Archivi

Fenossietanolo (sostanza nei prodotti da bambino) ATTENZIONE

Mamme e papà, attenzione!!! Leggete in merito alle salviette e prodotti per bimbi.

L’Agenzia nazionale per la sicurezza dei medicinali e dei prodotti sanitari (Ansm) francese ha lanciato lo scorso novembre un allarme: “Il fenossietanolo è sospettato di essere tossico per la riproduzione e per lo sviluppo” e di conseguenza “non andrebbe più utilizzato nei prodotti cosmetici destinati ai bambini sotto i tre anni”.

Vi lascio due link nel quale è spiegato tutto.

http://www.eticamente.net/9636/fenossietanolo-pericoloso-per-la-salute-dei-bambini-fissan-pampers-e-chicco-lo-utilizzano.html

http://www.ilsalvagente.it/Sezione.jsp?idSezione=20295

Occhi, naso, orecchie: ecco cosa fare

Un piccolo vademecum su cosa fare nelle più comuni situazioni di malattie e incidenti che riguardano gli occhi, le orecchie e il naso dei nostri bimbi! Cosa fare (e anche cosa non fare…che spesso forse è anche più importante!) nel caso di occhi rossi, occhio pesto, occhio irritato da sostanza chimiche, corpo estraneo nelll’occhio, mal d’orecchio, corpo estraneo nell’orecchio o naso, sangue dal naso, trauma dei denti.

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=778&idr=51&idb=0

Diarrea: come comportarsi

Cos’e’ la diarrea?

La diarrea è un sintomo comune a diverse malattie, intestinali e non, che consiste nell’emissione di feci liquide con aumento del numero e del volume delle scariche. Nelle feci si può osservare schiuma, muco o catarro. Una diarrea abbondante (molte scariche di feci liquide al giorno) può comportare problemi di disidratazione, cioè perdita di acqua e di sali minerali.

La prima preoccupazione quindi, è di ristabilire un corretto apporto di liquidi e sali.

Come si tratta?

E’ utile sospendere l’alimentazione con cibi solidi per le prime 6/12 ore dall’inizio di sintomatologia e somministrare, in abbondanza, acqua con l’aggiunta di sali minerali: le soluzioni idrosaline. Questi preparati, acquistabili in farmacia, permettono di reintegrare le perdite di acqua e sali minerali e rappresentano la cura fondamentale per la diarrea. Nella maggior parte dei casi questi preparati si presentano in bustine che devono essere disciolte in acqua secondo le indicazioni scritte sulla confezione.

In caso sia presente anche vomito, somministrare le soluzioni reidratanti a piccoli sorsi, frequentemente e a temperatura fredda.

ATTENZIONE!!!

Queste soluzioni reintegrano le perdite di acqua, sali minerali e contengono già zucchero. Se si introduce altro zucchero, si rischia di favorire la diarrea. Trascorse 6 ore, si può reintrodurre l’alimentazione solida che il bambino aveva già in precedenza. I pasti devono essere offerti solo se “il bambino si sente di mangiare” e le porzioni devono essere ridotte. Non insistere o forzare mai il bambino a mangiare. Non ci sono cibi sconsigliati, tuttavia alcuni cibi (come lo yogurt, la mela, il brodo di carne, il pomodoro) in questa situazione possono favorire il vomito.

Le soluzioni reidratanti vanno continuamente offerte fino a che il bambino presenta scariche diarroiche. Se il bambino continua a presentare molte scariche e rifiuta le soluzioni reidratanti, oppure fa poca pipi o è molto abbattuto, E’ OPPORTUNO CONTATTARE IL PEDIATRA.

 

 

Il pediatra di fronte ai problemi del sonno: un’occasione di riflessione sul nostro ruolo

A seguire una relazione della dott.ssa Maria Merlo, pubblicata sul sito ACP Ovest

