Archivio | maggio 2012

La tosse: spazzacamino dei bronchi di Leo Venturelli

La tosse può diventare fastidiosa e a volte preoccupa i genitori; eppure si tratta di un efficace meccanismo di pulizia delle vie respiratorie provocato da corpi estranei, polvere, muco e catarro, sostanze chimiche come il fumo, cambiamenti bruschi di temperatura o di umidità dell`aria. Con la tosse l`aria viene espulsa in modo forzato dai polmoni nel tentativo di gettare fuori anche lo stimolo irritante. È dunque un meccanismo utile per l`organismo: impedisce di bloccarsi al flusso di aria che raggiunge i polmoni e che garantisce l`ossigenazione del sangue.

C’è tosse e tosse. A seconda della causa che la produce e della zona delle vie respiratorie coinvolte dall`infiammazione, la tosse può presentarsi in diversi modi: secca, stizzosa, a colpi: in questi casi è provocata quasi sempre dall`irritazione della laringe o della trachea, le parti più alte dell`albero respiratorio; catarrale e produttiva: il muco prodotto dipende dalla irritazione di tutte le vie respiratorie (alte e basse); asmatica: caratterizzata da sibili e fischi che il medico sente auscultando il torace, ma che spesso anche la mamma sente vicino alla bocca del bambino. In realtà, una mamma si accorge da sé se si tratta di una tosse facile, relativamente superficiale, oppure se “viene da dentro”, se “porta su” qualcosa e se si tratta di catarro fermo e denso, oppure fluido, molle o, magari, di un corpo estraneo.

Quali sono le cause? Di solito la tosse deriva da un`infezione, per lo più virale, destinata a guarire da sola. Il virus altera la qualità e la quantità del muco che normalmente protegge la parete del naso, della trachea e dei bronchi: il muco diventa più abbondante e più denso; per i bronchi e la trachea è come un corpo estraneo: scatta perciò il riflesso della tosse. Questo muco alterato viene chiamato “catarro”. L`infezione può essere dovuta anche a batteri: in questo caso la malattia non si ferma alla superficie mucosa del bronco, ma può arrivare agli alveoli polmonari, la parte più profonda dei polmoni: non è più soltanto un raffreddore e la febbre è spesso elevata. Se qualcosa, per esempio un seme, invece di scendere giù per l`esofago, va nella trachea, ecco che scatta il riflesso della tosse per espellerlo: tosse dovuta da corpo estraneo. Nell`adulto una causa possibile è anche il tumore; nel bambino (molto raramente) ci sono delle malformazioni o delle malattie congenite che alterano la composizione del muco, oppure la capacità del bronco di liberarsene. In questi casi, la tosse ha un`insistenza e una “cattiveria” speciali. Se la faccenda dura a lungo, il pediatra non potrà non sospettarlo e chiederà i giusti esami. Alle infezioni si aggiunge, infine, l`allergia respiratoria (l`asma), più in là, magari, il fumo di sigaretta. Una volta c`era la pertosse, ma adesso c`è il vaccino e la pertosse non esiste quasi più.
Lo stare con altri bambini all’asilo è la causa principale delle infezioni respiratorie che danno la tosse. All`età della scuola dell`obbligo ci si ammala già molto meno.

