Archivi

CNR: In gravidanza ‘cin cin’ solo con l’acqua

Mi sembrava molto interessante, dato che proprio in questi giorni discutevamo sul fatto che si parla poco degli effetti deleteri del consumo di alcol in gravidanza!

Comunicato stampa

Abusare di alcolici è già di per sé dannoso. Ma lo è ancor di più durante la gestazione, quando può provocare seri danni e gravi malformazioni al nascituro. A spiegarlo una ricerca realizzata dall’Istituto di biologia cellulare e neurobiologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibcn-Cnr) con l’Istituto superiore di sanità e il Centro di riferimento alcologico della Regione Lazio presso l’Università Sapienza di Roma, pubblicata sulla rivista Neurobiology of Aging.

Per l’indagine è stato utilizzato un modello animale sperimentale di sindrome feto alcolica. “I risultati della ricerca”, spiega Marco Fiore dell’Ibcn-Cnr, “hanno mostrato che nei topi anziani nati da madri esposte durante la gravidanza ad alcol i fattori di crescita Ngf, Bdnf, Hgf e Vegf hanno subito delle alterazioni, sia nel cervello sia nel fegato e nel rene. In particolare l’Ngf (Nerve growth factor) scoperto da Rita Levi-Montalcini, ha un ruolo chiave nella vita delle cellule nervose del cervello e del sistema nervoso periferico, il Bdnf (Brain derived neurotrophic factor) previene la degenerazione delle cellule cerebrali, l’Hgf regola crescita e metabolismo delle cellule epatiche e ha un ruolo di protezione delle cellule nervose del cervello, il Vegf, partecipa ai processi rigenerativi dei tessuti vascolari e del fegato a seguito del danno indotto da epatiti”.

I dati evidenziano effetti diversi a seconda della modalità dell’esposizione ad alcool durante la gravidanza. “Il danno cerebrale nel topo anziano a livello dei fattori di crescita non si osserva se l’esposizione avviene sotto forma di vino rosso, grazie alla presenza di composti con proprietà antiossidante e neuroprotettiva come polifenoli e antociani”, prosegue Mauro Ceccanti del Centro di riferimento alcologico. “Dati più recenti, in via di pubblicazione, hanno dimostrato come tale protezione a livello dell’Ngf e del Bdnf è stata osservata anche su tessuti del sistema endocrino come la tiroide. Pur tuttavia gli effetti deleteri dell’alcool sul fegato e sul rene ‘anzianò sono osservabili anche se l’alcool viene somministrato sotto tale forma, vale a dire che gli effetti antiossidanti e neuroprotettivi non sono comunque sufficienti a contrastare totalmente il danno indotto dall’alcool durante la gravidanza”.

“Sono circa il 4,7% i bambini che presentano alla nascita forme non conclamate di sindrome feto alcolica e di questi ben lo 0,8% dei nuovi nati mostra addirittura un ritardo mentale con dismorfologie facciali, alterato sviluppo delle ossa del cranio e deficit di crescita”, conclude Fiore. “La relazione tra esposizione all’alcool nel grembo materno e gravità del danno nel nascituro, così come gli effetti a lungo termine, non sono ancora determinati con certezza. Il rischio di partorire un bambino con sintomi della sindrome fetale alcolica comunque esiste. Alcuni fattori come fumo di sigarette, consumo di droghe o farmaci, stress ambientali o maggiore sensibilità della madre all’alcool anche per cause genetiche possono amplificare tale danno. Altri, per esempio una dieta equilibrata e ricca di verdure o l’assunzione di vitamine soprattutto del gruppo B, come l’acido folico o la tiamina, possono invece contribuire a limitare il danno”.

Fonte: Le Scienze

http://www.lescienze.it/lanci/2011/11/02/news/in_gravidanza_cin_cin_solo_con_l_acqua-631896/

SIDS and Other Sleep-Related Infant Deaths: Expansion of Recommendations for a Safe Infant Sleeping Environment

TASK FORCE ON SUDDEN INFANT DEATH SYNDROME
KEY WORDS
SIDS, sudden infant death, infant mortality, sleep position, bed- sharing, tobacco, pacifier, immunization, bedding, sleep surface
ABBREVIATIONS
SIDS—sudden infant death syndrome SUID—sudden unexpected infant death AAP—American Academy of Pediatrics
This document is copyrighted and is property of the American Academy of Pediatrics and its Board of Directors. All authors have filed conflict of interest statements with the American Academy of Pediatrics. Any conflicts have been resolved through a process approved by the Board of Directors. The American Academy of Pediatrics has neither solicited nor accepted any commercial involvement in the development of the content of this publication.
http://www.pediatrics.org/cgi/doi/10.1542/peds.2011-2284 doi:10.1542/peds.2011-2284
All policy statements from the American Academy of Pediatrics automatically expire 5 years after publication unless reaffirmed, revised, or retired at or before that time.
PEDIATRICS (ISSN Numbers: Print, 0031-4005; Online, 1098-4275). Copyright © 2011 by the American Academy of Pediatrics

abstract
Despite a major decrease in the incidence of sudden infant death syn- drome (SIDS) since the American Academy of Pediatrics (AAP) released its recommendation in 1992 that infants be placed for sleep in a non- prone position, this decline has plateaued in recent years. Concur- rently, other causes of sudden unexpected infant death that occur during sleep (sleep-related deaths), including suffocation, asphyxia, and entrapment, and ill-defined or unspecified causes of death have increased in incidence, particularly since the AAP published its last statement on SIDS in 2005. It has become increasingly important to address these other causes of sleep-related infant death. Many of the modifiable and nonmodifiable risk factors for SIDS and suffocation are strikingly similar. The AAP, therefore, is expanding its recommenda- tions from focusing only on SIDS to focusing on a safe sleep environ- ment that can reduce the risk of all sleep-related infant deaths, includ- ing SIDS. The recommendations described in this policy statement include supine positioning, use of a firm sleep surface, breastfeeding, room-sharing without bed-sharing, routine immunizations, consider- ation of using a pacifier, and avoidance of soft bedding, overheating, and exposure to tobacco smoke, alcohol, and illicit drugs. The rationale for these recommendations is discussed in detail in the accompanying “Technical Report—SIDS and Other Sleep-Related Infant Deaths: Expansion of Recommendations for a Safe Infant Sleeping Environment,” which is included in this issue of Pediatrics (www.pediatrics.org/cgi/content/full/ 128/5/e1341). Pediatrics 2011;128:1030–1039

INTRODUCTION
Sudden infant death syndrome (SIDS) is a cause assigned to infant deaths that cannot be explained after a thorough case investigation, including a scene investigation, autopsy, and review of the clinical history.1 Sudden unexpected infant death (SUID), also known as sudden unexpected death in infancy, is a term used to describe any sudden and unexpected death, whether explained or unexplained (including SIDS), that occurs during infancy. After case investigation, SUIDs can be at- tributed to suffocation, asphyxia, entrapment, infection, ingestions, metabolic diseases, arrhythmia-associated cardiac channelopathies, and trauma (accidental or nonaccidental). The distinction between SIDS and other SUIDs, particularly those that occur during an observed or unobserved sleep period (sleep-related infant deaths), such as ac-cidental suffocation, is challenging and cannot be determined by autopsy alone. Scene investigation and review of the clinical history are also re- quired. Many of the modifiable and nonmodifiable risk factors for SIDS and suffocation are strikingly similar. This document focuses on the subset of SUIDs that occurs during sleep.
The recommendations outlined herein were developed to reduce the risk of SIDS and sleep-related suffocation, as- phyxia, and entrapment among infants in the general population. As defined by epidemiologists, risk refers to the probability that an outcome will occur given the presence of a particular fac- tor or set of factors. Although all of the 18 recommendations cited below are intended for parents, health care pro- viders, and others who care for in- fants, the last 4 recommendations are also directed toward health policy makers, researchers, and profession- als who care for or work on behalf of infants. In addition, because certain behaviors, such as smoking, can in- crease risk for the infant, some recom- mendations are directed toward women who are pregnant or may be- come pregnant in the near future.

Table 1 summarizes the major recom- mendations, along with the strength of each recommendation. It should be noted that there have been no random- ized controlled trials with regards to SIDS and other sleep-related deaths; instead, case-control studies are the standard.
Because most of the epidemiologic studies that established the risk fac- tors and on which these recommenda- tions are based include infants up to 1 year of age, these recommendations for sleep position and the sleep envi-ronment should be used consistently for infants up to 1 year of age. Individ- ual medical conditions might warrant that a physician recommend other- wise after weighing the relative risks and benefits.
For the background literature review and data analyses on which this policy statement and recommendations are based, please refer to the accompany- ing “Technical Report—SIDS and Other Sleep-Related Infant Deaths: Expansion of Recommendations for a Safe Infant Sleeping Environment,” available in the online version of this issue of Pediatrics.2

TABLE 1 Summary and Strength of Recommendations
Level A recommendations Back to sleep for every sleep Use a firm sleep surface Room-sharing without bed-sharing is recommended Keep soft objects and loose bedding out of the crib Pregnant women should receive regular prenatal care Avoid smoke exposure during pregnancy and after birth Avoid alcohol and illicit drug use during pregnancy and after birth Breastfeeding is recommended Consider offering a pacifier at nap time and bedtime Avoid overheating Do not use home cardiorespiratory monitors as a strategy for reducing the risk of SIDS Expand the national campaign to reduce the risks of SIDS to include a major focus on the safe sleep environment and ways to reduce the risks of all sleep-
related infant deaths, including SIDS, suffocation, and other accidental deaths; pediatricians, family physicians, and other primary care providers should
actively participate in this campaign Level B recommendations
Infants should be immunized in accordance with recommendations of the AAP and Centers for Disease Control and Prevention Avoid commercial devices marketed to reduce the risk of SIDS Supervised, awake tummy time is recommended to facilitate development and to minimize development of positional plagiocephaly
Level C recommendations Health care professionals, staff in newborn nurseries and NICUs, and child care providers should endorse the SIDS risk-reduction recommendations from
birth Media and manufacturers should follow safe-sleep guidelines in their messaging and advertising Continue research and surveillance on the risk factors, causes, and pathophysiological mechanisms of SIDS and other sleep-related infant deaths, with the
ultimate goal of eliminating these deaths entirely
These recommendations are based on the US Preventive Services Task Force levels of recommendation (www.uspreventiveservicestaskforce.org/uspstf/grades.htm). Level A: Recommendations are based on good and consistent scientific evidence (ie, there are consistent findings from at least 2 well-designed, well-conducted case-control studies, a systematic review, or a meta-analysis). There is high certainty that the net benefit is substantial, and the conclusion is unlikely to be strongly affected by the results of future studies. Level B: Recommendations are based on limited or inconsistent scientific evidence. The available evidence is sufficient to determine the effects of the recommendations on health outcomes, but confidence in the estimate is constrained by such factors as the number, size, or quality of individual studies or inconsistent findings across individual studies. As more information becomes available, the magnitude or direction of the observed effect could change, and this change may be large enough to alter the conclusion. Level C: Recommendations are based primarily on consensus and expert opinion.