La serata è nata dal desiderio di mettere in comune alcune riflessioni del gruppo genitorialità nate
dalla lettura delle conclusioni della ricerca (a cura delle dottoresse Zaltron e Favretto): “Genitori,
bambini e pratiche quotidiane di cura. Il ruolo della pediatria nella costruzione delle
rappresentazioni della genitorialità adeguata” . E dal desiderio di confrontare il nostro lavoro
medico con una visione antropologica, in grado forse di spiegare alcune contraddizioni in cui ci
troviamo immersi.
L’antropologia medica nasce in seno all’antropologia culturale, disciplina che mira ad analizzare
l’uomo nelle sue dimensioni socio-culturali; oggi in particolare esamina le interazioni fra i singoli e
il contesto in cui agiscono. Studia dunque come alcuni processi politici, economici e culturali
“macro” influenzino il livello “micro” e, viceversa, come le esperienze soggettive abbiano una
ricaduta sulle dinamiche sociali più ampie.
All’interno di questa prospettiva si costituisce l’antropologia medica, in origine con lo scopo di
studiare medicine “altre” che si credevano “credenze” magiche , religiose ed altro ancora. A partire
dagli anni settanta la disciplina si è rivolta anche allo studio della biomedicina, considerata
anch’essa una pratica socio-culturale.
L’antropologa che ci ha aiutato nella discussione dei temi proposti è la dottoressa Ilaria Lesmo.
Nell’attuale processo di trasformazione della società verso l’individualizzazione e quindi dei
cambiamenti rispetto al concetto di bambino, di autorità ecc, non dobbiamo stupirci della difficoltà
degli attuali genitori a fare i genitori:
1) in un periodo di transizione manca un modello culturale unitario a cui fare riferimento.
2) Questo modello manca ai genitori, ma anche ai pediatri e agli altri esperti
Prendiamo, come esempio, il problema del sonno, che è frequente e forse uno dei più controversi.
Nelle soluzioni che gli esperti propongono si rintracciano soluzioni diverse. Ci siamo chiesti se, pur
fra le diversità ben evidenti, era possibile rintracciare un nucleo comune.
In effetti tutti i testi iniziano con la fisiologia, spiegando le caratteristiche del sonno dei bambini
(fasi del sonno, addormentamento nei più piccoli in fase REM, durata delle varie fasi, fisiologia dei
microrisvegli nei passaggi di fase ecc) e i loro cambiamenti nel tempo.
Poi però differiscono fra loro anche profondamente nelle soluzioni.
Le differenze nascono da:
1) teorie di base differenti
2) una lettura diversa dei bisogni dei bambini
3) un peso diverso dato ai bisogni del bambino e a quelli della famiglia
4) diversità rispetto al problema se, come e quanto il bambino deve essere guidato (quanto
quindi viene valorizzato l’aspetto della competenza e quanto quello dell’immaturità; diverso
peso di autorità e negoziazione)
5) obiettivi dell’educazione
Vari autori analizzati secondo questi 5 punti:
W. Sears Genitori di giorno e…di notte.La Leache League International, 1985
1) La Lega del latte (di cui Sears è diventato uno degli ideologi) basa il suo approccio
sull’importanza di seguire la natura. Mamma e bambino sono mammiferi. La cultura non può
prescindere da questo, altrimenti fa danni. I problemi del sonno sono una conseguenza di richieste
al bambino “innaturali”, legate al tipo di organizzazione e di vita della nostra cultura che nontengono conto della natura. Riportare il sonno dei bambini alle sue condizioni naturali evita la
maggior parte dei problemi.
Non è naturale dormire a lungo di notte (l’allattamento notturno è indispensabile perché il latte
umano non è fatto per sonni prolungati; la specie umana richiede alto accudimento perchè il
neonato completa la sua maturazione fuori dall’utero; i microrisvegli hanno la funzione, importante
nell’evoluzione, di controllare l’ambiente per fronteggiarne i pericoli). Non è naturale dormire da
solo.
2) Sears mette in evidenza soltanto un tipo di bisogni del bambino: il bisogno di continuità con la
vita intrauterina, di fusionalità e di regolazione esterna. Il b perciò è bene che resti nel lettone (al
limite si allarga il lettone per far posto a tutti i figli), che mantenga il contatto e la suzione fino a
quando vuole. Si staccherà, dal seno e dal lettone, quando è pronto, senza la necessità di un
intervento o una pressione esterna. Questa impostazione trascura l’evoluzione del bambino, la
crescita delle sue capacità di autoregolazione e i suoi bisogni di autonomia che crescono con lui!
(diverso è il neonato e il bimbo di 3 anni).
3) Trascura anche i bisogni dei genitori. Le esigenze degli adulti (di sonno tranquillo, di intimità
coniugale ecc) sono negate o minimizzate (la mamma è contenta di poter avere il bambino con sé; i
ritmi REM e non REM di mamma e bambino arrivano a coincidere per cui i risvegli della mamma
non sono molto disturbanti; dopo la poppata la mamma si riaddormenta subito, anzi può allattare
anche senza svegliarsi completamente; se la coppia ha bisogno di intimità può trovare altri tempi e
spazi ecc).
4) Sears non ha bisogno né di imporre regole né di negoziare. Educare significa leggere e seguire
esclusivamente le richieste del bambino, adattandosi ad esse. Il bambino, soddisfatto nelle sue
esigenze di fusionalità, maturerà, diventerà autonomo coi suoi tempi e si svilupperà al meglio.
All’estremo opposto troviamo il metodo di Estivill: il bambino, dai 3 mesi, deve addormentarsi da
solo e deve gestirsi da solo i microrisvegli. Per ottenere ciò occorre lasciarlo piangere, accorrendo
da lui a intervalli sempre più lunghi e sempre senza prenderlo in braccio e senza dargli un aiuto
esterno (cullarlo ecc), ma solo facendo sentire la presenza dell’adulto.
1) Questo metodo si basa sulla teoria comportamentistica più arcaica, una teoria che non prende in
considerazione né gli aspetti cognitivi né quelli emotivi, ma si basa solo sul concetto: stimolorisposta (è’ il sistema utilizzato dagli addomesticatori di animali!)
2) Ignora completamente tutti i bisogni del bambino, tranne quello di riuscire a dormire e quindi di
riposare. Ignora inoltre anch’esso l’evoluzione dei bisogni del bambino (si tratta l’addormentamento
nello stesso modo, a tutte le età, qualsiasi sia il problema alla base).
3) Salvaguarda pienamente il bisogno degli adulti di dormire, di avere tempi e spazi per sé, dei ritmi
di vita prevedibili (a letto alle 21).
4 Sottintende che il bambino non è competente. Per crescere bene e per disturbare il meno possibile
deve essere guidato completamente e adattato al volere degli adulti. E’il genitore che pone le regole.
Educare il bambino significa imporgli delle regole assolute che non tengono conto del suo
temperamento (esempio: ore di sonno che sono necessarie a quel bambino lì, bambino ipereccitabile
che stenta a rilassarsi e ha più bisogno di altri di una regolazione esterna, bambino angosciato per
qualche motivo ecc), dei suoi desideri, dei suoi bisogni (di fusionalità, magari di stare qualche ora
coi genitori che lavorano…). E’ un metodo autoritario vecchio stile, che somiglia molto al
vecchio:”lascialo piangere, se no lo vizi; lascialo piangere e vedrai che impara; piangere fa bene,
sviluppa i polmoni”.
Vegetti Finzi (psicologa; docente di Psicologia Dinamica all’Università di Pavia) si richiama
invece alle teorie della Mahler e al conflitto edipico.
1) Tutti insieme nel lettone? No. E’ bene che il bambino dorma subito, dal primo giorno, non solo
nel suo letto, ma nella sua camera.
E’ infatti importante che ogni bambino abbia uno spazio per sé, come individuo distinto, nella
mente dei genitori. Ciò permette al bambino di imparare a percepirsi come persona non fusa coigenitori (percorso di individuazione-separazione). Separazione e esclusione sono inevitabili,
rappresentano “prove” da superare per crescere. Bisogna aiutare il bambino in questo percorso,
consolandolo quando piange, utilizzando pazienza e calma per aiutarlo a diventare autonomo.
Certo, il b ha bisogno di vicinanza corporea che gli comunichi affetto, tenerezza, ma sempre entro i
limiti del pudore e del rispetto dell’intimità dell’altro. Questi limiti vengono a cadere quando il
contatto diventa troppo intimo, stimolante, avvolgente.
Il b , perché la sua sessualità possa crescere in modo armonioso, deve capire che non si può
sostituire al padre o alla madre, non li può separare (conflitto edipico).
Anche Stephan Clerget, francese, psichiatra dell’infanzia ((Stephan Clerget, Anne Lamy. Adesso
torna nel tuo letto. EGA 2008) ha presente in primo piano la teoria dell’Edipo:
1) “il b. non ha nulla da guadagnare col cosleeping. Dopo i 3 anni il b che sta entrando nella fase
edipica avverte e capisce i legami di desiderio amoroso e sessuale fra i genitori e vorrebbe
parteciparvi. Educarlo significa insegnargli a rinunciare a questo legame incestuoso. Non è escluso
che la vicinanza corporea a 3 anni turbi il suo sviluppo affettivo. Fino a quando non dormirà notti
intere, verso i 6 mesi (!), può restare nella sua culla in camera coi genitori. Poi può andare in
camera sua”.
Cramer sottolinea, alla base dei disturbi del sonno, le angosce dei genitori che si traducono in un
disturbo della relazione.
1) I genitori inquieti e angosciati, che sentono il figlio ipervulnerabile, interpretano i normali
risvegli del bambino come segni di sofferenza fisica o psichica. Sviluppano perciò un’ipervigilanza,
accorrendo immediatamente (a volte anche prima dei risvegli!) a volte disturbamdo il bambino e
impedendogli comunque di imparare l’autoconsolazione
La maggior parte dei testi più recenti hanno in comune la teoria dell’intersoggettività e quella
dell’attaccamento.
1) Intersoggettività: Il bambino fin dalla nascita è una persona, con sue caratteristiche individuali, in
grado di essere in relazione cogli altri: all’inizio una relazione essenzialmente emotiva che poi
diventa una relazione anche mentale. Come persona va ascoltato e rispettato ed è soggetto attivo
nell’educazione (porta le sue esigenze). Educarlo non significa “inculcare” norme, ma aiutarlo a
svelare e realizzare se stesso.
Attaccamento: Nel corso dei primi 3 anni di vita, durante tutte le esperienze della sua giornata
(dunque anche durante la gestione del sonno) il bambino si forma un’idea del mondo, di sé e degli
altri e struttura il modello di attaccamento e i modelli operativi interni che lo caratterizzeranno per
tutta la vita. Se gli adulti sono sensibili alle sue esigenze, rispondono prontamente al suo pianto, ai
suoi bisogni, alle sue richieste, imparerà che si può fidare dei genitori, che il mondo è un luogo
ospitale e che lui è in grado di vivere bene nel mondo. Maturerà una fiducia di base e un
attaccamento sicuro che gli permetteranno, quando è necessario, di distaccarsi con facilità (quindi
anche di abbandonarsi al sonno) e di esplorare il mondo.
2) Questi libri considerano in modo simile i diversi bisogni dei bambini e tentano di equilibrarli: da