Cosa si può fare per alleviare il fastidio?
 Poiché la tosse è un meccanismo utile all`espettorazione del muco, non si deve sempre cercare di eliminarla, a meno che non sia così fastidiosa da impedire il sonno del bambino. In questo caso, ecco alcuni consigli:
Somministrare al bambino liquidi tiepidi. Il catarro aderisce alle pareti del faringe o alla laringe, le bevande calde agiscono localmente decongestionando le vie respiratorie e aiutano il muco a sciogliersi: l`acqua è il più potente “mucolitico” esistente in natura! Si consigliano thé, limonata o anche solo acqua; quando la tosse è secca, è utile somministrare 1 o 2 cucchiaini di miele o di sciroppo concentrato di zuccheri o di frutti, come l`amarena o il tamarindo.
Mantenere umido l`ambiente: un`umidità relativa del 40-60% è quella giusta; esistono in commercio umidificatori di vario tipo. Non è indispensabile sciogliere sostanze balsamiche nell`acqua, che anzi, a volte potrebbero irritare le vie respiratorie (ma niente umidità in casa degli allergici alla polvere, perchè il vapore favorisce la moltiplicazione degli acari).
Umidificare direttamente l`aria che il bambino respira: i più piccoli possono essere condotti in bagno per 15 minuti, dopo aver aperto tutti i rubinetti dell`acqua calda (lo specchio ed i vetri devono essere appannati). Questa tecnica è utile in caso di tossi secche.
Evitare il fumo passivo che si respira in ambienti in cui sono o sono stati presenti fumatori: il fumo stimola la tosse agendo come irritante delle mucose… anche quelle del bambino sano!
Non forzare il bimbo a mangiare: quando si è malati non si mangia mai volentieri.
Usare solo le gocce o gli sciroppi calmanti consigliati dal pediatra e solo in bambini dall`anno in su, quando la tosse è molto fastidiosa.

Programmate una visita se: 
– È presente febbre per più di 3 giorni: potrebbe trattarsi di una malattia batterica che richiede terapie antibiotiche.
– La tosse dura da più di 2-3 settimane; non è una situazione rara ma vale la pena di vedere il bambino: potrebbe avere una sinusite o un disturbo allergico.
– Il bambino ha meno di 3 mesi: a questa età è più facile che semplici raffreddori possano dare complicazioni;
– Se il bambino tossisce a lungo nel periodo primaverile (possibile allergia ai pollini) o dopo aver dormito in una casa rimasta chiusa da molto tempo (possibile allergia alla polvere).
– La tosse fa perdere sonno al piccolo o vi costringe a tenerlo a casa da scuola per parecchi giorni;
– La tosse si associa a vomito;
– Il bambino tossisce e ha dolore al torace: può dipendere da un risentimento pleurico.
– Siete comunque preoccupati: quando il genitore è preoccupato per qualunque motivo riguardo la salute del proprio bambino, è utile che si rivolga con fiducia al proprio pediatra.

Avvertite subito il pediatra se: 
Il bambino ha pochi mesi e tossisce spessissimo.
Respira con affanno: potrebbe esserci una difficoltà al passaggio dell`aria dai bronchi ai polmoni.
Ha la respirazione frequente e difficile, anche quando non tossisce.
Ha le labbra di un colorito grigiastro o si fanno scure durante l`attacco di tosse: questo indica che ci può essere un difetto d`ossigenazione.
C`è sospetto di inalazione di corpi estranei: in questo caso la tosse compare improvvisamente dopo un momento in cui sembra che il piccolo stia soffocando.

SIRT 
È la sigla che usano i medici: vuol dire Sindrome da Iperreattività dei Recettori della Tosse. È il modo scientifico di chiamare quella tosse secca, fastidiosa che si riproduce da sola e che hanno alcuni bambini (ma ce l`hanno spesso anche i loro genitori o i fratelli, perchè è probabilmente costituzionale). Sono bambini che quando cominciano a tossire non la finiscono più; più tossiscono e più viene loro la tosse. A volte fanno l`aerosol… e stanno peggio. Non hanno nulla di grave, si tratta semplicemente del fatto che i loro “recettori della tosse”, piccole terminazioni nervose che si trovano in gola, nella trachea e nei bronchi, sono troppo sensibili, si irritano facilmente e continuano ad irritarsi sempre più ad ogni colpo di tosse. In questi casi il pediatra potrà consigliare un calmante della tosse e sarà forse l`unica condizione in cui calmare la tosse troverà una giustificazione.