RECOMMENDATIONS

1. Back to sleep for every sleep—To reduce the risk of SIDS, infants should be placed for sleep in a supine position (wholly on the back) for every sleep by every caregiver until 1 year of life.3–7 Side sleeping is not safe and is not advised.4,6

a.The supine sleep position does not increase the risk of choking and aspiration in in- fants, even those with gastro- esophageal reflux, because they have protective airway mechanisms.8,9 Infants with gastroesophageal    reflux should be placed for sleep in the supine position for every sleep, with the rare exception of infants for whom the risk of death from complica- tions of gastroesophageal re- flux is greater than the risk of SIDS (ie, those with upper air- way disorders, for whom air- way protective mechanisms are impaired),10 including in- fants with anatomic abnormal- ities such as type 3 or 4 laryn- geal clefts who have not undergone antireflux surgery. Elevating the head of the in- fant’s crib while the infant is supine is not recommended.11 It is ineffective in reducing gas- troesophageal reflux; in addi- tion, it might result in the infant sliding to the foot of the crib into a position that might com- promise respiration.
b.Preterm infants are at in- creased risk of SIDS,12,13 and the association between prone sleep position and SIDS among low birth weight in- fants is equal to, or perhaps even stronger than, the asso- ciation among those born at term.14 Preterm infants and other infants in the NICU should be placed in the su- pine position for sleep as soon as the infant is medi- cally stable and significantly before the infant’s antici-pated discharge, by 32 weeks’ postmenstrual age.15 NICU personnel should endorse safe-sleeping guidelines with parents of infants from the time of admission to the NICU.
c. There is no evidence that placing infants on the side during the first few hours of life promotes clearance of amniotic fluid and decreases the risk of aspiration. Infants in the newborn nursery and infants who are rooming in with their parents should be placed in the supine position as soon as they are ready to be placed in the bassinet.
d. Although data to make spe- cific recommendations as to when it is safe for infants to sleep in the prone or side po- sition are lacking, studies that have established prone and side sleeping as risk fac- tors for SIDS include infants up to 1 year of age. Therefore, infants should continue to be placed supine until 1 year of age. Once an infant can roll from supine to prone and from prone to supine, the in- fant can be allowed to remain in the sleep position that he or she assumes.
2. Useafirmsleepsurface—Afirm crib mattress, covered by a fit- ted sheet, is the recommended sleeping surface to reduce the risk of SIDS and suffocation.

a. A crib, bassinet, or portable crib/play yard that conforms to the safety standards of the Consumer Product Safety Commission and ASTM Inter- national (formerly the Ameri- can Society for Testing and Materials) is recom- mended.16 In addition, par- ents and providers should check to make sure that the product has not been re- called. Cribs with missing hardware should not be used, and the parent or provider should not attempt to fix bro- ken components of a crib, be- cause many deaths are asso- ciated with cribs that are broken or have missing parts (including those that have presumably been fixed). Local organizations throughout the United States can help to pro- vide low-cost or free cribs or play yards for families with fi- nancial constraints.
b. Only mattresses designed for the specific product should be used. Mattresses should be firm and maintain their shape even when the fitted sheet designated for that model is used, such that there are no gaps between the mattress and the side of the crib, bassinet, portable crib, or play yard. Pillows or cushions should not be used as substitutes for mattresses or in addition to a mattress. Soft materials or objects such as pillows, quilts, com- forters, or sheepskins, even if covered by a sheet, should not be placed under a sleep- ing infant. If a mattress cover to protect against wetness is used, it should be tightly fit- ting and thin.
c. Infants should not be placed for sleep on beds because of the risk of entrapment and suffocation.17,18 In addition, portable bed rails should not be used with infants because of the risk of entrapment and strangulation.
d. The infant should sleep in an area free of hazards, such as dangling cords, electric wires, and window-covering cords, because they might present a strangulation risk.
e. Sitting devices, such as car safety seats, strollers, swings, infant carriers, and infant slings, are not recom- mended for routine sleep in the hospital or at home.19–23 Infants who are younger than 4 months are particularly at risk, because they might as- sume positions that can cre- ate risk of suffocation or air- way obstruction. When infant slings and cloth carriers are used for carrying, it is impor- tant to ensure that the in- fant’s head is up and above the fabric, the face is visible, and that the nose and mouth are clear of obstructions.24 Af- ter nursing, the infant should be repositioned in the sling so that the head is up, is clear of fabric, and is not against the adult’s body or the sling. If an infant falls asleep in a sitting device, he or she should be removed from the product and moved to a crib or other appropriate flat surface as soon as is practical. Car safety seats and similar prod- ucts are not stable on a crib mattress or other elevated surfaces.25–29
3. Room-sharing without bed- sharing is recommended— There is evidence that this ar- rangement decreases the risk of SIDS by as much as 50%.5,7,30,31 In addition, this arrangement is most likely to prevent suffoca- tion, strangulation, and entrap- ment that might occur when the infant is sleeping in an adult bed.

a. The infant’s crib, portable crib, play yard, or bassinet should be placed in the par- ents’ bedroom close to the parents’ bed. This arrange- ment reduces SIDS risk and removes the possibility of suf- focation, strangulation, and entrapment that might occur when the infant is sleeping in the adults’ bed. It also allows close parental proximity to the infant and facilitates feed- ing, comforting, and monitor- ing of the infant.
b. Devices promoted to make bed-sharing “safe” (eg, in- bed co-sleepers) are not recommended.
c. Infants may be brought into the bed for feeding or com- forting but should be re- turned to their own crib or bassinet when the parent is ready to return to sleep.6,32 Because of the extremely high risk of SIDS and suffocation on couches and arm- chairs,3,5,6,31,32 infants should not be fed on a couch or arm- chair when there is a high risk that the parent might fall asleep.
d. Epidemiologic studies have not demonstrated any bed- sharing situations that are protective against SIDS or suffocation. Furthermore, not all risks associated with bed- sharing, such as parental fa- tigue, can be controlled. Therefore, the American Academy of Pediatrics (AAP) does not recommend any specific bed-sharing situa- tions as safe. Moreover, there are specific circumstances that, in epidemiologic stud- ies, substantially increase the risk of SIDS or suffocation while bed-sharing. In particu- lar, it should be stressed to parents that they avoid the following situations at all times:
i. Bed-sharing when the in- fant is younger than 3 months, regardless of whether the parents are smokers or not.5,7,31–34
ii. Bed-sharing with a current smoker (even if he or she does not smoke in bed) or if the mother smoked during pregnancy.5,6,34–36
iii. Bed-sharingwithsomeone who is excessively tired.
iv. Bed-sharing with some- one who has or is using medications (eg, certain antidepressants,    pain medications) or sub- stances (eg, alcohol, il- licit drugs) that could im- pair his or her alertness or ability to arouse.7,37
v. Bed-sharing with anyone who is not a parent, in- cluding other children.3
vi. Bed-sharing with multi- ple persons.3
vii. Bed-sharing on a soft surface such as a water- bed, old mattress, sofa, couch, or armchair.3,5,6,31,32
viii. Bed-sharing on a surface with soft bedding, including pillows, heavy blankets, quilts, and comforters.3,38
e. It is prudent to provide sepa- rate sleep areas and avoid co- bedding for twins and higher- order multiples in the hospital and at home.39
4. Keepsoftobjectsandloosebed- ding out of the crib to reduce the risk of SIDS, suffocation, entrap- ment, and strangulation.

a. Softobjects,suchaspillowsand pillow-like toys, quilts, comfort-ers, and sheepskins, should be kept out of an infant’s sleeping environment.40–45
b. Loose bedding, such as blan- kets and sheets, might be hazardous and should not be used in the infant’s sleeping environment.3,6,46–51
c. Because there is no evidence that bumper pads or similar products that attach to crib slats or sides prevent injury in young infants and because there is the potential for suf- focation, entrapment, and strangulation, these products are not recommended.52,53
d. Infant sleep clothing that is designed to keep the infant warm without the possible hazard of head covering or entrapment can be used.
5. Pregnantwomenshouldreceive regular prenatal care—There is substantial epidemiologic evi- dence linking a lower risk of SIDS for infants whose mothers obtain regular prenatal care.54–57
6. Avoid smoke exposure during pregnancy and after birth— Both maternal smoking during pregnancy and smoke in the in- fant’s environment after birth are major risk factors for SIDS.

a.Mothers should not smoke during pregnancy or after the infant’s birth.1,58–61
b.There should be no smoking near pregnant women or in- fants. Encourage families to set strict rules for smoke- free homes and cars and to eliminate secondhand to- bacco smoke from all places in which children and other nonsmokers spend time.62,63
c.The risk of SIDS is particularly high when the infant bed-shares with an adult smoker.5,6,34–36

7. Avoid alcohol and illicit drug use during pregnancy and after birth—There is an increased risk of SIDS with prenatal and postnatal exposure to alcohol or illicit drug use.
a. Mothers should avoid alco- hol and illicit drugs pericon- ceptionally and during pregnancy.64–70
b. Parental alcohol and/or illicit drug use in combination with bed-sharing places the infant at particularly high risk of SIDS.7,37
8. Breastfeeding is recommended.
a. Breastfeeding is associated with a reduced risk of SIDS.71–73 If possible, mothers should exclusively breastfeed or feed with expressed hu- man milk (ie, not offer any formula or other non– human milk– based    supplements) for 6 months, in alignment with recommendations of the AAP.74
b. The protective effect of breastfeeding increases with exclusivity.73 However, any breastfeeding has been shown to be more protective against SIDS than no breastfeeding.73
9. Consider offering a pacifier at nap time and bedtime— Although the mechanism is yet unclear, studies have reported a protective effect of pacifiers on the incidence of SIDS.3,7,32 The protective effect persists throughout the sleep period, even if the pacifier falls out of the infant’s mouth.

a. The pacifier should be used when placing the infant for sleep. It does not need to be reinserted once the infant falls asleep. If the infant re- fuses the pacifier, he or she should not be forced to take it. In those cases, parents can try to offer the pacifier again when the infant is a little older.
b. Because of the risk of stran- gulation, pacifiers should not be hung around the infant’s neck. Pacifiers that attach to infant clothing should not be used with sleeping infants.
c. Objects such as stuffed toys, which might present a suffo- cation or choking risk, should not be attached to pacifiers.
d. For breastfed infants, delay pacifier introduction until breastfeeding has been firmly established,74 usually by3to4weeksofage.
e. There is insufficient evidence that finger-sucking is protec- tive against SIDS.