una parte il bisogno di fusionalità e di vicinanza, dall’altra di autonomia e di imparare a passare
dall’eteroregolazione all’autoregolazione (dunque di imparare a dormire da soli). Sono molto attenti
a non chiedere troppo al bambino (un’autonomia per cui non è ancora pronto) e a gestire i problemi
del sonno come tutti gli altri momenti della giornata, nell’ottica di aiutare il bambino a formarsi una
base sicura.
3) Cercano in modo simile di tener conto anche dei bisogni dei genitori (di dormire, di avere orari
prevedibili e tempi per sé).
Sono libri che in generale offrono meno ricette precise (per esempio non si schierano sul tema:
lettone si o no) in quanto richiedono di calibrarsi sul singolo bambino, sulla singola famiglia e sulle
diverse tappe del suo sviluppo.
Cercano di aiutare i genitori dicendo, in realtà, cose ovvie: preparare il bambino al sonno,
l’importanza dei rituali, non far addormentare il bambino al seno, aiutare e incoraggiarel’autonomia del bambino ma rispettandone con pazienza i ritmi di sviluppo ecc. Sono i più
equilibrati e ovvii, ma anche i più difficili da applicare.
Differiscono fra loro per sottolineature diverse riguardanti gli ultimi 2 punti: il 4), cioè il tema di
quanto è necessario guidare il bambino (autorità e negoziazione, peso diverso ai 2 poli:
competenza-immaturità del bambino) e il 5), cioè gli obiettivi dell’educazione
4) Procedendo dai più autoritari (maggior peso all’immaturità) ai meno autoritari (maggior peso alla
competenza):
Grazia Honegger Fresco (Facciamo la nanna, Il leone verde, 2006), allieva della Montessori. Il
bambino deve essere libero di svilupparsi, però entro binari molto precisi, rigidi e uguali per tutti,
formulati dai genitori per il benessere del bambino.
Il problema del sonno praticamente non esiste se si segue questa impostazione e si aiuta il bambino
ad avere una “buona” giornata, in quanto tutto ciò che rende ricca e interessante la veglia facilita il
sonno. Il bambino deve avere autonomia di movimento (non deve essere messo in seggiolini, infant
seat ecc, ma a terra fin dal primo mese); non aiuti inutili (che sono ostacoli allo sviluppo); deve
giocare da solo in modo da esplorare e vivere le sue esperienze, senza essere “plagiato” dal
pensiero e dall’immaginazione dell’adulto; non deve essere posto di fronte a scelte eccessive (è il
genitore che sceglie, non il bambino); deve avere regolarità nei ritmi di vita (a letto non oltre le
20,30 anche se il papà rientra tardi)
(Questo approccio, probabilmente rivoluzionario all’epoca della Montessori che è stata una delle
prime a considerare il bambino come individuo, mi sembra molto datato perché dimostra molto
interesse per le condizioni ambientali che favoriscono lo sviluppo, ma molto poco per la relazione).
Tracy Hogg (Il linguaggio segreto dei neonati, Mondatori, 2001). Infermiera inglese, specializzata
in puericultura, vive a Los Angeles dove ha fondato Baby Technique con cui offre consulenze a
genitori, tiene corsi, conferenze ecc.
E’ il genitore che detta il ritmo, non il bambino “che è solo un bambino”.
Però, rispetto all’autrice precedente, è attenta anche alle differenze fra bambino e bambino: li
distingue in vari gruppi secondo le loro caratteristiche (angelico, da manuale, sensibile, vivace,
scontroso).
La strutturazione della giornata è anche qui rigida, uguale per tutti, ma la proposta al bambino
viene fatta in modi differenti tenendo conto delle sue caratteristiche. La giornata deve seguire un
ritmo preciso: pasto, gioco, nanna, tempo per i genitori, in una cornice che dia ordine e regolarità
alla vita del bambino. Ciò aiuta la famiglia a non vivere nel caos, a gestire i vari problemi (non solo
del sonno, ma anche di alimentazione, coliche ecc). Aiuta anche il bambino a crescere e il bambino
non fa fatica a seguirla perché è rispettosa delle sue esigenze.
Rispetto al sonno utilizza i soliti consigli (attività tranquille serali, rituali ecc) sottolineando che è
importante non rendere il b dipendente da bisogni esterni (ciò significherebbe togliergli la
possibilità di calmarsi da solo e impedirgli di addormentarsi da solo) e che sostenere l’autonomia
non vuol dire lasciarlo piangere, ma soddisfare i suoi bisogni. Significa però anche rimetterlo giù
non appena i bisogni sono soddisfatti.
La Clerget suggerisce, per i bambini che si svegliano e chiamano nel cuore della notte, di fare “un
contratto: “io ti aiuto con orari regolari, con rituali, e tu non ci svegli e non vieni nel lettone”.
Un contratto: dunque il bambino è alla pari col genitore. Ma far rispettare il contratto, come si vede
successivamente, dipende dal genitore: “Se si sveglia ogni 2 ore: si ritarda un po’ alla volta il
momento in cui si risponde al suo pianto. Quando si va gli si dice solo: E’ notte, bisogna dormire,
senza coccole e discussioni”
Asha Philip (I no che aiutano a crescere, Feltrinelli, 1999) propone un modello di genitore che aiuta
attivamente il bambino a maturare e a crescere facendogli delle richieste ma anche fornendogli
amore e sostegno. Per quanto riguarda il momento del sonno la madre che mette il bambino a
dormire nella culla gli comunica che il disagio che lui sente è sonno e che la culla non è un posto
orribile. Crea in lui la sensazione che le cose andranno bene, gli permette di trovare i modi per
adattarsi, lo aiuta nel rafforzamento del senso di sé. E’ l’inizio di una crescita emotiva , un primopasso per attingere da sé le proprie risorse e per goderne. Il b però deve ricevere abbastanza amore
da avere il “carburante” necessario.
Pur con un’impostazione di questo genere non si scaglia contro il metodo Estevill. Porta l’esempio
di una madre spesso sola (il compagno lavorava lontano), incapace di lasciar piangere la bimba di 9
mesi, ma esausta per i suoi risveglio gni 2 ore. Con l’aiuto di un’amica, ha lasciato piangere la
bambina la prima sera per 1 ora, poi mezz’ora; in 5 giorni la b. non si è più svegliata. L’autrice la
definisce una soluzione drastica, ma dice che,”siccome avevano una solida base comune, il recupero
fu relativamente facile”.
Sara Letardi (Il mio bambino non mi dorme, Bonomi, 2007) propone un approccio ancora meno
direttivo, in cui la madre, quando ci sono problemi del sonno, non impone nulla, ma propone al
bambino cambiamenti nella gestione dell’addormentamento e dei risvegli.
Anzi, con l’idea che è il metodo che si deve adattare al bambino e non viceversa, l’autrice arriva a
suggerire di chiedere il consenso del bambino ai cambiamenti, lasciando a lui la libertà di scegliere
se accogliere o meno le richieste, che andranno sempre formulate con un: ”Per favore” e seguite da
un “Grazie”.
Ci sono poi differenze rispetto agli obiettivi della educazione:
5) Brazelton sottolinea molto il bisogno di autonomia del bambino. L’autonomia è un valore in sé,
uno degli obiettivi principali dell’educazione negli USA, come conseguenza dell’educazione a una
società individualista.
Prima dei 4 mesi, per l’immaturità del SNC, il bambino non è in grado di addormentarsi da solo e
di gestirsi i risvegli.
Ma già a 3 settimane si può cercare di intervenire sui ritmi sonno-veglia provando ad allungare gli
intervalli fra le poppate. Poi, via via, per condizionarlo a un lungo sonno notturno, si può intervenire
sempre di più, per esempio svegliandolo, se è necessario, alle 22. Successivamente si può agire sul
ritmo e la durata dei pisolini diurni.
Aiutare il b ad addormentarsi da solo è una modalità rispettosa del bambino, della sua autonomia e
delle sue possibilità.
Dai 4 mesi si può cominciare ad aiutarlo ad addormentarsi da solo. E’ infatti fisicamente pronto a
stare 6-8 ore senza mangiare e il suo cervello ha raggiunto una maturazione tale per cui può avere
un ruolo attivo nell’addormentamento.
Un b di 5 mesi deve aver già imparato a gestirsi da solo i risvegli notturni.
Alcuni consigli: non addormentarlo al seno o in braccio; metterlo nel lettino ancora sveglio,
dandogli buffetti, carezze e dicendogli: “Ce la fai, ce la fai…!” ; offrirgli il ciuccio; fargli trovare il
dito; ninne-nanne; suono “bianco”; rituali.; ai risvegli non accorrere al primo strillo.
Se si vuole si può metterlo nel lettone (sembra che secondo Brazelton sia un’esigenza più del
genitore che lavora e desidera il contatto col figlio che del bambino). Ma bisogna sapere che a 2 o 3
anni, quando si vorrà spostarlo, lui avrà inserito il lettone e il genitore nelle modalità di
addormentamento e il cambiamento potrà essere difficile.
Naturalmente ci saranno regressioni ai touch points. In quei momenti sarà come fare un passo
indietro, occorrerà nuovamente una maggiore presenza. Bisognerà però fare attenzione ai segnali
che dicono che il b è nuovamente pronto per una maggiore autonomia (spesso basta una settimana).
Puntando probabilmente molto anche lei sull’autonomia L. Moore, ricercatrice, docente di
Psicologia dello Sviluppo in Inghilterra (Il linguaggio prima delle parole), propone di insegnare ad
addormentarsi da solo anche al neonato. Per mediare fra il bisogno di fusionalità del b molto
piccolo e l’educazione all’autonomia, ripropone un metodo utilizzato in alcune culture: quello di
fasciare il bambino. Suggerisce cioè un contenimento artificiale (la fasciatura), invece di prendere
in considerazione un contenimento “naturale” (le braccia) anche per un neonato.
Carlo Gonzales, pediatra spagnolo, (Besame mucho, Coleman) sembra puntare invece ad una
educazione meno individualista. Abbiamo bisogno gli uni degli altri; gli esseri umani sono
interdipendenti. Il pianto è un segnale. Il bambino che piange sta esercitando una competenza
sociale, sta imparando a chiedere aiuto. Perciò occorre rispondere al suo pianto.Vediamo gli studi pediatrici.
Genitori più.
Si occupa dell’argomento solo dal punto di vista della prevenzione della SIDS.
Bene condividere la stanza da letto per permettere un “disturbo” fisiologico del sonno (cioè
impedire un sonno troppo profondo che inibisce l’automatismo del respiro quando il SNC è ancora
immaturo) in modo da ridurre il rischio di SIDS.
Fino al 2004 si riteneva sicuro il bed sharing (tranne che per genitori fumatori, obesi o sotto effetto
di sonniferi, alcool, o droghe). Studi recenti hanno evidenziato che il bed sharing aumenta
comunque il rischio di SIDS sotto le 11 settimane. Perciò sembrerebbe ammesso solo oltre le 11
settimane. Ma il problema è ancora in parte controverso.
(Quaderni ACP 2005, numero 4 e 6)
Nei cosleepers sono documentati maggiori disturbi del sonno. Si conferma cioè che il sonno nel
lettone ha periodi più brevi di sonno profondo e più frequenti risvegli.
Questo è valutato positivamente da alcuni (Moschetti, pediatra di base, superesperta della fisiologia
del sonno) in quanto diminuisce i rischi di SIDS) e negativamente da altri (Ciotti, neuropsichiatra