Tratto da UPPA:

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=454&idr=17&idb=0

DECALOGO DI SAVE THE CHILDREN PER AFFRONTARE EVENTI DIFFICILI

Il decalogo dell’organizzazione, pubblicato sul sito internet www.savethechildren.it, prevede:
1. Evitare che i bambini stiano troppo davanti alla televisione: continuare a veder immagini del disastro non aiuta i bambini a superare il trauma, perché potrebbero non capire che si tratta di immagini registrate e pensare che l’evento catastrofico sia ancora in corso.
2. Ascoltare attentamente i bambini: prima di fornire loro informazioni, cercare di capire qual è la percezione dell’evento e quali i loro interrogativi in merito. Iniziare a dialogare con loro per fornire delle spiegazioni chiare di quanto accaduto, che siano comprensibili in base all’età, lasciando che esprimano le proprie preoccupazioni e tranquillizzarli.
3. Rassicurare i bambini e fornire loro il primo supporto psicologico: rasserenarli spiegando loro quello che si sta facendo per proteggerli, nonché informarli che durante un’emergenza la cosa che si considera prioritaria è aiutarli, affinchè si sentano al sicuro.
4. Accettare l’aiuto di esperti: in caso di vittime in famiglia è importante considerare di rivolgersi a personale specializzato per aiutare sia i bambini che gli altri membri della famiglia a superare il trauma della perdita. Inoltre, anche se non hanno sperimentato direttamente questo shock, bisogna considerare che i bambini possono essere stati turbati da scene che hanno visto o storie che hanno ascoltato. I genitori devono prestare particolare attenzione ad ogni cambiamento significativo nelle abitudini relative a sonno, nutrizione, concentrazione, bruschi cambiamenti d’umore, o frequenti disturbi fisici senza che ci sia un’apparente malattia in corso, e in caso questi episodi non scompaiano in un breve lasso di tempo, si consiglia di rivolgersi a personale specializzato.
5. Aspettarsi di tutto: non tutti i bambini reagiscono allo stesso modo ad eventi traumatici e con lo sviluppo, le capacità intellettuali, fisiche ed emozionali dei bambini cambiano. Se i più piccoli dipendono dai propri genitori per avere la chiave d’interpretazione di quanto accaduto, quelli più grandi e gli adolescenti attingono informazioni da varie fonti. Tener presente che soprattutto gli adolescenti possono essere maggiormente colpiti da queste storie proprio perché in grado di capire meglio. Benché i ragazzi più grandi sembrano avere più strumenti a loro disposizione per gestire l’emergenza, hanno comunque bisogno di affetto, comprensione e supporto per elaborare l’accaduto.
6. Dedicare tempo e attenzione: i bambini hanno bisogno di sentire che gli adulti di riferimento sono loro particolarmente vicini e di percepire che sono salvi e al sicuro. È fondamentale parlare, giocare con loro e soprattutto ascoltarli, trovare il tempo per svolgere apposite attività con i bambini di tutte le età, leggere loro storie o cantare l’abituale ninnananna per farli addormentare.
7. Essere un modello: i bambini imparano dai grandi come gestire le emergenze. Occorre essere attenti ad esprimere le proprie emozioni di fronte ai bambini a seconda della loro età.
8. Imparare dall’emergenza: anche un evento catastrofico può essere un’opportunità di far capire ai bambini che tutti viviamo in un mondo dove possono accadere queste cose e che in questi momenti è essenziale aiutarsi l’un l’altro.
9. Aiutare i bambini a ritornare alle loro normali attività: quasi sempre i bambini traggono beneficio dalla ripresa delle loro attività abituali, dal perseguire i propri obiettivi, dalla socialità. Quanto prima i bambini ritorneranno al loro ambiente abituale e meno si continuerà a parlare del sisma, più riusciranno a superare velocemente il trauma.
10. Incoraggiare i bambini a dare una mano: aiutare gli altri può contribuire a dare ai bambini un senso di sicurezza e controllo sugli eventi. Soprattutto gli adolescenti possono sentirsi artefici di un cambiamento positivo. È pertanto importante incoraggiare i bambini e i ragazzi a dare il loro aiuto alle organizzazioni che assistono i loro coetanei.