10.Avoid overheating—Although studies have revealed an in- creased risk of SIDS with over- heating,75–78 the definition of overheating in these studies varied. Therefore, it is difficult to provide specific room- temperature guidelines for avoiding overheating.

a. In general, infants should be dressed appropriately for the environment, with no more than 1 layer more than an adult would wear to be com- fortable in that environment.
b. Parents and caregivers should evaluate the infant for signs of overheating, such as sweating or the infant’s chest feeling hot to the touch.
c. Overbundling and covering of the face and head should be avoided.79

d.There is currently insufficient evidence to recommend the useofafanasaSIDSrisk- reduction strategy

11. Infants should be immunized in ac- cordance with recommendations of the AAP and the Centers for Dis- ease Control and Prevention— There is no evidence that there is a causal relationship between immunizations and SIDS.80 In- deed, recent evidence suggests that immunization might have a protective effect against SIDS.81–83 Infants should also be seen for regular well-child checks in accordance with AAP recommendations.
12. Avoid commercial devices mar- keted to reduce the risk of SIDS—These devices include wedges, positioners, special mattresses, and special sleep surfaces. There is no evidence that these devices reduce the risk of SIDS or suffocation or that they are safe.
a. The AAP concurs with the US Food and Drug Administra- tion and Consumer Product Safety Commission that man- ufacturers should not claim that a product or device pro- tects against SIDS unless there is scientific evidence to that effect.

13. Donotusehomecardiorespira- tory monitors as a strategy to reduce the risk of SIDS— Although    cardiorespiratory monitors can be used at home to detect apnea, bradycardia, and, when pulse oximetry is used, decreases in oxyhemo- globin saturation, there is no evidence that use of such de- vices decreases the incidence of SIDS.84–87 They might be of value for selected infants but should not be used routinely There is also no evidence that routine in-hospital cardiorespi- ratory monitoring before dis- charge from the hospital can identify newborn infants at risk of SIDS.

14. Supervised, awake tummy time is recommended to facilitate development and to minimize development    of plagiocephaly.
positional
a. Although there are no data to make specific recommenda- tions as to how often and how long it should be undertaken, supervised, awake tummy time is recommended on a daily basis, beginning as early as possible, to promote motor development, facilitate development of the upper body muscles, and minimize the risk of positional plagiocephaly.88
b. Diagnosis, management, and other prevention strategies for positional plagiocephaly, such as avoidance of exces- sive time in car safety seats and changing the infant’s ori- entation in the crib, are dis- cussed in detail in the recent AAP clinical report on posi- tional skull deformities.88
15. Health care professionals, staff in newborn nurseries and neo- natal intensive care nurseries, and child care providers should en- dorse the SIDS risk-reduction rec- ommendations from birth.89–91
a. Staff in NICUs should model and implement all SIDS risk- reduction recommendations as soon as the infant is clini- cally stable and significantly before anticipated discharge.
b. Staff in newborn nurseries should model and implement these recommendations beginning at birth and well be- fore anticipated discharge.
c. All physicians, nurses, and other health care profession- als should receive education on safe infant sleep.
d. All child care providers should receive education on safe infant sleep and imple- ment safe sleep practices. It is preferable that they have written policies.

16. Media    and    manufacturers should follow safe-sleep guide- lines in their messaging and advertising.
Media exposures (including movie, television, magazines, newspapers, and Web sites), manufacturer advertisements, and store displays affect individ- ual behavior by influencing be- liefs and attitudes.89,91 Media and advertising messages contrary to safe-sleep recommendations might create misinformation about safe sleep practices.92
17. Expandthenationalcampaignto reduce the risks of SIDS to in- clude a major focus on the safe sleep environment and ways to reduce the risks of all sleep- related infant deaths, including SIDS, suffocation, and other acci- dental deaths. Pediatricians, family physicians, and other primary care providers should actively participate in this campaign.
a. Public education should con- tinue for all who care for in- fants, including parents, child care providers, grandparents, foster parents, and baby- sitters, and should include strategies for overcoming bar- riers to behavior change.
b. The campaign should con- tinue to have a special focus on the black and American In- dian/Alaskan Native popula- tions because of the higher incidence of SIDS and other sleep-related infant deaths in these groups.
c. The campaign should specifi- cally include strategies for in- creasing breastfeeding while decreasing bed-sharing and eliminating tobacco smoke exposure.
d. These recommendations should be introduced before preg- nancy and ideally in second- ary school curricula for both boys and girls. The im- portance of maternal pre- conceptional health and avoidance of substance use (including alcohol and smoking) should be in- cluded in this training.
e. Safe-sleep messages should be reviewed, revised, and re- issued at least every 5 years to address the next genera- tion of new parents and prod- ucts on the market.

18. Continue research and surveil- lance on the risk factors, causes, and pathophysiological mecha- nisms of SIDS and other sleep- related infant deaths, with the ul-timate goal of eliminating these deaths entirely.
a. Education campaigns need to be evaluated, and innovative intervention methods need to be encouraged and funded.
b. Continued research and im- proved surveillance on the etiology and pathophysiologi- cal basis of SIDS should be funded.
c. Standardized protocols for death-scene investigations should continue to be imple- mented. Comprehensive au- topsies that include full exter- nal and internal examination of all major organs and tis- sues (including the brain), complete radiographs, meta- bolic testing, and toxicology screening should be per- formed. Training about how to conduct comprehensive death-scene investigation of- fered to medical examiners, coroners, death-scene inves- tigators, first responders, and law enforcement should continue, and resources for maintaining training and con- duct of these investigations need to be allocated. In addi- tion, child death reviews, with involvement of pediatricians and other primary care pro- viders, should be supported and funded.
d.Improved and widespread surveillance of SIDS and SUID cases should be imple- mented and funded.
e.Federal and private funding agencies should remain com- mitted to all aspects of the aforementioned research.

LEAD AUTHOR
Rachel Y. Moon, MD
TASK FORCE ON SUDDEN INFANT DEATH SYNDROME, 2010 –2011 Rachel Y. Moon, MD, Chairperson Robert A. Darnall, MD
Michael H. Goodstein, MD Fern R. Hauck, MD, MS
CONSULTANTS
Marian Willinger, PhD – Eunice Kennedy Shriver National Institute for Child Health and Human Development
Carrie K. Shapiro-Mendoza, PhD, MPH – Centers for Disease Control and Prevention
STAFF
James Couto, MA
ACKNOWLEDGMENTS
The task force acknowledges the con- tributions provided by others to the collection and interpretation of data examined in preparation of this report. The task force is particularly grateful for the report submitted by Dr Suad Wanna-Nakamura (Consumer Product Safety Commission).

Nell’articolo non sono citate le “REFERENCE”, si possono trovare sul sito di PEDIATRICS, prossimamente cercheremo di tradurre il testo in lingua italiana per una più facile comprensione.

Sonno condiviso e allattamento

Qui di seguito pubblichiamo la traduzione di un articolo apparso sulla rivista scientifica americana “Breastfeeding Medicine” riguardante il sonno condiviso in relazione all’allattamento al seno. Contiene suggerimenti per i genitori su questo dibattuto argomento.

I termini cosleeping (sonno condiviso o dormire insieme) e bed sharing(condividere il letto) sono spesso usati in modo intercambiabile. Tuttavia condividere il letto è solo una delle tante modalità per dormire insieme. Il sonno condiviso si riferisce ai modi in cui un bambino dorme in stretto contatto fisico o sociale con una persona che si prende cura di lui (di solito la madre).
Questa definizione si riferisce a bambino e adulto che dormono vicini su differenti supporti e comprende anche la pericolosa pratica di condividere un divano o una poltrona.
In tutto il mondo la pratica del dormire insieme può variare molto, così tanto da poter affermare che non tutte le forme di cosleeping portano gli stessi rischi o benefici.
Alcune forme di cosleeping genitore-bambino, comportano protezione fisica del bambino contro il freddo e aumento della durata dell’allattamento, migliorando così le possibilità di sopravvivenza del neonato. Il piccolo d’uomo, in confronto ad altri mammiferi, si sviluppa più lentamente, richiede pasti frequenti e nasce neurologicamente meno maturo. Nei casi di malaria, per esempio, il cosleeping è raccomandato così come può essere necessario in aree in cui letti e abitazioni sono inadeguati.
Condivisione del letto e sonno condiviso sono stati inoltre promossi come metodo per agevolare il legame di attaccamento tra bambino e chi si prende cura di lui e per facilitare l’allattamento al seno.
Condividere il letto e alcune forme di sonno condiviso sono questioni controverse nella letteratura medica e negli ultimi anni hanno ricevuto molte considerazioni negative. Alcune autorità pubbliche americane negli ultimi anni hanno sconsigliato a tutti i genitori di condividere il letto col loro piccolo.

CONDIVISIONE DEL LETTO E MORTALITA’ INFANTILE
Le implicazioni sospette tra la condivisione del letto e l’aumento della mortalità infantile si sono concentrate su cause di morte per soffocamento meccanico (asfissia) e di rischio di sindrome della morte in culla (SIDS-ovvero sudden infant death syndrome).

Rischio di asfissia
Molti studi con certificati di morte non validati concludono che un numero significativo di bambini muoiono asfissiati dormendo a causa delle coperte o perchè vengono schiacciati da un adulto o da un bambino più grande.
Una commissione americana di tutela dei consumatori sulla sicurezza degli oggetti (USCPSC, US consumer product safety commission), basandosi sui dati di questi studi, ha raccomandato di non ricorrere nella maniera più assoluta ad alcun tipo di sonno condiviso con i bambini.

Questa commissione ritiene infatti che non ci siano elementi per considerare il sonno condiviso un ambiente sicuro per dormire. Bisogna dire però che tutti questi studi mancano di dati importanti: lo stato di intossicazione (droga o alcol) degli adulti con cui i bambini condividono il letto e la posizione in cui i bambini sono messi a dormire la notte prima del decesso, nonostante ormai da molto tempo la comunità scientifica sia concorde nel ritenere che la posizione prona sia il più grande fattore di rischio per la SIDS.
La commissione inoltre raggruppa tutti i modi di condividere il letto in una sola categoria, senza separare elementi noti per essere fattori di rischio (come dormire insieme su un divano, su una poltrona o su un materasso ad acqua) rispetto ad altre superfici ritenute sicure.
In questi studi non c’è la sicurezza nè della qualità dei dati raccolti, nè dei criteri usati sull’uso dei termini e nessuna validazione delle conclusioni.
Pregiudizi degli esaminatori e dei medici legali potrebbero avere portato a classificare come morte per schiacciamento un caso in cui non esiste nessuna evidenza che sia avvenuto lo schiacciamento da parte di un adulto. Determinare la causa esatta del decesso è infatti impossibile in assenza di un esame della posizione in cui la morte è avvenuta, o in assenza di interviste dettagliate ai genitori o agli adulti presenti al momento della decesso. Non esiste un metodo per capire tramite l’autopsia se la morte sia avvenuta a causa della Sids oppure a causa di eventi accidentali o involontari come ad esempio un infanticidio tramite soffocamento con il cuscino. Per questo motivo le morti dei bambini che hanno luogo in una culla vengono di solito descritte come casi di Sids, mentre le morti in un divano o nel letto di un adulto vengono etichettate come casi di soffocamento. Ulteriori fattori che complicano le analisi per capire le morti infantili sono i differenti comportamenti di condivisione del letto tra differenti popolazioni e tra gli stessi membri della famiglia. Per esempio condividere il letto durante il giorno è diverso dal condividere il sonno durante la notte, o ancora: condividere il sonno quando il bambino è ammalato è diverso dal condividere il sonno quando il bambino sta bene. Questi fattori suggeriscono diversi livelli di rischio da tenere presente nelle analisi dei dati.
Uno studio basato sulla visita in casa di famiglie considerate a rischio per il loro status sociale ha evidenziato che queste famiglie erano più inclini a mettere i bambini a dormire in posizione prona e su superfici più morbide. Nello stesso modo uno studio retrospettivo basato su una popolazione trovò che i soggetti che condividevano il letto e allattavano al seno avevano un profilo di rischio distinto da quelli che non allattavano al seno.