infantile di Cesena).
Inoltre Moschetti vede il cosleeping come conseguenza dei disturbi del sonno (non dorme, quindi lo
metto nel lettone) mentre Ciotti come causa (lo metto nel lettone e il sonno del bambino è più
disturbato).
Ciotti perciò consiglia ai pediatri di affrontare il problema del sonno prima che i bambini
raggiungano gli 8-9 mesi (età in cui i disturbi iniziano ad essere più frequenti per l’ansia da
separazione), spiegando ai genitori che il b. deve imparare ad addormentarsi da solo e non deve
stare nel lettone. Pur essendo un neuropsichiatra che sostiene la teoria dell’attaccamento non
demonizza il metodo Estivill (valorizzando il fatto che comunque c’è una risposta al pianto del
bambino e che tale risposta è prevedibile per lui).
Moschetti sottolinea come il sonno solitario crea ansia (aumento del cortisolo e della frequenza
cardiaca) e propone quindi, rispetto al lettone, di lasciar fare ai genitori come vogliono, spiegando
loro che comunque i disturbi sono transitori (fino ai 3 anni!).
Partendo da teorie diverse, diversa dunque è la posizione riguardo a: lettone sì, lettone no.
Ma anche riguardo ad altri aspetti:
Ciuccio
Sears: non serve; c’è la suzione al seno
Brazelton: si può
Hogg: si, ma solo prima dei 3 mesi e senza abusarne (aiuta il bambino a non utilizzare la mamma
come un ciuccio umano). Se un bambino di 3 mesi si sveglia piangendo perché ha perso il ciuccio,
significa che se ne è abusato.
Genitori più: ha effetto protettivo contro la SIDS, perciò sì’ dopo il primo mese (per non interferire
coll’allattamento; ma in nota si riportano recentissimi studi che sembrerebbero dimostrare che non
interferisce sull’allattamento) e fino all’anno.
Dentisti: no perché favorisce le malocclusioni
Dito
Hogg: si, in quanto iniziativa del bambino. Non c’è problema sul farlo smettere: smetterà di
succhiarlo quando è pronto.
Fresco: quando il bambino lo trova da solo, lasciarglielo, ma non attivarsi per farglielo trovare.
Brazelton e Murray: attivarsi per farglielo trovare, in modo che sia facilitato nella gestione
dell’autoconsolamento.
Dentisti: malocclusioni
Farlo addormentare al senoSears: si
Tutti gli altri: no, metterlo giù ancora sveglio
Correre subito ai risvegli
Estevill: no. Mantenere i tempi del metodo.
Brazelton: no, lasciargli il tempo di provare a riaddormentarsi
Letardi: si, in modo che non si svegli completamente
Sears: si, offrendogli subito il seno
Età a cui cominciare a insegnargli a dormire:
Estivill: dopo i 3 mesi
Murray: subito
Philips: subito
Brazelton: dopo i 4 mesi
Età a cui può sospendere le poppate notturne:
Brazelton: 4 mesi
Letardi: 1 anno
Sears: quando vuole
Età a cui ci si può aspettare che faccia una notte intera
Brazelton: 5 mesi
Clarget: 6 mesi
Estivill: 6 mesi
Cramer: all’anno il 60-70% dei bambini ha la capacità di addormentarsi da solo e di gestirsi i
risvegli
Ogni pediatra poi ha i suoi aggiustamenti personali di queste teorie, aggiustamenti che riflettono le
abitudini sue e della sua famiglia, le sue esperienze, le sue letture, le sue inclinazioni, le sue
preferenze. Quasi mai ha una chiarezza di fondo sui motivi che lo spingono a dare certi “consigli”
piuttosto che altri. Quasi sempre ha la convinzione che le sue idee siano le uniche giuste e, sotto
sotto, che i genitori che non le condividono o non riescono ad applicarle sono “strani” o
“inadeguati”.
Ciò che rende molto difficile la situazione è che le teorie di riferimento non sono esplicitate e
quindi è molto difficile discuterle. Si percepisce solo una differenza.
In questo quadro quale può essere il ruolo del pediatra?
Gli viene richiesto, come abbiamo visto dalla ricerca, di avere un ruolo per aiutare i genitori
nell’educazione del bambino. Ma su quali basi può dare dei “consigli”?
Consigliare un metodo autoritario o la negoziazione? Quanto tener conto dei bisogni del b e quanto
di quelli del genitore? Quanto valorizzare i bisogni di fusionalità e quanto di quelli di autonomia?
DISCUSSIONE
– La prima sensazione è di smarrimento. Alcuni dicono di aver sempre pensato di non saper
risolvere il problema del sonno per il fatto di avere scarse conoscenze, altri di aver letto sempre
molto sull’argomento confondendosi sempre di più le idee.
Adesso sembra che una certezza ci sia: non ci sono certezze.
– Alcuni dicono di non dare, in effetti, mai “consigli”. I genitori, che arrivano angosciati per il
problema del sonno del bambino, col tempo lo risolvono da soli.
– Altri sottolineano che in realtà di fatto si limitano ad ascoltare.
– Alcuni sottolineano che basi certe ci sono: la fisiologia. E’ importante che il pediatra la conosca e
la spieghi ai genitori, anche come linee anticipatorie. Questo riduce di molto i problemi successivi
(in effetti tutti i testi iniziano con le basi di fisiologia) anche se, secondo la maggioranza dei
presenti, ciò non sempre è sufficiente.- Importante, per porsi di fronte al paziente, è diventare consapevoli del nostro modello personale,
costruito negli anni, delle sue radici, delle sue motivazioni.
Lesmo. La contrapposizione che fa Sears fra natura e cultura è, a sua volta, una costruzione
culturale che presuppone che sia possibile scindere l’evoluzione biologica dell’essere umano da una
sovrapposizione socio-culturale. La natura dell’uomo è di essere un “essere culturale”. L’uomo, sin
dalla sua esistenza intrauterina è calato in un mondo culturale che lo informa. Dunque non si può
riportare il sonno dei bambini alla sua condizione “naturale”. Nessun bambino si stacca dal seno o
dal lettone senza pressioni esterne, perché nessun bambino è avulso da pressioni esterne,
consapevoli o inconsapevoli, volontarie o involontarie. Anche l’apparente assenza di “pressioni
esterne” è in realtà un elemento che plasma il soggetto. L’uomo è sempre relazionale. Gli stessi
bisogni del bambino prendono forma nel corso di rapporti interpersonali. Le sue richieste diventano
tali quando vengono interpretate come richieste, altrimenti sarebbero una serie di segnali
inascoltati.
Sears considera l’individuo una monade in grado di agire sulla base dei propri istinti,
indipendentemente dal contesto in cui è calato.
Estivill presuppone che la struttura sociale (qui per esempio l’organizzazione della vita famigliare)
si imponga sull’individuo, senza lasciargli margine per l’azione. Questa prospettiva è opposta a
quella individualista (è il singolo che determina la struttura, dunque, nel nostro caso, il bambino con
le sue esigenze e richieste che determina la struttura famigliare). Sono 2 prospettive opposte che da
sempre percorrono le scienze sociali.
La medicina punta sempre di più all’ enhancement del soggetto, al suo potenziamento. E’
interessante chiedersi quanto il singolo debba essere adeguato, anche mediante le pratiche mediche,
a certe categorie socio-culturali o quanto siano queste a doversi adattare all’individuo.
L’antropologia non individua pratiche “giuste” o “sbagliate”: tutte concorrono alla costruzione
dell’individuo. Però scegliendo di dare più peso a un modello piuttosto che a un altro il medico
influenza il soggetto, la società e la cultura.
Il medico è una figura socialmente legittimata a curare. Il medico “educa” comunque, anche quando
tenta di sottrarsi a questo ruolo, proprio per il suo stato sociale. Non rispondere alle richieste del
genitore o limitarsi ad ascoltarlo senza dare risposte sono comunque risposte, perché il medico
detiene il potere di cura.
Il genitore che viene ascoltato modifica il suo racconto secondo il tipo di interlocutore che ha di
fronte, opera delle scelte nella narrazione. Non esiste una verità da narrare.
Il medico deve essere consapevole del suo potere di curare, di interpretare i segnali e di fornire
risposte. Del potere di costruire l’individuo e quindi la società, del suo potere normativo e politico.
I modelli di fronte al problema del sonno corrispondono a modelli di individui e società diversi.
Per Brazelton l’autonomia è un valore in sé. L’autonomia in effetti nella cultura americana è
fondamentale ed è molto utile raggiungerla. Non è detto che in altre culture questo modello sia il
più utile ed efficace.
Quindi Brazelton è figlio della sua cultura e insieme, proponendo l’adeguazione a quella cultura
(senza, per esempio, criticarla) la rafforza.
Dobbiamo cercare di comprendere, attraverso la narrazione, la famiglia che abbiamo davanti, il suo
modello.
Il modello del medico non deve essere escluso. Anche se sul problema del sonno non ci sono
evidenze forti il medico ha una sua cultura, delle sue esperienze di vita e professionali che gli danno
sul tema una competenza (anche se non EBM fondata e non condivisa da altri operatori).
– Il medico può intervenire per far comprendere, non per imporre un altro punto di vista.
– Tutti gli autori colgono una parte di verità. Anche Estivill coglie che è importante guidare il
bambino, la Vegetti Finzi coglie che in certi casi l’intimità può essere eccessiva ecc.
– Il paternalismo significa voler influenzare. Diverso è fornire la propria chiave di lettura.Lesmo. La medicina non è una disciplina “forte”, ma è essa stessa dotata di una dimensione storica
e culturale (il modo biomedico è uno dei modi possibili di leggere la realtà che è comunque
complessa e non riducibile a un solo modello). Tanto più non è una disciplina forte in aree grigie
come questa del sonno (e la pluralità degli studi presentati lo dimostra)
La pratica medica diventa un lavoro di interpretazione e di negoziazione.
E’ possibile intervenire in modo consapevole nel processo di negoziazione esplicitando (almeno
verso se stessi) la scelta interpretativa adottata e non liquidando le interpretazioni fornite dagli
interlocutori come “strane” e “inadeguate”. Esse possono esserlo all’interno di quel paradigma
biomedico o entro le pratiche sociali di un particolare contesto, ma non in termini assoluti.
E’ da questi presupposti che si può elaborare un a risposta condivisa mediante una partecipazione
consapevole dei soggetti coinvolti nella relazione (ad esempio mediante la narrazione).
Lì i saperi si incontrano e si influenzano reciprocamente (dunque anche il paziente influenza il
medico!) col fine di costruire qualcosa di condiviso.
– Per una negoziazione e co-costruzione efficace il modello del medico non deve svanire, anzi deve
essere proposto in modo chiaro, anche se disponibile a modifiche (“Che ne dice di provare così?
Può provare e poi possiamo vedere se funziona”)
– Il sistema della negoziazione è superiore al sistema paternalistico perché è più efficace.
Le riflessioni sull’importanza di tener conto del punto di vista del paziente (della illness, ossia del
vissuto di malattia e non solo della desease, ossia della malattia organica) sono nate proprio
dall’esame dei ripetuti insuccessi della medicina paternalistica, cioè autoritaria, che tiene conto solo
del modello del medico.

