il volume di informazioni che corroborano l’ipotesi secondo cui le malattie dei popoli civilizzati si trasmettono da una generazione all’altra in modo epigenetico.

Questo significa che l’esperienza disfunzionale che modella il comportamento automatico del mio corpo sarà responsabile non solo delle malattie che colpiranno me, ma anche quelle che colpiranno i miei figli ancora più precocemente di quando hanno colpito me.

L’evidenza dell’abbassamento dell’età per lo sviluppo di obesità e diabete (che oggi colpiscono sempre più i nostri bambini), così come i connotati facciali sempre meno attraenti dei nostri adolescenti sono fenomeni assolutamente paralleli .

Solo la nostra disinformazione ci impedisce di rinoscerne la parentela…

Dott. Andrea Di Chiara
odontoiatra
Presidente di AIPRO – Associazione Italiana per la Prevenzione della Respirazione Orale

L’articolo è stato tratto da:

http://www.bambinonaturale.it/2011/12/latte-materno-sviluppo/#more-12406

One thought on “Latte materno e sviluppo

  1. molto interessante…e dà un ottimo spunto su cosa a dire a tutti i simpaticoni che chiedono “ma lo allatti ancora?????ma il tuo latte è acqua ecc ecc ecc

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...