Raccolta generi alimentari per vittime terremoto

Ciao a tutti,

abbiamo organizzato anche a S.Ilario d’Enza un punto di raccolta
materiale per le giornate di giovedì 31 maggio, venerdì 1 giugno e
sabato 2 giugno (solo mattina fino alle 12) ogni cosa donata, su
indicazione della stessa Protezione Civile, verrà portata ad Azione
Solidale di Calerno che si farà carico di consegnarla alla protezione
civile di Reggio Emilia .

L’indirizzo è :

Via Togliatti 1 (venendo da Parma ed entrando in centro paese, Via
Roma, la prima strada sulla sinistra)
Il palazzo sulla sinistra (sotto c’e’ una pizzeria e una scuola guida).

Il campanello da suonare è Canepa/Mariano e/o dopo le 18.00 Canepa/Munari

I beni richiesti sono i generi alimentari di facile conservazione e
stoccaggio (pasta, riso, olio, caffè, orzo e scatolame).

Tutto il materiale raccolto sarà consegnato a Calerno sabato 2/6 alle 15.00.

Vi chiedo di darne notizia
Grazie

Allattamento nelle emergenze

Tratto sal sito del La Leche League

 

Nelle emergenze proteggiamo l’allattamento!

Le Consulenti de La Leche League Italia si stringono intorno alle famiglie colpite dal terremoto e si pongono a completa disposizione di tutti quei genitori che in questi momenti stanno affrontando prove indicibili. Rispondiamo dalle 8 alle 20 al numero 199 432326 alle domande sull’allattamento e possiamo supportare telefonicamente le donne e le famiglie affinché, pur in questi momenti così terribili, non siano in nessun caso separate dai loro bambini e possano avviare, mantenere o ripristinare l’allattamento.

In una situazione di grande emergenza umanitaria, come quella causata dal terremoto, scatta la solidarietà e la raccolta di tutti i generi di prima necessità per le famiglie duramente colpite, che in certi casi hanno perso veramente tutto. E fra i generi alimentari raccolti, ci si affretta a raccogliere anche scorte di latte artificiale.

Certamente nessuno vuole privare del nutrimento quei bambini che fino a ieri si alimentavano con il latte artificiale; tuttavia, è importante allo stesso tempo adoperarsi perché la crisi in atto supporti anche l’allattamento proprio nel momento in cui questo diviene di importanza vitale.

Nelle condizioni di emergenza, freddo, disagio, stress, carenza di acqua e cibo sicuri, con i medicinali di base che scarseggiano, adulti e neonati sono più esposti a rischi di infezione e malattie; in queste occasioni il latte materno è particolarmente importante perché fornisce una protezione insostituibile. Laddove tutto manca, la donna che allatta, pur nell’impotenza della sua situazione, può fare una cosa inestimabile fornendo il suo latte, pronto all’uso e gratuito, per il suo bambino.

Nei nuclei famigliari nei quali le madri sono senza casa e hanno provato un forte spavento, la soluzione non è il latte artificiale. L’IBFAN, International Baby Food Action Network, afferma: “Durante l’emergenza e l’assistenza, l’allattamento è di importanza vitale: salva la vita ai bambini”, e la funzione dell’allattamento è anche di conforto psicologico sia per i bambini sia per le mamme che si trovano scaraventate in una situazione di gravissimo stress, senza apparenti legami con quella realtà così certa solo poche ore prima.

Più volte gli esperti dell’OMS si sono pronunciati affermando che in situazioni di emergenza la nutrizione dei lattanti dovrebbe essere l’ultimo problema di cui preoccuparsi, se si riesce a sostenere adeguatamente le madri, con cibo, riparo, cure adeguate e sostegno per lo stress che stanno vivendo. La rete delle Consulenti de La Leche League si mette a disposizione per fornire questo sostegno ovunque ve ne fosse bisogno.