 

Tratto da:

http://www.acpovest.it/Blog/genitorialita_22_3_2011.pdf

La tosse: spazzacamino dei bronchi di Leo Venturelli

La tosse può diventare fastidiosa e a volte preoccupa i genitori; eppure si tratta di un efficace meccanismo di pulizia delle vie respiratorie provocato da corpi estranei, polvere, muco e catarro, sostanze chimiche come il fumo, cambiamenti bruschi di temperatura o di umidità dell`aria. Con la tosse l`aria viene espulsa in modo forzato dai polmoni nel tentativo di gettare fuori anche lo stimolo irritante. È dunque un meccanismo utile per l`organismo: impedisce di bloccarsi al flusso di aria che raggiunge i polmoni e che garantisce l`ossigenazione del sangue.

C’è tosse e tosse. A seconda della causa che la produce e della zona delle vie respiratorie coinvolte dall`infiammazione, la tosse può presentarsi in diversi modi: secca, stizzosa, a colpi: in questi casi è provocata quasi sempre dall`irritazione della laringe o della trachea, le parti più alte dell`albero respiratorio; catarrale e produttiva: il muco prodotto dipende dalla irritazione di tutte le vie respiratorie (alte e basse); asmatica: caratterizzata da sibili e fischi che il medico sente auscultando il torace, ma che spesso anche la mamma sente vicino alla bocca del bambino. In realtà, una mamma si accorge da sé se si tratta di una tosse facile, relativamente superficiale, oppure se “viene da dentro”, se “porta su” qualcosa e se si tratta di catarro fermo e denso, oppure fluido, molle o, magari, di un corpo estraneo.

Quali sono le cause? Di solito la tosse deriva da un`infezione, per lo più virale, destinata a guarire da sola. Il virus altera la qualità e la quantità del muco che normalmente protegge la parete del naso, della trachea e dei bronchi: il muco diventa più abbondante e più denso; per i bronchi e la trachea è come un corpo estraneo: scatta perciò il riflesso della tosse. Questo muco alterato viene chiamato “catarro”. L`infezione può essere dovuta anche a batteri: in questo caso la malattia non si ferma alla superficie mucosa del bronco, ma può arrivare agli alveoli polmonari, la parte più profonda dei polmoni: non è più soltanto un raffreddore e la febbre è spesso elevata. Se qualcosa, per esempio un seme, invece di scendere giù per l`esofago, va nella trachea, ecco che scatta il riflesso della tosse per espellerlo: tosse dovuta da corpo estraneo. Nell`adulto una causa possibile è anche il tumore; nel bambino (molto raramente) ci sono delle malformazioni o delle malattie congenite che alterano la composizione del muco, oppure la capacità del bronco di liberarsene. In questi casi, la tosse ha un`insistenza e una “cattiveria” speciali. Se la faccenda dura a lungo, il pediatra non potrà non sospettarlo e chiederà i giusti esami. Alle infezioni si aggiunge, infine, l`allergia respiratoria (l`asma), più in là, magari, il fumo di sigaretta. Una volta c`era la pertosse, ma adesso c`è il vaccino e la pertosse non esiste quasi più.
Lo stare con altri bambini all’asilo è la causa principale delle infezioni respiratorie che danno la tosse. All`età della scuola dell`obbligo ci si ammala già molto meno.

Cosa si può fare per alleviare il fastidio?
 Poiché la tosse è un meccanismo utile all`espettorazione del muco, non si deve sempre cercare di eliminarla, a meno che non sia così fastidiosa da impedire il sonno del bambino. In questo caso, ecco alcuni consigli:
Somministrare al bambino liquidi tiepidi. Il catarro aderisce alle pareti del faringe o alla laringe, le bevande calde agiscono localmente decongestionando le vie respiratorie e aiutano il muco a sciogliersi: l`acqua è il più potente “mucolitico” esistente in natura! Si consigliano thé, limonata o anche solo acqua; quando la tosse è secca, è utile somministrare 1 o 2 cucchiaini di miele o di sciroppo concentrato di zuccheri o di frutti, come l`amarena o il tamarindo.
Mantenere umido l`ambiente: un`umidità relativa del 40-60% è quella giusta; esistono in commercio umidificatori di vario tipo. Non è indispensabile sciogliere sostanze balsamiche nell`acqua, che anzi, a volte potrebbero irritare le vie respiratorie (ma niente umidità in casa degli allergici alla polvere, perchè il vapore favorisce la moltiplicazione degli acari).
Umidificare direttamente l`aria che il bambino respira: i più piccoli possono essere condotti in bagno per 15 minuti, dopo aver aperto tutti i rubinetti dell`acqua calda (lo specchio ed i vetri devono essere appannati). Questa tecnica è utile in caso di tossi secche.
Evitare il fumo passivo che si respira in ambienti in cui sono o sono stati presenti fumatori: il fumo stimola la tosse agendo come irritante delle mucose… anche quelle del bambino sano!
Non forzare il bimbo a mangiare: quando si è malati non si mangia mai volentieri.
Usare solo le gocce o gli sciroppi calmanti consigliati dal pediatra e solo in bambini dall`anno in su, quando la tosse è molto fastidiosa.

Programmate una visita se: 
– È presente febbre per più di 3 giorni: potrebbe trattarsi di una malattia batterica che richiede terapie antibiotiche.
– La tosse dura da più di 2-3 settimane; non è una situazione rara ma vale la pena di vedere il bambino: potrebbe avere una sinusite o un disturbo allergico.
– Il bambino ha meno di 3 mesi: a questa età è più facile che semplici raffreddori possano dare complicazioni;
– Se il bambino tossisce a lungo nel periodo primaverile (possibile allergia ai pollini) o dopo aver dormito in una casa rimasta chiusa da molto tempo (possibile allergia alla polvere).
– La tosse fa perdere sonno al piccolo o vi costringe a tenerlo a casa da scuola per parecchi giorni;
– La tosse si associa a vomito;
– Il bambino tossisce e ha dolore al torace: può dipendere da un risentimento pleurico.
– Siete comunque preoccupati: quando il genitore è preoccupato per qualunque motivo riguardo la salute del proprio bambino, è utile che si rivolga con fiducia al proprio pediatra.

Avvertite subito il pediatra se: 
Il bambino ha pochi mesi e tossisce spessissimo.
Respira con affanno: potrebbe esserci una difficoltà al passaggio dell`aria dai bronchi ai polmoni.
Ha la respirazione frequente e difficile, anche quando non tossisce.
Ha le labbra di un colorito grigiastro o si fanno scure durante l`attacco di tosse: questo indica che ci può essere un difetto d`ossigenazione.
C`è sospetto di inalazione di corpi estranei: in questo caso la tosse compare improvvisamente dopo un momento in cui sembra che il piccolo stia soffocando.

SIRT 
È la sigla che usano i medici: vuol dire Sindrome da Iperreattività dei Recettori della Tosse. È il modo scientifico di chiamare quella tosse secca, fastidiosa che si riproduce da sola e che hanno alcuni bambini (ma ce l`hanno spesso anche i loro genitori o i fratelli, perchè è probabilmente costituzionale). Sono bambini che quando cominciano a tossire non la finiscono più; più tossiscono e più viene loro la tosse. A volte fanno l`aerosol… e stanno peggio. Non hanno nulla di grave, si tratta semplicemente del fatto che i loro “recettori della tosse”, piccole terminazioni nervose che si trovano in gola, nella trachea e nei bronchi, sono troppo sensibili, si irritano facilmente e continuano ad irritarsi sempre più ad ogni colpo di tosse. In questi casi il pediatra potrà consigliare un calmante della tosse e sarà forse l`unica condizione in cui calmare la tosse troverà una giustificazione.

Tratto da UPPA:

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=454&idr=17&idb=0

Un abbraccio che fa crescere

La nascita prematura di un bambino è un evento sempre più comune. Ciò nonostante tale situazione sconvolge sempre i genitori che si trovano, senza preavviso, ad affrontare un dolore immenso legato alla paura per la sopravvivenza del proprio figlio ed una profonda sensazione di inadeguatezza a volte correlata ad un senso di colpa della madre.

Passata la vera e propria emergenza, nella quale viene data priorità assoluta alle manovre per salvare la vita del piccolo, spesso i genitori si ritrovano a fare da meri spettatori di tutto ciò che accade al loro bambino durante il ricovero.
 Anche nei casi in cui il bambino è ancora in condizioni critiche, le cure dei genitori rivestono, o dovrebbero rivestire, un ruolo di primo piano. Diversericerche scientifiche dimostrano che il contatto tra i genitori e il loro bambino è indispensabile e benefico per entrambe e fa parte di quelle cure tempestive e globali che tutti gli ospedali dovrebbero poter proporre il prima possibile.
Che cosa significa dare spazio alle cure affettive? Cosa possono realisticamente fare i genitori di un bambino prematuro che appare così fragile e irritabile? All’inizio basterà la sola presenza silenziosa a fianco dell’incubatrice, poi, quando le condizioni del bambino lo permetteranno, il genitore potrà fargli sentire il proprio tocco fermo e contenitivo. Le cure diventeranno man mano più globali e la relazione bilaterale, ma il seme viene gettato in quei primi momenti, in quel primo “esserci” che riconosce l’altro come figlio.
Questo riconoscimento è fondamentale per l’instaurarsi di una buona relazione tra i genitori e il bambino e potrà far loro superare lo shock della nascita prematura permettendo la creazione di un buon legame d’attaccamento.
Il progetto “Un abbraccio che fa crescere”, nato dopo un lungo periodo di studio e grazie ad una fruttuosa collaborazione tra la Cooperativa Focus e L’Associazione Italiana per la Care in Perinatologia  va in questa direzione: ridare valore alle relazioni parentali subito dopo la nascita di un bambino prematuro.
L’intento è quello di portare un sostegno concreto ai genitori di bambini nati prematuri attraverso un processo di sensibilizzazione sull’importanza del contatto corporeo all’interno delle unità di Terapia Intensiva Neonatale.
L’obiettivo  è dare valore alla “cura affettiva” del neonato prematuro come parte integrante della terapia neonatale, sostenendo i genitori e riconoscendo il loro ruolo terapeutico. Intuizione  già del primo neonatologo della storia, Pierre Boudin, che nel 1898 sosteneva:
“Primo salva il bambino, secondo salvalo in modo che poi, quando lascerà l’ospedale abbia una madre in grado di accudirlo”.