Rischio e profili di situazione possono essere usati per identificare le famiglie che hanno molto bisogno di una prima guida per la cura dei bambini e per definire contenuti educativi per promuovere un sonno sicuro.

Prevenzione della Sids e rischi
Molti studi epidemiologici e meta-analisi hanno trovato un’associazione significativa tra l’allattamento al seno e una riduzione del rischio di Sids, specialmente quando l’allattamento avviene in forma esclusiva nei primi 4 mesi di vita.
Tuttavia non c’è sufficiente evidenza scientifica che dimostri un nesso di causa effetto tra l’allattamento al seno e la prevenzione della Sids.
Molti studi hanno dimostrato in modo consistente un aumento del rischio di Sids quando i bambini condividono il letto con madri fumatrici. L’esposizione al fumo di sigaretta del feto e del bambino sembra contribuire al rischio di Sids ed è una variabile indipendente rispetto ad altri fattori di rischio, compresa la classe sociale. Questo ha portato ad esprimere la raccomandazione, ben supportata dalla letteratura medica, che i neonati i cui genitori fumano non devono condividere il letto con i loro genitori. Una vasta ricerca basata su oltre 40 studi, conclude che “consistenti evidenze scientifiche suggeriscono che si può associare il condividere il letto con la Sids tra i fumatori, ma questa evidenza non è così consistente tra i non fumatori. Questo non significa che non ci sia nessuna associazione tra Sids e condivisione del letto tra i non fumatori, ma che i dati esistenti non stabiliscono in modo convincente tale associazione”.

DIFFERENZE ETNICHE
Il numero di morti per Sids è basso nelle culture asiatiche in cui il dormire insieme è pratica comune. Tuttavia qualcuno afferma che il dormire insieme di queste culture sia molto diverso dal dormire insieme degli Stati Uniti. Come notano Blair e i suoi colleghi nei loro studi sulle culture asiatiche è diverso parlare di un bambino che dorme accanto alla madre a distanza di un braccio su un letto rigido, come accade spesso ad Hong Kong, oppure nelle isole del Pacifico in cui il bambino dorme sul letto e non nel letto, rispetto ad un bambino che dorme con la madre negli Stati uniti dove spesso dormire insieme significa utilizzare un materasso molto morbido, coprirsi con un piumino spesso e ingombrante e stare in stretto contatto con la madre. Allo stesso modo anche nelle culture occidentali ci sono diversi modi di condividere il letto che si basano sulla cultura o sulla razza. Un importante studio basato su analisi multivariate sul condividere il letto trovò che la razza o l’etnia sembrano essere fortemente associate con la condivisione del letto in tutti i follow up eseguiti con madri nere, asiatiche o ispaniche che hanno una probabilità che va da 4 a 6 volte maggiore di condividere il letto rispetto alle madri bianche.
In uno studio svolto in Alaska dove la percentuale di cosleeping è molto alta nei popoli nativi, i ricercatori trovarono che praticamente tutti i casi di morte per SIDS erano associati con il condividere il letto con i genitori in concomitanza con storie di abuso di sostanze o alcune volte in associazione con la posizione prona o ancora con il dormire su superfici morbide come divani o materassi ad acqua. In un altro studio basato sul PRAM (Pregnancy Risk Assessment Monitoring System) in Oregon trovò che le donne che avevano più probabilità di condividere il letto erano non bianche, single, allattavano al seno e avevano basso reddito.
I fattori non economici sono inoltre importanti in modo particolare tra neri e ispanici. Le campagne per diminuire l’abitudine di condividere il letto offrendo delle culle alle famiglie, possono avere avuto efficacia limitata se le madri condividevano il letto in virtù di norme culturali.

STUDI CONTROLLATI IN LABORATORIO
McKenna e i suoi colleghi hanno studiato la condivisione del letto nel più grande rigore scientifico in laboratorio ed hanno trovato che i bambini che condividevano il letto con la loro madre hanno più risvegli e trascorrono meno tempo nello stadio 3 e 4 del sonno. Questo può essere considerato un fattore protettivo contro la SIDS dal momento che il sonno profondo e i risvegli poco frequenti sono stati considerati come un possibile fattore di rischio per la SIDS.

Un altro studio che è stato condotto nell’ambiente naturale della casa invece che in un laboratorio ha messo a confronto due differenti modi di dormire cioè condividere il letto e dormire nel lettino quantificando i fattori che possono essere considerati come potenziali rischi o benefici.
Video notturni e dati di bambini che condividevano il letto e bambini nel lettino sono stati raccolti direttamente nelle abitazioni. Questo studio concluse che bambini che condividono il letto, privi di fattori riconosciuti come fattori di rischio SIDS, sperimentano un maggior numero di sguardi, un numero maggiore di contatti con la madre e di episodi di allattamento, risposte materne più veloci e più frequenti. Questa maggiore interazione tra la madre e il bambino può essere un fattore di protezione.

FATTORI LEGATI ALLE CARATTERISTICHE DEI GENITORI
Il contributo di altre caratteristiche legate ai genitori nei rischi nel condividere il letto non è chiaro.
Blair e i suoi colleghi in un’analisi multivariata trovarono che il consumo da parte della madre di due o più bicchieri di alcool (un bicchiere equivale a 350 gr di birra, 140 gr di vino, 42 gr di alcool distillato) o la stanchezza dei genitori erano associati con morti causate da SIDS.
Uno studio condotto in Nuova Zelanda non ha tuttavia dimostrato un collegamento chiaro con il consumo di alcool.
Il ruolo dell’obesità fu esaminato in uno studio sulla cause della SIDS. Fu trovato che la media del peso pre-gravidanza delle madri che condividevano il letto era maggiore di quelle che non condividevano il letto. Se lo schiacciamento è considerato il meccanismo del soffocamento infantile potrebbe sembrare plausibile che gli stati fisici e psicologici di coloro che condividono il letto con un bambino potrebbero essere importanti.
Condividere la stanza con i genitori (in opposizione al fatto di stare in stanze separate) sembra essere un fattore di protezione contro la SIDS.

FATTORI LEGATI ALLE CARATTERISTICHE DEL BAMBINO
Ci sono alcune evidenze scientifiche che mostrano come il condividere il letto con bambini di età inferiore ad 8 – 14 settimane possa aumentare il rischio di SIDS.

ALLATTAMENTO AL SENO E CONDIVISIONE DEL LETTO
Le ricerche dimostrano chiaramente la forte relazione tra l’allattamento al seno e la condivisione del letto. In particolare uno studio statunitense su questo argomento trovò che i bambini che condividevano il letto con le loro madri venivano allattati 3 volte più a lungo durante la notte rispetto a quelli che dormivano di routine separati dalle madri. Gli episodi di allattamento raddoppiavano e duravano il 39% più a lungo. La prossimità e il contatto sensoriale con la madre durante il sonno facilita una risposta pronta ai segnali del bisogno del bambino di essere allattato e fornisce un conforto psicologico e rassicurazione sia al bambino che ai genitori. Uno studio che ha coinvolto più di 10000 bambini negli Stati Uniti trovò che il 22% dei bambini di un mese condividevano il letto e che le madri che allattavano avevano una probabilità tre volte maggiore di condividere il letto rispetto a quelle che non allattavano al seno.
Il 95% dei bambini che condividevano il letto lo facevano con un genitore. Allo stesso modo uno studio in Inghilterra trovò che l’allattamento al seno è fortemente associato con la condivisione del letto sia alla nascita che a 3 mesi.

RACCOMANDAZIONI

Basandosi sulla letteratura scientifica l’ABM (Academy of Breastfeeding Medicine) detta le seguenti raccomandazioni per chi si prende cura del bambino:

a. Dal momento che l’allattamento al seno è la migliore forma di nutrimento per il bambino, ogni raccomandazione che impedisce il suo inizio o ostacola la sua durata deve essere attentamente valutata tenendo in considerazione i benefici riconosciuti che riguardano il bambino, la madre e la società.

b. non bisogna dare per scontato che tutte le famiglie pratichino solo un modo di dormire tutta la notte, ogni notte e durante il giorno. Chi si occupa di salute dovrebbe tenere conto del modo in cui il bambino si nutre, delle condizioni etniche, socio economiche e altre circostanze familiari quando deve avere un quadro completo delle pratiche relative al sonno del bambino.

c. i genitori devono essere incoraggiati ad esprimere il loro punto di vista e cercare informazioni e supporto da parte di chi si occupa della loro salute. La sensibilità alle differenze sociali è necessaria quando si vogliono capire le modalità di sonno di un bambino.

d. non c’è al momento alcuna evidenza scientifica sufficiente a supportare raccomandazioni di routine contro il dormire insieme. I genitori dovrebbero essere informati sui rischi e benefici del sonno condiviso e sulle pratiche non sicure di sonno condiviso, dovrebbero poi essere messi nelle condizioni di prendere le loro decisioni in modo consapevole.

Condividere il letto e dormire insieme sono delle pratiche complesse. I consigli ai genitori sugli ambienti in cui far dormire i loro bambini dovrebbero includere le seguenti informazioni:

1. alcune pratiche potenzialmente poco sicure collegate alla condivisione del letto e al dormire insieme sono state identificate sia sulla base della letteratura scientifica sia sulla base del consenso di esperti sul tema:
– esposizione al fumo dell’ambiente e madre fumatrice
– condividere sofa, poltrone e divani con il bambino
– condividere materassi ad acqua o materassi fatti in materiale soffice
– condividere il letto con degli spazi adiacenti in cui il bambino potrebbe rimanere incastrato
– mettere il bambino a dormire nel letto dell’adulto nella posizione prona o di fianco
– uso di sostanze alcoliche o droghe che alterano i sensi da parte dell’adulto che condivide il letto
– condividere il letto con altri bambini
– condividere il letto con neonati di età inferiore a 8-14 settimane, può essere più fortemente collegato con casi di SIDS.

