Maria Montessori

Famosa per il suo metodo montessoriano, Maria Montessori, vissuta tra il 1870 e il 1952, è stata una grande donna italiana che, oltre a lasciare un segno nel mondo pedagogico, ha regalato alle mamme e alle educatrici del futuro un prezioso scrigno di saggezza in cui sono custodite le frasi più celebri di una brillante donna che ha creduto fermamente nel principio della libertà dell’allievo, quella stessa libertà che è capace di stimolare la creatività innata del bambino.

I titoli delle sue opere si rincorrono tra le pagine di una biografia ricca di significativi cambiamenti, apportati e attuati in oltre 20.000 scuole del mondo, ed è impossibile non trovare nei suoi scritti citazioni che meritano di essere preservate. Vi suggeriamo di seguito una parte delle sue perle di saggezza.

  1.  L’educazione comincia alla nascita.
  2. Il più grande segno di successo per un insegnante … è poter dire: “I bambini stanno lavorando come se io non esistessi.
  3. La questione sociale del bambino non ha limiti di casta, nè di razza, nè di nazione. Il bambino, non funzionando socialmente è come, e solo, un’appendice degli uomini adulti.
  4. I bambini sono così capaci di distinguere fra le cose naturali e le cose soprannaturali, che la loro intuizione ci ha fatto pensare ad un periodo sensitivo religioso: la prima età sembra congiunta con Dio come lo sviluppo del corpo è strettamente dipendente dalle leggi naturali che lo stanno trasformando.
  5. Una prova della correttezza del nostro agire educativo è la felicità del bambino.
  6. La cultura si deve lasciar prendere attraverso l’attività, con l’aiuto di materiali che permettano al bambino di acquistarla da solo, spinto dalla natura della sua mente che cerca, e diretto dalle leggi del suo sviluppo.
  7. Religiosi e liberi nelle loro operazioni intellettuali e nel lavoro che il nostro metodo offre, i piccoli si mostrano spiriti forti, robusti eccezionalmente; come sono robusti i corpicciuoli di fanciulli ben nutriti e puliti. Crescendo in tal guisa non hanno né timidezza, né paura.
  8. Aiutiamoli a fare da soli.
  9. Le radici di ogni pianta cercano, tra le molte sostanze che il suolo contiene, solo quelle di cui la pianta ha bisogno.
  10. Ecco dunque un principio essenziale: insegnare i dettagli significa portare confusione. Stabilire la relazione tra le cose, significa portare la conoscenza.
  11. La cultura è assorbita dal bambino attraverso esperienze individuali in un ambiente ricco di occasioni di scoperta e di lavoro.
  12. Spesso, tra bambini e genitori, si invertono le parti. I bambini, che sono degli osservatori finissimi, hanno pietà dei loro genitori e li assecondano per procurare loro una gioia.
  13. Ciò che muove il bambino all’attività è un impulso interiore primitivo, quasi un vago senso di fame interna, ed è la soddisfazione di questa fame che lo conduce a poco a poco ad un complesso e ripetuto esercizio dell’intelligenza nel comparare, giudicare, decidere un atto, correggere un errore.
  14. Il bambino è padre dell’umanità e della civilizzazione, è il nostro maestro, anche nei riguardi della sua educazione.
  15. L’abilità del maestro di non interferire arriva con la pratica, come tutto il resto, ma non arriva mai facilmente.
  16. Mai aiutare un bambino mentre sta svolgendo un compito nel quale sente di poter avere successo.
  17. L’educazione è un processo naturale effettuato dal bambino, e non è acquisita attraverso l’ascolto di parole, ma attraverso le esperienze del bambino nell’ambiente.
  18. Le mani sono gli strumenti propri dell’intelligenza dell’uomo.
  19. Per aiutare un bambino, dobbiamo fornirgli un ambiente che gli consenta di svilupparsi liberamente.
  20. La crescita deriva dall’attività, non dalla comprensione intellettuale.
  21. La crescita non è solo un aumento armonioso di dimensioni, ma una trasformazione.
  22. È necessario che l’insegnante guidi il bambino, senza lasciargli sentire troppo la sua presenza, così che possa sempre essere pronto a fornire l’aiuto desiderato, ma senza mai essere l’ostacolo tra il bambino e la sua esperienza.
  23. La scuola è quell’esilio in cui l’adulto tiene il bambino fin quando è capace di vivere nel mondo degli adulti senza dar fastidio.
  24. Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo.
  25. Io ricordo una bambina di due anni, che, messa davanti ad una statuina del Bambino Gesù, disse: “Questa non è una bambola”.
  26. La prima cosa richiesta ad un insegnante è che abbia la giusta disposizione per il suo compito.
  27. L’umanità che si rivela in tutto il suo splendore intellettuale durante la dolce e tenera età dell’infanzia dovrebbe essere rispettata con una sorta di venerazione religiosa. E’ come il sole che appare all’alba o un fiore appena sbocciato. L’educazione non può essere efficace se non aiuta il bambino ad aprire se stesso alla vita.
  28. L’ambiente deve essere ricco di motivi di interesse che si prestano ad attività e invitano il bambino a condurre le proprie esperienze.
  29. I bambini sono esseri umani ai quali si deve rispetto, superiori a noi a motivo della loro innocenza e delle maggiori possibilità del loro futuro.
  30. Il bambino è insieme una speranza e una promessa per l’umanità.
  31. La prima premessa per lo sviluppo del bambino è la concentrazione. Il bambino che si concentra è immensamente felice.
  32. Il bambino diventa una persona attraverso il lavoro.
  33. La terra è dove sono le nostre radici. I bambini devono imparare a sentire e vivere in armonia con la Terra.
  34. L’attività individuale è l’unico fattore che stimola e produce sviluppo.
  35. Queste parole rivelano l’intimo bisogno del bambino, ‘Aiutami a fare da solo’.
  36. Guardare un bambino rende evidente che lo sviluppo della sua mente passa attraverso i suoi movimenti.
  37. La scrittura può essere acquisita più facilmente dai bambini di quattro anni, che da quelli di sei. Mentre i bambini di sei hanno bisogno di almeno due anni per imparare a scrivere, i bambini di quattro imparano in pochi mesi.
  38. Il movimento non è soltanto espressione dell’io, ma fattore indispensabile per la costruzione della coscienza, essendo l’unico mezzo tangibile che pone l’io in relazioni ben determinate con la realtà esterna. Perciò il movimento è un fattore essenziale per la costruzione della intelligenza, che si alimenta e vive di acquisizioni ottenute dall’ambiente esteriore.
  39. Non possiamo creare osservatori dicendo ai bambini: “Osservate!”, ma dando loro il potere e i mezzi per tale osservazione, e questi mezzi vengono acquistati attraverso l’educazione dei sensi.
  40. Il nostro mondo è stato lacerato ed ha ora bisogno di essere ricostruito.

Articolo tratto da:

http://www.bebeblog.it/post/13891/le-frasi-piu-celebri-di-maria-montessori

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...