foto di Raffaella Doni

Per l’instaurarsi di una relazione fatta di ascolto e rispetto dei tempi di ognuno è fondamentale accettare che il bambino possa non essere pronto a ricevere stimoli complessi e la madre possa sentirsi inadeguata a relazionarsi con il piccolo.
Superato questo momento i genitori devono essere accompagnati dagli operatori ad avvicinarsi al loro bambino passo dopo passo. Un esempio tra tutti è quello di integrare la marsupio terapia con l’utilizzo di una fascia lunga porta bambini che permetta ai genitori non solo di rilassarsi insieme al bambino ma anche di spostarsi e di acquisire  una competenza utile anche dopo le dimissioni.
Il progetto per realizzare tutto questo è stato sviluppato in tre fasi, la prima delle quali ha  visto  lo studio di tutto il materiale disponibile in merito  ai benefici del contatto per i bambini prematuri.
La seconda fase prevede la formazione degli operatori delle Unità di Terapia Intensiva Neonatale e la consegna del materiale: un manuale tecnico-pratico riassuntivo dei temi trattati durante il corso destinato agli operatori, unabrochure dedicata ai genitori con una storia che parla un linguaggio emotivo e che mira a sciogliere quello che gli esperti chiamano “freezeringrappresentazionale” dei genitori (lo stato d’animo nel quale i genitori potrebbero trovarsi dopo la nascita del bimbo: fissano dentro di sé un’ immagine del bimbo che non riescono a modificare anche quando questo cresce e migliora) e una fascia porta bebè, pensata appositamente per i bambini prematuri, per ogni posto letto dell’U.T.I.N. (unità di terapia intensiva neonatale).
La terza fase del progetto è l’accompagnamento dei genitori. Questa fase è seguita giorno per giorno dagli operatori del reparto che sostengono  i genitori stimolandoli a ritrovare fiducia in se stessi e nelle proprie risorse.

foto Daniele Portanome

Al momento delle dimissioni viene consegnata ai genitori che ne hanno fatto uso in reparto, una fascia porta bebè per bambini prematuri identica a quella usata durante il ricovero. Agli stessi è offerta l’opportunità di richiedere la visita domiciliare di un’ostetrica che possa aiutarli nell’utilizzo della fascia e possa rispondere a comuni domande sull’accudimento del bambino. I genitori sono inoltre invitati ad incontri mensili, condotti da una pedagogista e da un’ostetrica. Questi appuntamenti hanno lo scopo di stimolare il confronto tra genitori che hanno vissuto la stessa esperienza per facilitare l’instaurarsi di nuove relazioni nei luoghi in cui vivono.
La durata di questa fase del progetto è assolutamente indicativa perché ci si augura che questo modo di operare diventi una buona pratica dell’Ospedale e che poi proceda spontaneamente nella sensibilizzazione dei genitori in merito a queste tematiche.
La Regione Lombardia, attraverso un bando, ha finanziato parte del progetto che è stato attuato, anche grazie al lavoro volontario del personale, nell’Ospedale Del Ponte di Varese e Buzzi di Milano. L’impegno  per il futuro è quello di riuscire ad attivarlo in molte altre Unità di Terapia Intensiva in Italia.

Alessia Motta
alessia@focuscoop.it

Raffaella Doni
raffaella@focuscoop.it 

Pedagogiste della Cooperativa Sociale Focus

Tratto da:

http://unpediatraperamico.blogspot.it/2012/02/un-abbraccio-che-fa-crescere.html

Pelle: i rimedi più comuni di Marina Macchiaiolo

    La pelle è il più grande organo del corpo umano; è una vera e propria barriera e per la sua posizione di “prima linea” è sottoposta, specie nell’età infantile, ad “attacchi” di vario genere. Fino al 20 per cento dei bambini visitati in un ambulatorio pediatrico presentano problemi di tipo dermatologico, dalla dermatite da pannolino a malattie più complesse come la psoriasi. Per il trattamento di queste patologie, il pediatra ha a disposizione un armamentario piuttosto ampio, sono inoltre disponibili molti farmaci, cosiddetti “da banco”, a cui talvolta i genitori ricorrono in modo autonomo. Poiché alcune medicine sono usate localmente, si ritiene spesso che abbiano meno effetti collaterali; questo non è sempre vero e anche per i farmaci dermatologici conviene seguire il consiglio del medico evitando il fai da te. La pelle ha un alto potere assorbente, che aumenta ad esempio in caso d’infiammazione, quindi anche i farmaci applicati localmente possono avere degli effetti sistemici, cioè simili a quelli di un farmaco assunto per bocca o per via endovenosa. Inoltre, il rapporto tra la superficie cutanea ed il volume del corpo è maggiore nel bambino rispetto all’adulto, per cui una medicina applicata sulla pelle di un bambino può essere assorbita e raggiungere nel suo organismo concentrazioni maggiori di quelle che raggiungerebbe se fosse applicata sulla pelle di un adulto. Nella pelle, inoltre, sono presenti molte delle cellule coinvolte nelle reazioni allergiche, perciò, l’applicazione locale di un farmaco può scatenare, nei soggetti sensibili, delle reazioni. Ci sono poi gli “eccipienti”, sostanze aggiunte al farmaco per diluirlo e/o renderlo spalmabile e assorbibile: però raramente queste sostanze possono causare effetti indesiderati. I farmaci che si usano per curare le malattie della pelle si possono dividere in due categorie: quelli ad uso “sistemico” (che raggiungono la pelle attraverso il sangue che la irrora tutta, e che si prendono quasi sempre per bocca) e quelli ad uso “topico” (che sono applicati localmente, come unguenti, creme, lozioni).

Vediamo le caratteristiche principali dei più comuni e quali precauzioni tenere a mente.

Antibiotici

Sono utilizzati in caso di infezioni cutanee, come l’impetigine, e possono essere somministrati per via locale o sistemica; poiché esiste il rischio di sensibilizzazione e quello di far diventare i batteri resistenti al trattamento, gli antibiotici ad uso locale sono in genere diversi da quelli usati nelle preparazioni per via generale ed il loro uso va riservato a situazioni strettamente necessarie.

Antinfiammatori
I farmaci antinfiammatori sono di due categorie, i cortisonici e i non cortisonici (FANS). Cortisonici: si usano per il trattamento di patologie come l’eczema; la loro azione consiste nel sopprimere la reazione infiammatoria, riducendo i sintomi; nella maggior parte dei casi però non sono curativi, migliorano la sintomatologia, ma non eliminano la causa. I cortisonici possono essere divisi in classi, in base alla loro potenza; di solito per curare le malattie della pelle si usano quelli a bassa potenza, (ad esempio l’idrocortisone 1%), sufficienti per ottenere l’effetto desiderato ma privi degli effetti collaterali a cui i bambini, soprattutto i neonati, sono molto sensibili. Comunque i cortisonici si usano, se necessario, con attenzione e per brevi periodi. FANS: alcuni, come il ketoprofene, l’ibuprofene o il piroxicam, hanno una modesta azione antidolorifica, si usano dei dolori muscoloscheletrici e nelle contusioni, L’uso locale di quantità abbondanti, può, raramente causare reazioni sistemiche di ipersensibilità o asma. Sono controindicati in gravidanza e allattamento l’uso nei bambini andrebbe limitato. Altri, come il benzadac e il bufexan sono talvolta utilizzati, come sintomatici, nelle forme lievi di eczema, per la loro azione antinfiammatoria.

Antistaminici
Gli antistaminici, applicati sulla pelle, sono poco efficaci; in caso di necessità per la loro azione contro il prurito possono essere utilizzati brevi cicli per via orale. Alcuni di questi farmaci hanno un’azione sedativa.

Antimicotici
La maggior parte delle infezioni fungine localizzate è trattata con preparati topici. La più frequente è la candida, che spesso complica le dermatiti da pannolino. In alcune tigne è necessario il trattamento per bocca.

Emollienti
Gli emollienti, idratano, rendono liscia la pelle, alleviano l’irritazione cutanea in caso di secchezza o desquamazione. Esistono emollienti leggeri come le creme acquose o preparazioni più grasse tipo la paraffina bianca liquida. Anche in questo caso alcuni ingredienti possono causare reazioni di sensibilizzazione.

Immunosoppressori
In alcune forme gravi di eczema o di psoriasi che non rispondono alle terapie locali più diffuse si usano farmaci sistemici che influenzano la risposta immunitaria. Per i possibili effetti collaterali sono usati raramente dagli specialisti, a volte addirittura in ospedale. Uno di questi farmaci (si chiama tacrolimus) è stato recentemente confezionato sotto forma di crema e viene usato per la cura dell’eczema, quando non si ottengono risultati con il cortisone.