2. Alle famiglie dovrebbero essere date tutte le informazioni sulle norme di sicurezza del luogo in cui far dormire i propri bambini, ecco quali:

– mettere i bambini a dormire nella posizione supina
– usare una superficie piatta e rigida evitando materassi ad acqua, poltrone, sofa, cuscini, materiali soffici o coperte non fissate al bordo del letto
– se devono essere usate le coperte, esse dovrebbero essere fissate tutto intorno al bordo del materasso in modo che non coprano accidentalmente il viso del bambino.
– assicurarsi che la testa del bambino non sia coperta. In una stanza fredda si potrebbe vestire il bambino con un’apposita tutina pesante che sostituisce la coperta per evitare che quest’ultima copra il viso del bambino
– evitare l’uso di trapunte, piumini, imbottite, cuscini, animali di stoffa nell’ambiente in cui dorme il bambino.
– Non mettere mai il bambino a dormire sopra un cuscino o nelle vicinanze di un cuscino
– Non lasciare mai il bambino da solo nel letto di un adulto
– Informare le famiglie che i letti degli adulti hanno dei rischi potenziali e non sono fatti per soddisfare gli standard di sicurezza per il sonno dei bambini
– assicurarsi che non ci siano spazi tra il materasso e la testiera del letto, le mura e altre superfici che possono intrappolare il bambino e soffocarlo.
– mettere un materasso rigido direttamente sul pavimento lontano dai muri può essere un’alternativa sicura. Un’altra alternativa al condividere il letto degli adulti o un materasso è l’uso di un letto per bambini che si attacca al bordo del letto degli adulti e assicura prossimità e facile accesso al bambino ma su due superfici separate. Attualmente non ci sono studi sulla sicurezza o efficacia di tali dispositivi.
– Condividere la stanza con i genitori può essere un fattore di protezione contro la SIDS.

Tratto da “Breastfeeding Medicine” volume 3, n. 1, 2008
Traduzione di Elena Dal Prà con la supervisione di Adriano Cattaneo

 Tratto dal sito:

Febbre:dare paracetamolo o ibuprofene se il bambino è sofferente o la temperatura è più alta di 38.5 – 39°C. Con un ridotto uso di antipiretici il decorso della malattia è più breve!!

Ecco la traduzione  dell’articolo “Why is the evidence not affecting the practice of fever management?” di A Sahib M El-Radhi a cura di Monica Garraffa  con la supervisione di Adriano Cattaneo. L’articolo e’ stato pubblicato online: 18 June 2008. doi:10.1136/adc.2008.139949 Archives of Disease in Childhood 2008; 93:918-920

La febbre è un disturbo molto comune nei bambini ed è il motivo più frequente, esclusi i traumi, di accesso al pronto soccorso.(1) I genitori si preoccupano per la febbre e le sue potenziali complicazioni, ma quali conoscenze si hanno effettivamente sulla febbre e sulla sua gestione a casa? Il valore biologico della febbre (cioè, se è benefica o dannosa) è controverso e la febbre è vigorosamente trattata nella speranza di diminuire le sue complicazioni. La pratica di alternare due tipi di antipiretici si è diffusa a casa e nei reparti pediatrici, ma ciò è suffragato da evidenze e può provocare complicazioni? C’è ancora una notevole discordanza tra evidenza scientifica, da un lato, e la teoria e la pratica, dall’altro. Perché ciò succede per un disturbo comune come la febbre?

La febbre è spesso considerata dai genitori e dai medici come un segno importante e pericoloso di malattia, quasi come una malattia in sé, piuttosto che un sintomo. I genitori si preoccupano quando il loro bambino è febbricitante e ritengono che la febbre possa aumentare con un possibile esito deleterio. La febbrefobia, una paura esagerata della febbre nei figli, è comune tra i genitori.(2) I genitori hanno conoscenze limitate sulla febbre e poca o nessuna informazione sul suo ruolo benefico nelle malattie.(3) Queste preoccupazioni dei genitori portano ad un maggior uso di antipiretici e di servizi sanitari. Inoltre vi è spesso una percezione diffusa anche tra i pediatri che la febbre sia pericolosa. La maggioranza (65%) dei pediatri in Massachusetts, Stati Uniti, credono che la febbre possa essere pericolosa per un bambino con crisi epilettiche, essendo la morte e i danni celebrali le più gravi complicanze.(4)

La pratica corrente ritiene che un ampio uso di antipiretici sia necessario e che risponda alla domanda di diminuire anche un basso grado di febbre.(5) Gli antipiretici sono il metodo preferito dai genitori per gestire la febbre e si è registrato un aumento della preferenza per il loro uso nel corso degli ultimi due decenni, dal 67% a più del 90% (91-95%).(6,7) La somministrazione di antipiretici da parte dei genitori è spesso scorretta sia per quanto riguarda la dose che la frequenza.(8) Un sottodosaggio aumenta l’uso dei servizi sanitari e incoraggia l’uso di antipiretici alternati per mantenere normale la temperatura, mentre un sovradosaggio è potenzialmente dannoso. I pediatri che lavorano con i bambini negli ospedali spesso accettano la prescrizione di antipiretici per la sola indicazione della presenza della febbre. Un bambino febbrile ricoverato in reparto, che sia in grado di giocare o con un malessere notevole, riceve antipiretici. Sebbene la maggior parte dei pediatri concordino che il trattamento di un bambino febbrile con antipiretici è per lo più per il sollievo dei sintomi della febbre, molti tendono a prescrivere antipiretici per ogni bambino con febbre. I pediatri possono contribuire alla febbrefobia, prescrivendo antipiretici per i bambini che sono solo leggermente febbrili o raccomandando l’uso di paracetamolo alternato con ibuprofene. Questa pratica di alternare antipiretici è diventata sempre più comune tra i genitori, il loro utilizzo dal 27% nel 2001 è cresciuto nel 2007 tra il 52% e il 67%.(9) Le aziende farmaceutiche e i mezzi di comunicazione possono anche contribuire ai miti e alle paure con commenti o pubblicità del tipo: “Se amate il vostro bambino, otterrete un rapido sollievo con questo farmaco” o “Se vi preoccupate del benessere del vostro bambino usate….”, ecc.

E’ possibile che le opinioni negative sulla febbre abbiano radici storiche. In gran parte della storia, la febbre è stata temuta dalla gente comune come una manifestazione di una punizione indotta dagli spiriti maligni o come un indicatore di morte.(10,11) Tuttavia, Wagner von Jauregg nel 1917 diede un enorme impulso all’idea della febbre come agente terapeutico, nel trattamento della neurosifilide con la febbre malarica.(12) Uno dei più importanti risultati della ricerca in questi ultimi anni è stata la scoperta di un singolo prodotto di cellule mononucleari, l’interleuchina-1 (IL-1), i cui effetti includono induzione di febbre e attivazione di linfociti T.(13) Numerose sostanze esterne (pirogeni esogeni) possono dare avvio al ciclo della febbre. Le endotossine di batteri Gram-negativi sono i più potenti pirogeni esogeni. I pirogeni esogeni stimolano monociti e macrofagi fissi dei tessuti e delle cellule reticoloendoteliali per produrre e rilasciare pirogeni endogeni, di cui IL-1 è il più importante. IL-1 agisce sul centro ipotalamico di termoregolazione tramite mediatori, in particolare una prostaglandina (PGE2), per elevare il livello di regolazione della temperatura. Il centro ipotalamico stimola la produzione di calore inducendo i brividi e la conservazione del calore tramite la vasocostrizione. La febbre è regolata da questo centro (anche ad una temperatura di oltre 41°) e la produzione di calore si avvicina alla perdita, come quando si è in salute, anche se ad un livello più alto del termostato ipotalamico. L’IL-1 ha altre funzioni, tra cui:

  • Gioca un ruolo primario nella induzione di risposte infiammatorie, quali l’accumulo di neutrofili e di aderenze, e modificazioni vascolari;
  • Stimola il fegato per la sintesi delle proteine nella fase acuta, come il fibrinogeno, l’aptoglobina, la ceruloplasmina e la CRP (proteina C reattiva);
  • L’avvio delle cellule T e la  proliferazione e attivazione delle cellule B (IL-1 attiva i linfociti T a produrre diversi fattori, come ad esempio INF e IL-2, che sono vitali per la risposta immunitaria).

L’innalzamento della temperatura in contemporanea con l’attivazione dei linfociti suggerisce decisamente il ruolo positivo della febbre stessa.

Ma la febbre è effettivamente utile o è dannosa? La febbre di per se è autolimitante e raramente grave, a condizione che la causa sia nota e che i liquidi persi vengano reintegrati. Con la febbre, a differenza dell’ipertermia, la temperatura corporea è ben regolata da un termostato ipotalamico che bilancia la produzione e la perdita di calore in modo così efficace che la temperatura non aumenta inesorabilmente sopra il limite massimo di 42° C. All’interno del range tra 40° e 42°,  non ci sono prove che la febbre sia dannosa per i tessuti. Circa il 20% dei bambini osservati in pronto soccorso hanno temperature superiori ai 40°C, ma recuperano quasi sempre pienamente e la morbilità o la mortalità è dovuta alla malattia di base. In effetti, l’associazione con la febbre potrebbe essere protettiva. La febbre non dovrebbe essere considerata nociva per i seguenti motivi:

  • La febbre esercita un effetto complessivamente negativo sulla crescita dei batteri e sulla moltiplicazione dei virus.(14,15) Migliora i processi immunologici, inclusa l’attività di IL-1, le cellule T helper, le cellule T citolitiche, le cellule B, e la sintesi delle immunoglobuline.(16) La febbre può essere inoltre vantaggiosa per i bambini con meningite febbrile, rispetto a coloro che sono senza febbre o ipotermici e che sono deceduti.(17) Uno studio su 102 bambini in Finlandia con gastroenterite da salmonella ha dimostrato una significativa correlazione tra il grado di febbre e la durata di escrezione degli organismi batterici.(18)
  • Ci sono numerose prove che gli antipiretici non impediscono le convulsioni febbrili.(19) I bambini con un alto rischio di ricorrenti convulsioni febbrili( storia familiare positiva di convulsioni febbrili, di età inferiore ad un anno, convulsioni febbrili complicate, e febbre moderata al momento della comparsa delle convulsioni febbrili) hanno frequenti recidive rispetto a quelli senza questi fattori di rischio. Dato che gli antipiretici sono usati sia nei bambini a rischio sia in quelli non a rischio, potrebbero essere i fattori di rischio, e non l’uso o meno di antipiretici, a predisporre agli episodi ricorrenti di convulsioni febbrili. Numerosi studi hanno dimostrato che i bambini che sviluppano convulsioni con bassi gradi di febbre hanno una soglia convulsiva inferiore e quindi un alto tasso di recidive di convulsioni febbrili, mentre quelli con febbri alte oltre 40° hanno un minor numero di recidive.(20-22)

§         La teoria dell’igiene suggerisce che la febbre possa essere utile. La prevalenza di asma e allergie è aumentata in tutto il mondo da molti anni e la teoria dell’igiene è stata proposta come spiegazione.(23,24) La teoria propone che l’esposizione precoce alle infezioni, spesso associate a febbre, potrebbe proteggere i bambini dalle malattie allergiche.

Questa teoria è sostenuta dai seguenti risultati:

  • La prevalenza di atopia è più bassa tra i bambini delle famiglie numerose e coloro che frequentano asili nido rispetto ai bambini di famiglie poco numerose o che non frequentano asili nido.
  • I bambini con fratelli maggiori hanno meno probabilità di sviluppare allergie rispetto ai bambini più piccoli, con o senza fratelli.
  • Le malattie atopiche sono rare nei paesi con infestazioni parassitarie.