Molte donne ci stanno contattando pensando di aver perso il latte per lo spavento. Il latte non si perde, può diminuire a causa dello stress ma la produzione è sempre recuperabile. Se siete in questa situazione, contattate una Consulente de LLL che saprà tranquillizzarvi – almeno su questo – e darvi le informazioni necessarie per recuperare la produzione necessaria al vostro bambino.

Nel seguente link si trovano informazioni su alcune questioni che possono preoccupare le madri che allattano o per tutti gli operatori professionali che operano nelle aree colpite dalla tragedia.

http://www.llli.org/emergency.html

Contatti stampa: Carla Scarsi, Relazioni Esterne, Tel 340 9126893, relazioni.esterne@lllitalia.org

Cosa serve davvero ad una neomamma di Paola Bartolazzo

Sono un’infermiera professionale e, avendo lavorato in un nido ospedaliero, conosco il ruolo che da operatori sanitari abbiamo nel renderci  complici involontari di allattamenti falliti, di sentimenti di frustrazione e inadeguatezza nelle madri. Nonostante le migliori intenzioni, mi è capitato di essere talvolta testimone e protagonista di interventi che hanno sortito effetti opposti a quelli desiderati. Oggi mi rendo conto che ogni volta che ho tolto dalle braccia di una madre un bimbo che piangeva per farle vedere come calmarlo o, con gesti rapidi e precisi, le ho mostrato come si cambia un pannolino o come si fa un bagnetto, non mi sono soffermata a pensare che forse, con l’ottima intenzione di insegnarle qualcosa, le ho trasmesso il messaggio più temuto: “non sei capace”.
Quando una mamma stremata da un pianto inconsolabile del piccolo va dalle infermiere chiedendo un’aggiunta di latte, o va dal pediatra con il suo carico di dubbi riguardo la propria capacità di allattare, convinta che sia la fame l’unico demone che può turbare la serenità di suo figlio, dare quell’aggiunta di latte artificiale senza esitazione, significa dare fondamento ai suoi timori e dirle che da sola non è in grado di sfamare il suo bambino. In poche parole, non è capace di fare la mamma.
La fretta non aiuta, ma spesso l’assistenza data alle madri durante il puerperio è fatta di gesti troppo veloci, soluzioni troppo rapide che non richiedono tempo. Anche perché in ospedale di tempo c’è n’è sempre troppo poco. Spesso i reparti sono pieni e le madri da seguire sono più di quelle che il personale è in grado di assistere. Così, succede che gli operatori si trovino ad improvvisare consigli e suggerimenti scorretti, basati unicamente sulla propria esperienza personale, e non su evidenze scientifiche, cosa che innesca spesso meccanismi scorretti e un forte senso di inadeguatezza delle madri al proprio ruolo.