Lenitivi
Non si tratta proprio di farmaci, ma di “parafarmaci”; prodotti generalmente di origine vegetale, venduti in farmacia senza ricetta medica, ma dotati di una buona efficacia antinfiammatoria. Alleviano il fastidio, l’arrossamento e il prurito nelle forme leggere di eczema.

Farmaci per verruche
Le verruche sono causate dal papilloma virus umano; nella maggior parte dei casi nei bambini sono localizzate alle mani e ai piedi. In genere il trattamento consiste nella distruzione del tessuto locale; le verruche possono regredire in modo spontaneo ed il trattamento è necessario se sono dolorose, antiestetiche o fonte di disagio. I preparati hanno lo scopo di rimuovere il tessuto locale quindi vanno usati con cautela e solo sulla zona interessata.

Preparazioni barriera
Queste pomate, non sono veri e propri farmaci ma sono molto usate, soprattutto nei primi anni di vita, per la prevenzione della dermatite da pannolino. Si tratta in genere di preparazioni a base di ossido di zinco che creano una barriera protettiva nei confronti dell’urea contenuta nella pipì e dell’azione macerante del pannolino bagnato. La loro efficacia è dubbia e anzi, spesso l’uso smodato di queste pomate favorisce la sovrainfezione da parte di batteri o funghi (candida). Quando si usano, non è necessario impomatare fino all’ombelico con doppio, triplo strato, poiché diventa più difficile la pulizia, soprattutto tra le pieghe, e una quantità eccessiva di pomata, insieme alla plastica del pannolino, favorisce “l’effetto serra”. È molto più efficace cambiare spesso il bambino e ogni tanto lasciare il culetto all’aria.

 

DA UPPA:

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=81&idr=3&idb=0

Bimbo e TV “La televisione sotto i tre anni ? No, otto volte no”

Nei prossimi mesi è atteso nel nostro Paese un nuovo canale satellitare, già attivo negli Usa, dedicato ai bambini tra 0 e 24 mesi, si chiamerà BabyFirstTv. Gli ideatori si difendono dalle critiche degli esperti (come i pediatri dell’Accademia Americana di Pediatria) sostenendo che i bambini molto piccoli vengono già messi davanti alla televisione e quindi è meglio dedicare loro una programmazione che tenga conto delle esigenze e delle capacità percettive tipiche di questa età.

Da sempre i pediatri (ma anche gli psicologici e gli educatori) sostengono la pericolosità del mezzo televisivo nei bambini con meno di tre anni. Questa nuova proposta (con scopi palesemente commerciali) rischia di creare confusione e dubbi nei genitori; occorre forse spiegare e ribadire i motivi per i quali nei bambini molto piccoli lo schermo televisivo è da proscrivere, anche nel caso trasmetta programmi dedicati.

  1. Nei primi due anni di vita il bambino non è ancora capace di distinguere realtà e fantasia, né di fare ragionamenti astratti; vive e pensa per emozioni e percezioni. Nei confronti di un assetto psicologico così particolare qualunque programma televisivo è destinato a provocare estrema confusione, producendo percezioni visive e sonore che potrebbero essere paragonate a vere e proprie allucinazioni, col rischio di deformare e condizionare negativamente la costruzione del senso di realtà da parte del bambino.
  2. Nel primo anno di vita il bambino non ha ancora raggiunto la maturazione che gli permette di avere la consapevolezza di se stesso e della propria individualità; questo processo si realizza attraverso il rapporto con le persone che si prendono cura di lui e l’interazione con l’ambiente. All’interno di una dinamica tanto complessa la televisione può soltanto produrre una grave e pericolosa interferenza senza alcuna possibilità di personalizzare e finalizzare gli stimoli che giungono al bambino.
  3. Nei primi due anni di vita la realtà spaziale e temporale non sono vissute in maniera oggettiva e consapevole, “gli avvenimenti del bambino sono senza connessione”(Fraiberg); sono le figure di accudimento che permettono al bambino di mettere insieme i ‘pezzi’ dell’esistenza che lentamente acquista significato. Lasciare alla televisione questo delicatissimo ruolo può condurre il bambino a farsi un’immagine della realtà completamente falsa ed esterna al suo contesto di vita.
  4. Gli studi di neuroscienza degli ultimi anni hanno permesso di capire che il cervello del bambino nei primi due anni sviluppa specifiche connessioni nervose responsabili della futura attività cerebrale. Gli stimoli esterni compresi nelle esperienze del bambino indirizzano e condizionano il tipo di struttura che progressivamente va organizzandosi. Gli stimoli forniti dalla televisione in questa età sono in grado di condizionare (in una direzione che ancora nessuno ha potuto studiare) lo sviluppo e la maturazione del cervello. Studi scientifici eseguiti su bambini più grandi (3-5 anni) hanno dimostrato che un uso eccessivo e improprio della televisione è in grado di interferire sulla capacità linguistica e sul pensiero matematico, predisponendo in alcuni casi alla sindrome di ADHA (deficit di attenzione e iperattività).
  5. Ancora le ricerche di neuroscienze hanno scoperto che nei primi anni di vita sono molto attivi i cosiddetti ‘neuroni specchio’ i quali, attivando i processi di imitazione, permettono di dare avvio all’apprendimento e alla capacità di relazione e di comunicazione interpersonale (praticamente la base e il senso della nostra vita sociale). La televisione agisce, nel bambino piccolo, in un momento nel quale questo meccanismo è ancora immaturo e privo di qualunque filtro difensivo.
  6. Sappiamo da tempo che il pensiero e la capacità cognitiva nei cuccioli della nostra specie hanno bisogno di svilupparsi attraverso l’interazione con le persone di accudimento. Il bambino piccolo per crescere deve poter toccare ed essere toccato, deve poter inviare un segnale e ricevere una risposta; di fronte ad un viso depresso o inespressivo viene travolto dall’ansia. Per crescere il bambino ha bisogno di lanciare un suono e di ricevere in cambio parole ed espressioni rassicuranti in grado incoraggiare l’invio di altri segnali e di stimolare altri ‘esperimenti’. Tutta questa dinamica e spontanea interazione è impossibile al mezzo televisivo, che non è in grado di rispondere ai segnali-domande del bambino né ha la possibilità di lasciarlo sperimentare alcunché.
  7. E’ falsa l’opinione che stimoli adeguati provenienti dal video (della TV come del PC) possano stimolare l’intelligenza nel bambino piccolo. L’intelligenza nei primi anni di vita inizia a svilupparsi attraverso la coordinazione tra prensione e visione, che significa vedere un oggetto, afferrarlo, assaggiarlo e, più avanti, lanciarlo (magari producendo un bel po’ di rumore e facendo di tutto perché qualcuno lo riporti, con la disponibilità di ripetere l’operazione qualche migliaio di volte). Anche lo sviluppo del linguaggio, e quindi del pensiero astratto, deve prima passare attraverso l’esperienza concreta con gli oggetti ai quali, insieme ai genitori, si deciderà un giorno di attaccare un nome.
  8. Gli autori di questi nuovi programmi definiscono i loro contenuti ‘educativi’, ma nel primo anno di vita nessun bambino può essere veramente ‘educato’, perché la sua esistenza si basa ancora su percezioni e sensazioni, senza ancora la possibilità di rapportarsi a schemi predefiniti (che non siano semplicemente l’interazione con le persone di accudimento); in questa età per uniformare un bambino a schemi esterni ai suoi bisogni occorre impostare un processo più simile all’addomesticamento. I processi educativi saranno operativi più avanti, quando il bambino sarà diventato capace di relazioni consapevoli e personali e avrà iniziato a comunicare direttamente con le persone e con l’ambiente.

Come ha ben sintetizzato la psicologa dell’infanzia Anna Oliverio Ferraris, la televisione nei primi due anni può ‘generare una incompetenza emotiva e cognitiva’.

Noi riteniamo che la vera ‘televisione’ per un bambino piccolo siano i suoi genitori, per i quali il proprio figlio non è un qualunque indefinibile e virtuale (e pagante) telespettatore-cliente-utente, ma l’unico e irripetibile bambino, in ogni caso, il più bello e bravo del mondo.

Di Alessandro Volta

tratto dal sito http://www.vocidibimbi.it

Popò e pipì, tutte le FAQ di Stefano Gorini

FAQ 
Speciale Popò e pipì
A cura di Stefano Gorini pediatra di famiglia, Rimini e-mail stgorin@tin.it – ritratto

POPÓ
Quali sono le caratteristiche delle feci nel lattante?
Chi assume solo latte (materno o artificiale) emette feci semi-liquide o cremose di colore giallo-oro a volte tendente al verde. Il ritmo delle evacuazioni è naturalmente variabile da bambino a bambino: alcuni lattanti evacuano tutte le volte che prendono il latte, altri anche una volta ogni 5-6 giorni.
Un bambino che non evacua tutti i giorni è stitico?
La stipsi è l’emissione difficoltosa di feci dure; la caratteristica principale non è tanto la frequenza delle evacuazioni, ma la difficoltà di evacuare. Alcuni bimbi si liberano tutti i giorni o anche 2-3 volte al giorno, altri una volta ogni 3-4 giorni, ma se questo avviene senza fatica e le feci sono normali non c’è stipsi.
Quali sono le cause della stipsi?
La stipsi può essere dovuta a cause organiche, psicologiche e infine funzionali, le più frequenti. In questo caso si vede che il bambino tende “a trattenere” le feci, ad esempio perché queste sono dure a causa di una dieta povera di fibre (frutta e verdura) e vuole evitare il dolore legato all’evacuazione, oppure perché non riesce ad abituarsi al fatto che è stato tolto il pannolino.
Cosa fare?
Le buone abitudini alimentari si apprendono da piccoli ed è necessario abituare i bambini precocemente a mangiare frutta e verdura. Utili in particolare prugne e kiwi, verdure verdi, legumi e cibi integrali. Bisogna poi educare il bambino ad evacuare sempre allo stesso orario e a gambine ben aperte e appoggiate per terra. Se questo non è sufficiente sarà compito del medico ricorrere eventualmente ai farmaci.