Se la febbre viene considerata utile, ci si potrebbe aspettare che gli antipiretici possano avere effetti dannosi:

  • Gli antipiretici sono noti per causare reazioni avverse, come sanguinamento gastrointestinale, insufficienza renale e alcuni decessi.(25,26) Nel Regno Unito, il 10% delle richieste al Servizio Nazionale Antiveleni e fino al 43% di tutti i  ricoveri in ospedale per auto-avvelenamento sono dovuti al paracetamolo.(27,28) Negli Stati Uniti, le overdosi di paracetamolo ammontano a 56.000 visite d’emergenza e 26.000 ricoveri, con circa 450 morti ogni anno. Circa 100 di queste morti sono non intenzionali.(29)
  • In volontari umani infettati con rinovirus, l’uso di antipiretici è stato associato con        soppressione della risposta anticorpale sierica, un aumento dei sintomi e segni e una tendenza alla maggiore durata del contagio virale.(30) In uno studio su bambini con la varicella (di cui la metà ha ricevuto paracetamolo quattro volte al giorno e la metà dei quali hanno ricevuto un placebo), il tempo di cicatrizzazione totale è stato leggermente più corto nel gruppo placebo (5,6 giorni) rispetto al gruppo paracetamolo (6,7 giorni).(31) Un altro studio dal Giappone ha constatato che la somministrazione frequente di antipiretici in bambini con malattie batteriche ha portato ad un peggioramento della loro malattia.(32)
  • La febbre è un prezioso segno fisico in una serie di situazioni come la malattia di Kawasaki e l’artrite idiopatica giovanile. In queste condizioni, gli antipiretici possono modificare i livelli di rilevazione della febbre e rendere la diagnosi più difficile.
  • Una revisione Cochrane ha concluso che non vi sono prove sufficienti che il paracetamolo abbia un effetto superiore al placebo, da solo.(20)

Nonostante le controversie in materia, i pediatri dovrebbero accordarsi sui punti seguenti:

§         I dati accumulati suggeriscono che la febbre abbia un ruolo protettivo nel promuovere la difesa dalle infezioni, piuttosto che esserne un sottoprodotto. Una febbre moderata (inferiore a 40°C), è benefica.

§         Il vantaggio principale dei farmaci antipiretici è quello di rendere i bambini più sereni e allevare l’ansia dei genitori.

§         Le convulsioni febbrili di solito sono benigne e non causano danni al cervello. La prevenzione è difficile e potrebbe non essere realizzabile con antipiretici.

§         Gli interventi educativi basati sulle evidenze sono il modo migliore per trattare e prevenire la febbrefobia e ridurre l’uso non necessario dei servizi sanitari. Queste informazioni dovrebbero passare durante i controlli sanitari di routine, poiché l’ansia dei genitori potrebbe interferire con la comprensione dei fatti che si presentino quando il proprio figlio è malato. I genitori dovrebbe essere informati su come valutare il benessere del bambino (ad esempio il colore della pelle, i livelli di attività, la frequenza respiratoria, l’idratazione). I media hanno un ruolo importante nel contribuire all’istruzione e all’educazione di coloro che assistono i pazienti.

§         Gli antipiretici devono essere usati seguendo le indicazioni, come per gli altri farmaci e non per la febbre di per sé.

La gestione della febbre può prevedere un intervento terapeutico standard nelle seguenti situazioni:

§         Se il minore ha sintomi come dolore, malessere, delirio o eccessiva letargia. In questi casi gli antipiretici servono per aumentare il benessere del bambino, consentendogli di assumere liquidi e per ridurre l’ansia dei genitori.

§         In caso di mancanza di energia o di tasso metabolico aumentato (ad esempio, ustioni, malattie polmonari e cardiovascolari, malattie febbrili prolungate, età molto giovane, denutrizione, stato post-operatorio). La febbre può aumentare il tasso metabolico e aggravare la malattia.

§         Quando i bambini sono a rischio di ipossia a causa di una condizione respiratoria acuta come la bronchiolite. La presenza di febbre può aumentare il fabbisogno di ossigeno e peggiorare la malattia.(33)

§         In caso di febbre alta oltre i 40°, per i seguenti motivi:

  • i bambini con febbre alta sono stati raramente studiati;
  • i bambini con febbre alta possono essere sintomatici di una malattia e possono essere ad alto rischio di disidratazione e delirio;
  • non sostenendo gli antipiretici per la febbre alta causerebbe sgomento tra i genitori e polemiche tra i pediatri , che potrebbero considerare tale raccomandazione non etica.

Non vanno sostenuti i seguenti interventi:

  • Antipiretici per la maggior parte dei bambini con minimo o nessun sintomo. Tale raccomandazione può inizialmente sconvolgere i genitori che ritengono che il loro bambino malato non venga curato. Ma se vogliamo essere all’avanguardia in questo campo, dovremmo istruire il pubblico sui risultati delle ricerche.
  • Misure fisiche come l’uso di un ventilatore o spugnature tiepide. Questi sono interventi inutili e fastidiosi per il bambino.(34,35) La loro indicazione principale è l’ipertermia.
  • Antipiretici alternati (paracetamolo e ibuprofene). Non ci sono prove a sostegno di questa pratica secondo una ricerca Medline della letteratura dal 1970 al 1998.(36) Alternare antipiretici può essere fonte di confusione per chi assiste i pazienti, che potrebbe condurre ad una somministrazione errata di entrambi i prodotti. Tale pratica può anche aumentare la febbre fobia dei genitori in quanto aumenta la preoccupazione dei genitori al salire della febbre. Inoltre una riduzione di febbre di 0,5° C con una combinazione di antipiretici, rispetto ad un singolo antipiretico, è insufficiente per giustificarne l’uso di routine.(37)

Anche se ci sono prove per sostenere gli effetti positivi della febbre, se la febbre sia utile o no è ancora controverso. Dobbiamo sapere quali malattie possano beneficiarne, in modo che la minima interferenza durante il loro corso possa essere presa in considerazione. D’altra parte dobbiamo indagare sulle patologie associate alla febbre e in che misura può essere dannosa, in modo che si possano adottare misure per trattarla.

Infine, la ricerca indica che siamo ad un bivio tra i consistenti dati della ricerca accumulati nel corso degli ultimi decenni sul ruolo positivo a sostegno della febbre e la pressione costante della pratica corrente di tenere il corpo ad una bassa temperatura. Quando ci concentriamo sul “trattamento della febbre”, stiamo dando l’impressione a genitori e operatori sanitari che la febbre sia nociva e l’antipiresi vantaggiosa. Continuare un largo uso di antipiretici può significare che stiamo ignorando importanti messaggi della ricerca.

Conflitto d’interessi: Nessuno

Riferimenti bibliografici

  1. Nelson DS, Walsh K, Fleisher GR. The spectrum and frequency of pediatric illness presenting to a community general hospital emergency department. Pediatrics 1992;90:5–10.[Abstract/Free Full Text]
  2. Schmitt BD. Fever phobia. Am J Dis Child 1980;134:176–81.[Abstract]
  3. Lagerlov P, Helseth S, Holager T. Childhood illnesses and the use of paracetamol (acetaminophen): a qualitative study of parents’ management of common childhood illnesses. Fam Pract 2003;20:717–23.[Abstract/Free Full Text]
  4. Kramer MS, Naimark L, Leduc DG. Parental fever phobia and its correlates. Pediatrics 1985;75:1110–13.[Abstract/Free Full Text]
  5. Crocetti M, Moghbeli N, Serwint J. Fever phobia revisited: have parental misconceptions about fever changed in 20 years? Pediatrics2001;107:1241–6.[Abstract/Free Full Text]
  6. Li SF, Lacher B, Crain EF. Acetaminophen and ibuprofen dosing by parents. Pediatr Emerg Care 2000;16:394–7.[CrossRef][Medline]
  7. Walsh A, Edwards H, Fraser J. Over-the-counter medication use for childhood fever: a cross-sectional study of Australian parents. J Paediatr Child Health 2007;43:601–6.[CrossRef][Medline]
  8. Goldman RD, Ko K, Linett LJ, et al.. Antipyretic efficacy and safety of ibuprofen and acetaminophen in children. Ann Pharmacother2004;38:146–50.[Abstract/Free Full Text]
  9. Wright AD, Liebelt EL. Alternating antipyretics for fever reduction in children: an unfounded practice passed down to parents from pediatricians. Clin Pediatr 2007;46:146–50.[Abstract/Free Full Text]
  10. El-Radhi AS. Changing concepts of fever: BC to the present. Proc R Coll Physicians Edinb 1995;25:267–78.[Medline]
  11. Hippocrates. Epidemic. Book 1 (trans). In: Chadwick J, Mann WN, eds.The medical works of Hippocrates Oxford: Blackwell Scientific, 1950:204.
  12. Solomon HC, Kopp I. Fever therapy. N Engl J Med 1937;217:805–14.
  13. El-Radhi AS, Carroll J. Fever in paediatric practice . Oxford: Blackwell Scientific, 1994:50–67.
  14. Osawa E, Muschel LH. Studies relating to the serum resistance of certain Gram-negative bacteria. J Exp Med 1964;119:41–51.[Abstract/Free Full Text]
  15. Lwoff A. Factors influencing the evolution of viral diseases at the cellular level and in the organism. Bacteriol Rev 1959;23:109–24.[Free Full Text]
  16. Nahas GG, Tannieres ML, Lennon JF. Direct measurement of leukocyte motility: effects of pH and temperature. Proc Soc Exp Biol Med1971;138:350–2.[Medline]
  17. Wong VK, Hitchcock W, Mason WH. Meningococcal infections in children: a review of 100 cases. Pediatr Infect Dis J 1989;8:224–7.[Medline]
  18. El-Radhi AS, Rostila T, Vesikari T. Association of high fever and short bacterial excretion after salmonellosis. Arch Dis Child 1992;67:81.
  19. El-Radhi AS, Barry W. Do antipyretics prevent febrile convulsions? Arch Dis Child 2003;88:641–2.[Free Full Text]
  20. Meremikwu M, Oyo-Ita A. Paracetamol for treating fever in children.Cochrane Database Syst Rev 2002;(2):CD003676.
  21. El-Radhi AS. Lower degree of fever at the initial febrile convulsion is associated with increased risk of subsequent convulsions. Eur J Paediatr Neurol 1998;2:91–6.[CrossRef][Medline]
  22. Offringa M, Derksen-Lubsen G, Bossuyt P. Seizure recurrence after a first febrile seizure: a multivariate approach. Dev Med Child Neurol1992;34:15–24.[Medline]
  23. Williams LK, Peterson EL, Ownby DR, et al.. The relationship between early fever and allergic sensitization at age 6 to 7 years. J Allergy Clin Immunol 2004;113:291–6.[CrossRef][Medline]
  24. Custovic A. The hygiene hypothesis revisited: pros and cons. Program and abstracts of the American Academy of Allergy, Asthma and Immunology 60th Anniversary Meeting, March 7–12, 2003, Denver, Colorado.
  25. Moghal NE, Hegde S, Eastham K. Ibuprofen and acute renal failure in a toddler. Arch Dis Child 2004;89:276–7.[Free Full Text]
  26. Moore N, Noblet C, Breemeersch C. Focus on the safety of ibuprofen at the analgesic-antipyretic dose. Therapy 1996;51:458–63.
  27. Vale JA, Proudfoot AT. Paracetamol (acetaminophen) poisoning. Lancet1995;346:547–52.[CrossRef][Medline]
  28. Bialas MC, Reid A, Beck P, et al.. Changing patterns of poisoning in a UK health district between 1987–1988 and 1992–1993. Q J Med1996;89:893–901.
  29. Nourjah P, Ahmad SR, Karwoski C, et al.. Estimates of acetaminophen (paracetamol) associated overdoses in the US. Pharmacoepidemiol Drug Saf 2006;15:398–405.[CrossRef][Medline]
  30. Graham NH, Burrell CJ, Douglas RM, et al.. Adverse effects of aspirin, acetaminophen, and ibuprofen on immune function, viral shedding and clinical status in rhinovirus-infected volunteers. Infect Dis1990;162:1277–82.
  31. Doran TF, Angelis CD, Baumgarder RA, et al.. Acetaminophen: more harm than good in chickenpox? J Pediatr1989;114:1045–8.[CrossRef][Medline]
  32. Sugimura T, Fujimoto T, Motoyama T, et al.. Risks of antipyretics in young children with fever due to infectious diseases. Acta Paediatr Jpn1994;36:375–8.[Medline]
  33. El-Radhi AS, Barry W, Patel S. Association of fever and severe clinical course in bronchiolitis. Arch Dis Child 1999;81:231–4.[Abstract/Free Full Text]
  34. Purssell E. Physical treatment of fever. Arch Dis Child 2000;82:238–9.[Abstract/Free Full Text]
  35. El-Radhi AS. Management of fever in paediatric practice. Nurse2Nurse2004;4:38–40.
  36. Mayoral CE, Marino RV, Rosenfeld W, et al.. Alternating antipyretics: is this an alternative? Pediatrics 2000;105:1009–12.[Abstract/Free Full Text]
  37. Erlewyn-Lajeunesse MDS, Coppins K, Hunt LP, et al.. Randomised controlled trial of combined paracetamol and ibuprofen for fever. Arch Dis Child 2006;91:414–16.[Abstract/Free Full Text]