Assistere una donna che ha appena partorito significa lavorare con quella ridda di sentimenti ed insicurezze che una nascita può provocare, significa sapere che quello che la madre sta vivendo è un momento di estrema fragilità emotiva, significa che chi deve aiutarla deve essere dotato di una grande capacità di ascolto e di empatia.
Se la maternità fosse realmente tutelata come dovrebbe, ci sarebbe maggiore attenzione a questi aspetti e al fatto che chi lavora con le madri ha bisogno di essere formato non solo per la parte che possiamo definire “tecnica”, ma anche sul come instaurare una relazione che sia di aiuto alla donna. Chi assiste dovrebbe essere in grado di fare silenzio fuori e dentro di sé per potersi mettere in ascolto della madre e comprendere che cosa sta chiedendo veramente.
Diversi studi hanno dimostrato come il migliore intervento sulle madri sia quello che le protegge dalla solitudine: l’intervento di operatori non professionali, con una formazione minima, si è dimostrato sufficiente e risolutivo in molti casi di disagio e di depressione. Una donna che ha appena partorito può sentirsi sola anche in mezzo a tanta gente che si prende apparentemente cura di lei, e questo avviene quando queste persone sono prese più dal ruolo di consigliere e risolutrici dei problemi di un neonato, che da quello di portatrici di cure. Nonne, mariti, sorelle o amiche possono agire in modo poco appropriato, così che le madri finiscono col sentirsi delle incapaci, in balia di una moltitudine di persone che pensano di sapere che cosa sia meglio per il loro bambino.
L’antico proverbio africano secondo il quale per crescere un bambino ci vuole un intero villaggio ci ricorda che la maternità è un’esperienza che va condivisa e sostenuta, a tutti i livelli, ed il passaggio di saperi e competenze da una madre all’altra può e deve rappresentare una risorsa per l’intera comunità.
Dunque, aiutare una donna che deve affrontare un parto o ha appena partorito significa soprattutto aiutarla a riconoscere la sua istintiva conoscenza e le sue innate abilità di madre, senza mai dirle o farle capire che non è in grado di sostenere il suo ruolo.

DA UPPA:

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=837&idr=56&idb=59

Incontro Giugno Mums4Mums

Il prossimo incontro Mums4Mums sarà:

Sabato 16 Giugno alle ore 10.00, presso

Consultorio di Sant’Ilario d’Enza, RE

via Rossellini 27

Sala corsi pre-parto

Guardando l’ingresso del Mercatone Uno, siamo nel palazzo a sinistra (angolo destro)

Titolo:

ARRIVA L’ESTATE!

Come  dire addio al pannolino,  fronteggiare zanzare e scottature

Un abbraccio che fa crescere

La nascita prematura di un bambino è un evento sempre più comune. Ciò nonostante tale situazione sconvolge sempre i genitori che si trovano, senza preavviso, ad affrontare un dolore immenso legato alla paura per la sopravvivenza del proprio figlio ed una profonda sensazione di inadeguatezza a volte correlata ad un senso di colpa della madre.

Passata la vera e propria emergenza, nella quale viene data priorità assoluta alle manovre per salvare la vita del piccolo, spesso i genitori si ritrovano a fare da meri spettatori di tutto ciò che accade al loro bambino durante il ricovero.
 Anche nei casi in cui il bambino è ancora in condizioni critiche, le cure dei genitori rivestono, o dovrebbero rivestire, un ruolo di primo piano. Diversericerche scientifiche dimostrano che il contatto tra i genitori e il loro bambino è indispensabile e benefico per entrambe e fa parte di quelle cure tempestive e globali che tutti gli ospedali dovrebbero poter proporre il prima possibile.
Che cosa significa dare spazio alle cure affettive? Cosa possono realisticamente fare i genitori di un bambino prematuro che appare così fragile e irritabile? All’inizio basterà la sola presenza silenziosa a fianco dell’incubatrice, poi, quando le condizioni del bambino lo permetteranno, il genitore potrà fargli sentire il proprio tocco fermo e contenitivo. Le cure diventeranno man mano più globali e la relazione bilaterale, ma il seme viene gettato in quei primi momenti, in quel primo “esserci” che riconosce l’altro come figlio.
Questo riconoscimento è fondamentale per l’instaurarsi di una buona relazione tra i genitori e il bambino e potrà far loro superare lo shock della nascita prematura permettendo la creazione di un buon legame d’attaccamento.
Il progetto “Un abbraccio che fa crescere”, nato dopo un lungo periodo di studio e grazie ad una fruttuosa collaborazione tra la Cooperativa Focus e L’Associazione Italiana per la Care in Perinatologia  va in questa direzione: ridare valore alle relazioni parentali subito dopo la nascita di un bambino prematuro.
L’intento è quello di portare un sostegno concreto ai genitori di bambini nati prematuri attraverso un processo di sensibilizzazione sull’importanza del contatto corporeo all’interno delle unità di Terapia Intensiva Neonatale.
L’obiettivo  è dare valore alla “cura affettiva” del neonato prematuro come parte integrante della terapia neonatale, sostenendo i genitori e riconoscendo il loro ruolo terapeutico. Intuizione  già del primo neonatologo della storia, Pierre Boudin, che nel 1898 sosteneva:
“Primo salva il bambino, secondo salvalo in modo che poi, quando lascerà l’ospedale abbia una madre in grado di accudirlo”.