PIPÍ
È normale trovare delle macchie rosse sul pannolino bagnato di pipì?
Nei neonati e dei bambini piccoli possono comparire delle macchie sul pannolino bagnato dovute alla presenza di sostanze contenute nell’urina (urati) che depositandosi sul pannolino danno una caratteristica colorazione rosata. È un fenomeno transitorio e non patologico.
È necessario curare l’enuresi?
Prima di decidere se curare e quale terapia sia più corretta occorre considerare che l’enuresi è un fenomeno che si risolve, nella quasi totalità dei casi, spontaneamente. Gli interventi che vengono attuati sono tesi ad accelerare la maturazione del controllo della vescica e/o a ridurre il volume totale di liquidi che arrivano alla vescica durante la notte. Il fine è quello di permettere al bimbo di condurre una vita normale e di evitare che possa manifestare un disagio. La terapia può essere farmacologica o comportamentale: sta al medico insieme alla famiglia decidere quale sia più adatta.
Quando togliere il pannolino anche la notte?
È del tutto normale che i bambini piccoli si bagnino durante la notte perché la vescica non ha ancora raggiunto una piena maturazione, sia riguardo al volume di urina che è in grado di contenere, sia riguardo ai meccanismi che permettono al bambino di controllare la fuoriuscita della pipì. Ma quando ci si accorge che la mattina il pannolino è quasi sempre asciutto vuol dire che questa maturazione è ormai completata e perciò il pannolino non serve più.
Cosa fare in caso di disturbi urinari diurni?
Si può fare la “rieducazione minzionale”, una specie di ginnastica per abituare la vescica a svuotarsi nei tempi e modi corretti. Se il bimbo trattiene la pipì la vescica tende a dilatarsi con la conseguenza di non funzionare correttamente.
Perciò spiegate al bambino che non appena sente il bisogno di fare pipì deve andare in bagno e, se lui non ci pensa da solo, programmare almeno 6 momenti della giornata in cui portarvelo. Insegnategli a gestire il suo bisogno suggerendogli di contare fino a 10 prima di iniziare a urinare; questo lo aiuta a prendere coscienza della propria capacità di controllare lo stimolo. Ditegli che è meglio svuotare completamente la vescica, non accontentandosi di fare solo un po’ di pipì: spesso il bimbo pensa di avere esaurito la minzione in modo rapido dopo la prima “spinta”, invece è meglio non avere fretta e rilassarsi aspettando che tutta la pipì sia uscita in modo spontaneo, senza sforzi. La minzione potrà concludersi con un’altra piccola spinta. Quindi: piccola spinta, rilassamento con fuoriuscita pressoché completa, un’altra piccola spinta, svuotamento! Insegnate alle bambine a urinare a gambe ben aperte senza mutandine o con queste ben abbassate.

Da Uppa:

http://www.uppa.it/dett_articolo.php?ida=853&idr=56&idb=99

ESOGESTAZIONE (di L. Braibanti)

Il feto-bambino è un essere ‘ambiguo’, insituabile: prima e dopo il parto non si ha più a che fare con la medesima ‘cosa’, ma non si tratta ovviamente di una ‘cosa’ che abbia perduto la propria unicità e continuità. Questo paradosso è confermato dal fatto che non abbiamo nomi generali per indicare la totalità della vita, dentro e fuori dall’utero materno. Ciò si spiega forse con il disagio delle culture di fronte ad una così radicale frantumazione dell’esistenza che solo la morte sembra pareggiare.

 Ma proprio per la nascita e il suo trauma inducono a una attenzione significativa verso questo essere vivente e i suoi bisogni. Non solo va tutelato nel suo diritto alla vita, ma gli va riservata tutta l’attenzione e l’amore che lo portino a superare l’esperienza totale di solitudine, angoscia e dolore.

Il feto-neonato è protagonista di una vicenda in cui predomina il senso di abbandono e di lacerazione dell’esistenza, che può lasciare a lungo segni profondi e che non può essere sottovalutata solo per il fatto che egli non sa esprimersi in modi riconoscibili. Il dolore del feto-neonato non può essere raccontato e quindi semplicemente lo si nega. Tuttavia l’operatore deve riuscire a rappresentarsi questa lacerazione profonda, a riscoprirla nel proprio intimo, costruendo su di essa un rapporto empatico ed affettivo assai intenso. 

Ma soprattutto deve fare in modo che chi nella situazione è più ‘esperto’, cioè la madre, possa esercitare nei confronti del piccolo un’azione di riparazione affettiva, ripristinando e restaurando con altri mezzi il legame che la nascita ha così traumaticamente turbato.

Esaurita la gestazione endouterina, il neonato umano si trova in una condizione alquanto diversa rispetto a quella della maggior parte degli animali, in parte assimilabile alle specie nidicole con prole inetta. Nei gradini della scala zoologica più prossima alla specie umana i piccoli presentano alla nascita un grado maggiore di autonomia e, conseguentemente, minore necessità di cure parentali. Il neonato umano invece si trova in uno stato di relativa impotenza e, come sostiene Hartmann, la ridotta gamma degli istinti lo costringe ad una dipendenza pressochè totale nei confronti dei genitori e, in generale, dell’ambiente circostante.

Questo stato evolutivo è messo in relazione, da parte degli antropologi, al peculiare sviluppo del sistema nervoso centrale e al conseguente ingrossamento della capacità cranica. La selezione naturale avrebbe via via favorito la nascita di piccoli ‘prematuri’, con una dimensione della testa e uno sviluppo cerebrale incompleto, rispetto a piccoli più maturi ma che avrebbero potuto essere partoriti solo con gravi difficoltà, a causa dell’abnorme grandezza cranica rispetto a quella del canale del parto. Da ciò deriverebbe il fatto che una parte significativa di ciò che poteva considerarsi l’accrescimento endouterino si trova invece ad avvenire dopo la nascita, restando il bambino nelle prime settimane in gran parte disadattato alla sopravvivenza sia sotto il profilo dell’adattamento motorio sia dal punto di vista dell’adattamento cognitivo e sociale.

Questa ipotesi giustifica la considerazione dei primi mesi di vita come periodo di ‘esogestazione’, di completamento esterno della gestazione endouterina. Tale interpretazione è sostenuta anche dalla comparazione del rapporto gestazione/accrescimento nelle varie specie, che nell’uomo tocca un livello estremamente basso. Ciò nonostante non si deve enfatizzare eccessivamente il carattere passivo e impotente della presenza del neonato nella scena delle prime relazioni sociali.

A partire dagli anni Settanta si è affermata una posizione più pertinente che, senza mettere in discussione l’indispensabilità per il neonato di un ambiente sociale ricco e di cure parentali adeguate, ha peraltro messo in luce una competenza precoce del bambino rispetto a quello stesso ambiente sociale e alle cure parentali, che ne fanno un protagonista attivo, in grado di indirizzare il corso dell’interazione con gli adulti e, in parte, di anticiparlo intenzionalmente. Il neonato, insomma, non sarebbe affatto privo di proprie strategie di adattamento ma, piuttosto, queste strategie sarebbero specializzate per il contesto sociale entro cui la specie ha ‘scelto’ di collocare l’esperienza delle prime fasi di sviluppo.

(…) Più in generale, la tendenza a considerare e a giudicare separatamente madre e bambino, al di fuori del contesto relazionale, conduce ad una serie impressionante di errori, sia sul piano teorico che su quello pratico, errori fortunatamente superabili proprio per la forza che l’equilibrio dinamico della relazione esercita sullo sviluppo di entrambi. Né va sottovalutato il fatto che i primi mesi di vita rappresentano, come già gravidanza e parto, un momento di sviluppo della personalità materna, sviluppo che va posto in continuità con le fasi precedenti, ma sul quale esercita ora una potente azione il bambino come agente della socializzazione materna.

Anche in questo senso si può dire che il bambino ‘costruisce’ l’ambiente del proprio sviluppo, mentre l’ambiente contribuisce a favorirne la crescita. L’intercambiabilità dei ruoli materno e infantile quali agenti-oggetto di socializzazione è una caratteristica estremamente importante dell’evoluzione della nostra specie. Qui torniamo allora alla considerazione unitaria della gestazione, del parto, dell’esogestazione, evento di estrema rilevanza nella vita della persona, al quale occorre attribuire un’attenzione non divisa, ma costantemente focalizzata su ciò che avviene ‘dentro’ i protagonisti diretti.

 Contemporaneamente si lasci ad essi spazio per vivere questa esperienza da protagonisti nella pienezza dell’esistenza, cercando di rimuovere gli ostacoli che si frappongono fra l’individuo, il suo ambiente sociale e questa fondamentale esigenza.

 

Tratto da “Parto e nascita senza violenza”

http://www.vocidibimbi.it/Mondobimbo/Approfondire/esogestazione.htm