Cellulari, allarme cancro: “Proteggete i bimbi”

Ad oggi, non ci sono prove certe sul fatto che l’uso dei cellulari sia in qualche modo collegato all’insorgenza del cancro, tuttavia «non si pu• escludere l’esistenza di causalit…» tra esposizione da cellulari e tumori «quando si fa un uso molto intenso del telefono cellulare». Il nuovo monito arriva dal Consiglio superiore di sanità (Css) che, in un parere, invita ad applicare soprattutto per i bambini «il »principio di precauzione, che significa anche l’educazione ad un utilizzo non indiscriminato, ma appropriato, quindi limitato alle situazioni di vera necessità, del cellulare«. Insomma, sotto accusa finisce l’utilizzo »smodato«, ed è per questo che il ministero della Salute si appresta ad avviare una campagna di informazione per sensibilizzare ad un utilizzo appropriato dei telefonini. Il parere del Css sui possibili rischi da uso non appropriato dei cellulari arriva all’indomani della trasmissione Report di Rai3 dedicata proprio alla questione dei rischi per la salute connessi al loro uso. Un tema dibattuto ormai da anni, con opinioni contrastanti. Ed è del maggio scorso l’ultimo allerta dell’Organizzazione mondiale della Sanità (Oms): Le radiofrequenze da cellulare »potrebbero causare il cancro«, ha avvertito un gruppo di 34 esperti dell’Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) dell’Oms, definendo i campi elettromagnetici come ‘possibly carcinogenic’. Un annuncio che inevitabilmente ha riaperto il dibattito lungo 20 anni sulla sicurezza della telefonia mobile per la salute umana. Oggi si contano 5 miliardi di telefonini in tutto il mondo, solo in Italia quasi due a testa, pari a circa 100 milioni di cellulari. Ma i produttori, che assicurano il finanziamento di studi indipendenti per conoscere l’effettivo pericolo, sostengono che la classificazione fissa il rischio ad un terzo livello su una scala di 5, un livello che »contiene altre sostanze di uso comune come ad esempio il caffè«.

Certo è che, come afferma il Css, i rischi per la salute da un »uso smodato« non possono essere esclusi. E tanto basta per far prevalere un principio di precauzione, soprattutto se si tratta di bambini. I pediatri, a questo proposito, non hanno dubbi: i bambini evitino di usare il cellulare (ormai nelle tasche di 6 piccoli su 10), e se l’uso non può essere evitato »lo utilizzino il meno possibile, con l’auricolare e preferendo quelli a bassa emissione«. Le incertezze infatti sono ancora tante: gli standard di sicurezza, ad esempio, sono stati elaborati con riferimento agli adulti, e va anche considerato che l’organismo dei bambini è più sensibile e il loro cervello ha una maggiore suscettibilità. La situazione preoccupa la presidente del Movimento italiano genitori (Moige) Maria Rita Munizzi, che la definisce »seria e pericolosa«: »Per questo – afferma – chiediamo con urgenza l’intervento del Ministro della Salute Renato Balduzzi, affinch‚ sia fatta chiarezza sulla questione«. Ed invita alla prudenza anche l’oncologo Umberto Tirelli: »I legami tra telefonini e tumori sono deboli, come dimostrato da tutti i numerosi studi fatti negli ultimi dieci anni« ma »nel frattempo, considerando che i telefonini sono presenti da solo 25 anni sul mercato e che non si può prevedere cosa succederà dopo 50 anni di esposizione, è meglio usare – avverte – una politica di precauzione, ovvero limitare l’uso del telefonino ai ragazzi e proibirlo ai bambini, auspicando per gli adulti l’uso dell’auricolare nell’attesa di ulteriori studi«

Fonte: Leggo

Tratto da: Cellulari, allarme cancro: “Proteggete i bimbi” | Informare per Resistere http://informarexresistere.fr/2011/11/30/cellulari-allarme-cancro-%e2%80%9cproteggete-i-bimbi%e2%80%9d/#ixzz1fC1cMTiE
– Nel tempo dell’inganno universale, dire la verità è un atto rivoluzionario!

Etologia: periodi di svezzamento a confronto


Dott.ssa Katherine Dettwyler PhD

Professore Associato per l’Antropologia e la Nutrizione
Texas A & M University
Titolo originale del testo: “A natural age of weaning”

 

Durante la mia ricerca ho studiato diverse fasi della “storie della vita” (per esempio la durata di gestazione, il peso alla nascita, la crescita, l’età di maturazione sessuale, l’età d’eruzione dei denti, la lunghezza di vita etc.) di primati non umani e poi ho collegato questi dati all’età di svezzamento di questi animali. Essi sono i nostri più stretti parenti nel regno animale, specialmente i gorilla e gli scimpanzè, che condividono con noi più del 98% dei geni.

Attraverso diverse supposizioni sono risalita all’età di svezzamento nell’uomo se non ci fossero tante regole culturali su questo argomento. Il mio interesse deriva dalla letteratura sull’età di svezzamento nelle varie culture che dimostra che esistono delle usanze molto diverse fra i vari popoli sull’età ideale in cui si dovrebbero svezzare i bambini; da molto presto negli Stati Uniti a molto tardi in alcune zone. Si sente spesso dire che l’età media di svezzamento nel mondo è 4,2 anni, però questa cifra non è nè precisa nè significativa. 64 ricerche “tradizionali”, fatte prima degli anni ’40 indicano una durata media di allattamento di ca. 2,8 anni, ma con qualche società che allatta per molto meno tempo e altre molto più a lungo. E’ statisticamente poco indicativo parlare di un età media mondiale, perchè tanti bambini non vengono allattati affatto, oppure le loro madri si arrendono dopo pochi giorni o alle sei settimane, quando tornano a lavorare. E’ vero che ci sono ancora molte società nel mondo dove i bambini vengono abitualmente allattati fino a un età di quattro/cinque anni o più e addirittura negli Stati Uniti alcuni bambini vengono allattati più a lungo. Nelle società dove ai bambini viene permesso di prendere il latte materno per tutto il tempo che lo richiedono, questi si svezzano normalmente da se, senza discussioni o traumi emotivi fra i tre e i quattro anni di età. Il mio interesse deriva anche dalla realizzazione che gli animali hanno un età “naturale” di svezzamento, a ca. 8 settimane nei cani, 8-12 mesi nei cavalli etc. Si presume che questi animali non abbiano credenze culturali sull’età ideale per lo svezzamento.

Ecco alcuni risultati della mia ricerca:

  • Su un gruppo di 21 specie di primati non umani (scimmie e scimmie antropomorfe), studiati da Holly Smith, è stato scoperto che i piccoli vengono svezzati quando appaiono i molari permanenti. Nell’uomo questo avviene 5,5 – 6 anni.
  • Fra i pediatri era molto comune affermare che in molte specie la durata di gestazione è approssimativamente uguale alla durata d’allattamento, e suggerivano perciò che per l’uomo l’età ideale di svezzamento sia a nove mesi. In ogni modo, questa relazione varia secondo la statura degli animali adulti; più grande la statura degli adulti è – più lunga è la durata di allattamento in relazione alla durata di gestazione. Per gli scimpanzè e i gorilla, i due primati geneticamente più simili all’uomo, la relazione è 6 : 1. In altre parole, allattano i loro piccoli per un periodo sei volte più lungo della durata di gestazione (precisamente 6,1 per gli scimpanzè e 6,4 per i gorilla). Per l’uomo, che per la sua statura si trova fra questi due animali questo significherebbe un età di svezzamento di 4,5 anni (=sei volte nove mesi di gestazione).
  • Fra i pediatri era molto comune indicare che la maggioranza dei mammiferi svezza i piccoli quando questi hanno triplicato il loro peso dalla nascita, suggerendo una durata di allattamento di un’anno nell’uomo. Di nuovo, questo dato viene influenzato dal peso degli adulti, con mammiferi più grandi che allattano la loro prole fino al momento in cui ha quadruplicato il proprio peso di nascita. Nell’uomo questo avviene normalmente all’età di 2,5 – 3,5 anni.
  • Da uno studio sui primati si è scoperto che i piccoli vengono svezzati quando hanno raggiunto ca. un terzo del loro peso da adulti. Questo corrisponderebbe nell’uomo a ca. 6-7 anni.
  • Facendo un confronto fra età di svezzamento e maturità sessuale nei primati non umani viene suggerita un età di 6-7 anni nell’uomo (ca. a metà strada verso la maturità riproduttiva).
  • Alcuni studi indicano che il sistema immunitario non è completamente maturo prima di sei anni di età, ed è ben saputo il fatto che il latte materno aiuti il sistema immunitario a svilupparsi, fornendo gli anticorpi materni per tutto il tempo che il latte viene prodotto (fino a due anni fa non sono stati fatti studi sulla composizione del latte materno dall’età di due anni in poi).