foto di Raffaella Doni

Per l’instaurarsi di una relazione fatta di ascolto e rispetto dei tempi di ognuno è fondamentale accettare che il bambino possa non essere pronto a ricevere stimoli complessi e la madre possa sentirsi inadeguata a relazionarsi con il piccolo.
Superato questo momento i genitori devono essere accompagnati dagli operatori ad avvicinarsi al loro bambino passo dopo passo. Un esempio tra tutti è quello di integrare la marsupio terapia con l’utilizzo di una fascia lunga porta bambini che permetta ai genitori non solo di rilassarsi insieme al bambino ma anche di spostarsi e di acquisire  una competenza utile anche dopo le dimissioni.
Il progetto per realizzare tutto questo è stato sviluppato in tre fasi, la prima delle quali ha  visto  lo studio di tutto il materiale disponibile in merito  ai benefici del contatto per i bambini prematuri.
La seconda fase prevede la formazione degli operatori delle Unità di Terapia Intensiva Neonatale e la consegna del materiale: un manuale tecnico-pratico riassuntivo dei temi trattati durante il corso destinato agli operatori, unabrochure dedicata ai genitori con una storia che parla un linguaggio emotivo e che mira a sciogliere quello che gli esperti chiamano “freezeringrappresentazionale” dei genitori (lo stato d’animo nel quale i genitori potrebbero trovarsi dopo la nascita del bimbo: fissano dentro di sé un’ immagine del bimbo che non riescono a modificare anche quando questo cresce e migliora) e una fascia porta bebè, pensata appositamente per i bambini prematuri, per ogni posto letto dell’U.T.I.N. (unità di terapia intensiva neonatale).
La terza fase del progetto è l’accompagnamento dei genitori. Questa fase è seguita giorno per giorno dagli operatori del reparto che sostengono  i genitori stimolandoli a ritrovare fiducia in se stessi e nelle proprie risorse.

foto Daniele Portanome

Al momento delle dimissioni viene consegnata ai genitori che ne hanno fatto uso in reparto, una fascia porta bebè per bambini prematuri identica a quella usata durante il ricovero. Agli stessi è offerta l’opportunità di richiedere la visita domiciliare di un’ostetrica che possa aiutarli nell’utilizzo della fascia e possa rispondere a comuni domande sull’accudimento del bambino. I genitori sono inoltre invitati ad incontri mensili, condotti da una pedagogista e da un’ostetrica. Questi appuntamenti hanno lo scopo di stimolare il confronto tra genitori che hanno vissuto la stessa esperienza per facilitare l’instaurarsi di nuove relazioni nei luoghi in cui vivono.
La durata di questa fase del progetto è assolutamente indicativa perché ci si augura che questo modo di operare diventi una buona pratica dell’Ospedale e che poi proceda spontaneamente nella sensibilizzazione dei genitori in merito a queste tematiche.
La Regione Lombardia, attraverso un bando, ha finanziato parte del progetto che è stato attuato, anche grazie al lavoro volontario del personale, nell’Ospedale Del Ponte di Varese e Buzzi di Milano. L’impegno  per il futuro è quello di riuscire ad attivarlo in molte altre Unità di Terapia Intensiva in Italia.

Alessia Motta
alessia@focuscoop.it

Raffaella Doni
raffaella@focuscoop.it 

Pedagogiste della Cooperativa Sociale Focus

Tratto da:

http://unpediatraperamico.blogspot.it/2012/02/un-abbraccio-che-fa-crescere.html