E così via …. L’età minima per lo svezzamento nell’uomo è due anni e mezzo e l’età massima sette anni.

Sui benefici dell’allattamento prolungato, sono state fatte diverse ricerche che confrontano l’allattamento al seno con quello artificiale con riferimento all’incidenza di diverse malattie e anche al quoziente d’intelligenza. In tutti i casi i bambini allattati al seno correvano un minore rischio di ammalarsi e il loro quoziente d’intelligenza era più alto di quelli allattati artificialmente. Questi studi dividevano il gruppo di bambini allattati al seno in varie categorie basate sulla durata di allattamento. I bambini che erano stati allattati più a lungo avevano un punteggio più alto, sia per quanto riguarda la minore frequenza di malattie sia il quoziente d’intelligenza. In altre parole, se le categorie erano divise in gruppi di bambini che erano stati allattati al seno per 0-6 mesi, 6-12 mesi, 12-18 mesi e 18-24 mesi e più, quelli che erano stati allattati per 18-24 mesi e più avevano un punteggio più alto, quelli della categoria 12-18 mesi un punteggio un poco più basso del precedente gruppo, poi venivano quelli della categoria 6-12 mesi e quelli della categoria 0-6 mesi avevano il punteggio più basso fra quelli allattati al seno, ma sempre molto migliore di quello dei bambini allattati artificialmente. Questi dati riguardano le malattie dell’apparato gastrointestinale, delle alte vie respiratorie, la sclerosi multipla, il diabete, le malattie cardiache etc. etc. etc. I bambini allattati più a lungo avevano anche un migliore punteggio nei test che rilevano il quoziente d’intelligenza. Un punto importante da sottolineare è che nessuno di questi studi riguarda i bambini che erano stati allattati per più di due anni perchè ancora non sono stati fatti i relativi studi. Tutti i bambini della categoria 18-24 mesi e più sono stati messi insieme in un’unica grande categoria. Presumibilmente i benefici continuano ad aumentare, perchè l’organismo non “sa” che il bambino ha festeggiato un compleanno e non comincia quindi a produrre improvvisamente un latte senza valore nutrizionale e immunologico.
Comunque sia, finora nessuno ha provato nè che i benefici dell’allattamento si fermano all’età di due anni, nè che continuano perchè non sono ancora stati fatti studi appropriati. Il trend durante i primi due anni però indica chiaramente che i benefici continuano con la durata dell’allattamento. Chiaramente i benefici diminuiscono con l’età; i primi sei mesi di allattamento al seno sono ovviamente più importanti in termini di nutrizione e sviluppo immunologico dei sei mesi fra 3,5 a 4 anni. Questo non significa però che non si debba continuare a dare il latte, se il bambino lo richiede e se anche voi lo volete. Sarebbe come dire: “Be, Mabel, il petrolio non ci frutta più tanto. Prima ci davano $ 56 al mese, ora siamo fortunati se ci danno $ 25 all’anno. Dovremo dire alla compagnia petrolifera di tenersi i suoi soldi.” E Mabel gli rispondesse:”Mio Dio, Glyde! Non essere ridicolo! Con quell’assegno possiamo comprare viveri per $ 25. Hai perso il senno?”

Chiaramente i bambini nati negli Stati Uniti non devono combattere contro tutte le malattie e i parassiti come i bambini del Terzo Mondo e l’acqua non è contaminata. Abbiamo più alimenti supplementari, della cui sicurezza e igiene ci si può generalmente fidare. Possiamo vaccinare i nostri bambini e dargli antibiotici contro le infezioni, quando è necessario. Il fatto che abbiamo queste possibilità non vuol dire però che l’allattamento materno non sia importante. Anche in un’ambiente superpulito, con meravigliose cure mediche, i bambini allattati al seno hanno ancora molti vantaggi rispetto a quelli allattati artificialmente. Si ammalano meno spesso, sono più intelligenti, sono più felici.. Un’altra considerazione importante per bambini più grandi è che possono mantenere il loro attaccamento emozionale a una persona invece di essere costretti a rivolgersi ad un oggetto inanimato come un orsacchiotto o una coperta. Penso che questa sia la base per una vita orientata verso le persone anzichè verso gli oggetti, e questa è una buona cosa, credo. Non riesco neanche ad immaginare la vita di un bambino nei suoi primi anni senza questo stretto contatto, di un bambino che sta attraversando un periodo di enormi cambiamenti, di cui alcuni possono essere molto frustranti.
Potrei proseguire in eterno ma mi fermo qui. Spero di essere stata di aiuto.

Queste idee sono spiegate in modo molto più eloquente e molto più dettagliato nel mio capitolo “Il momento per lo svezzamento” del libro “Breastfeeding: Biocultural Perspectives”

Copyright by Katherine A. Dettwyler, Texas A&M University; può essere stampato per uso personale oppure per scopi educativi senza ulteriore permesso; Per l’utilizzo in altre pubblicazioni si contatti l’autrice via e-mail: kadettwyler@HOTMAIL.COM

Traduzione a cura di Ulrike Schmidleithner – info ( at ) allattiamo.it –
La pagina originale in inglese si trova qui

Il codice violato

Il “Codice Violato 2011”, IV rapporto sulle violazioni del Codice Internazionale sulla commercializzazione dei sostituti del latte materno rilevate in Italia

Logo MAMIIl rapporto raccoglie le violazioni al Codice Internazionale sulla Commercializzazione dei Sostituti del Latte Materno. Esempi di violazioni
del Codice sono la distribuzioni di campioni gratuiti di latte artificiale, le vendite sottocosto, le pubblicità con immagini che esaltano “presunti” benefici del latte artificiale e la pubblicità selvaggia di biberon e tettarelle,
tutte pratiche che minano la possibilità di allattare con successo i propri figli.
Questa edizione del Codice Violato è la quarta (dopo quelle del 2001, del 2004 e del 2008) ed è organizzata in modo da offrire al lettore una panoramica di come stanno cambiando, negli anni, le strategie di promozione dei sostituti del latte materno, biberon e tettarelle anche alla luce delle recenti novità in ambito legislativo in Europa e in Italia.
I dati raccolti mostrano che le ditte che producono sostituti del latte materno, biberon e tettarelle, devono fare fronte a leggi più restrittive, e ad una maggiore consapevolezza, sia a livello dei cittadini che delle istituzioni, dell’importanza dell’allattamento come pratica di salute, di sostenibilità ambientale ed economica e di giustizia.
Le compagnie sono costrette quindi a cercare modalità nuove e più insidiose per indurre l’acquisto dei loro prodotti, facendo leva sui timori e le insicurezze diffuse fra i genitori, soprattutto se alla prima esperienza, e ricorrendo ai diversi mezzi comunicativi a disposizione, non solo televisione, radio e giornali ma anche internet con i social network.
Inoltre, la crisi economica in atto rende le ditte più forti nei confronti dei Governi e degli organismi internazionali, quando si discutono ed approvano leggi o documenti per regolamentare le pratiche di promozione di sostituti del latte materno. Le aziende hanno budget imponenti se paragonati a quelli che le agenzie di salute dedicano alla promozione, protezione e supporto dell’allattamento al seno. Come evidenziato nella nuova edizione del Codice Violato, le ditte assumono esperti di salute pubblica di elevato livello internazionale affinché lavorino per loro, con un ritorno sia di immagine che di “know-how” nel campo della penetrazione nel mercato.
Di tutto questo e di altro ancora tratta il nuovo Il Codice Violato 2011, che vi invitiamo a prenotare rivolgendovi a segreteria@ibfanitalia.org
Le edizioni precedenti del rapporto sono gratuitamente consultabili sul sito IBFAN Italia.

Se i bimbi guardano troppa TV possono andare male a scuola

Se un bambino piccolo guarda troppa tv avra’ peggiori performance scolastiche. Lo afferma uno studio delle Universita’ del Michigan e di Montreal su 1.300 bambini, pubblicato dalla rivista Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine. I ricercatori hanno chiesto ai genitori per quante ore in media i propri figli guardavano la tv a 29 e 54 mesi. La media per la fascia piu’ piccola era 9 ore alla settimana, mentre per gli altri era di 15 ore, ma l’11 per cento dei piu’ piccoli e il 23 per cento degli altri superavano il massimo consigliato di due ore al giorno. All’eta’ di 10 anni sono state valutate le performance scolastiche e l’indice di massa corporea dei soggetti, trovando che quelli che avevano un piu’ alto numero di ore di tv andavano peggio in matematica e in generale erano meno integrati nella classe, mentre l’indice di massa corporea era piu’ alto. ”La prima infanzia e’ un periodo critico per lo sviluppo del cervello e la formazione delle abitudini – ha spiegato Linda Pagani, prima autrice della ricerca – il risultato suggerisce che la televisione sostituisce altre attivita’ piu’ salutari per lo sviluppo cognitivo e fisico”.

Piccoli geni già a quattro anni s´impara di più prima della scuola

I neuroscienziati: “Sfruttiamo meglio l´età fertile del cervello”.   

 La rivista “Science” spiega perché un´educazione precoce garantisce successo nella vita. L´Associazione culturale pediatri suggerisce di leggere ad alta voce libri ai bimbi di sei mesi

Le neuroscienze li chiamano “gli anni che durano per sempre”, l´età fertile del cervello in cui si pongono le basi del successo futuro. Per questo lasciare i bambini da zero a 6 anni senza scuola né educazione è come lasciare una spugna senz´acqua e un campo senza aratro. “Probabilmente le avete dimenticate, ma le esperienze che avete fatto prima della scuola influenzano ancora oggi molti aspetti della vostra vita. A partire dalla confidenza con la matematica fino ad arrivare all´entità dello stipendio” scrive la rivista Science nello speciale “Investire presto nell´educazione”. L´oggetto del contendere non è nuovo: a quale età sia meglio iniziare la scuola. Gli studi scientifici però lasciano ormai pochi dubbi. Da zero a 6 anni la mente di un bambino vive le fasi più tumultuose e decisive della sua formazione, quelle in cui l´apprendimento avviene con più naturalezza e ha effetti più duraturi. Le ultime ricerche rivelano capacità di manipolare numeri e parole insospettate fin dai primissimi mesi di vita. E la ricchezza del vocabolario di un bambino di prima elementare è in grado di dire molto sui suoi successi futuri all´università e sul lavoro.
«Chi ha architettato il sistema scolastico dell´infanzia non conosceva come si sviluppa il cervello» conferma Pier Paolo Battaglini, direttore del centro per le neuroscienze “Brain” dell´università di Trieste. «Nei primi 4 anni si raggiunge il picco di connessioni fra i neuroni. Il loro numero supera quello del cervello adulto. A quell´età saremmo esseri straordinari, se non fossimo partiti da zero. Dai 4 anni in poi le connessioni diminuiscono. Si ha il fenomeno della cosiddetta “potatura”. Si mantengono solo le sinapsi più importanti». Già nel momento in cui un bambino inizia a parlare, appaiono le differenze di classe sociale. «I figli di genitori della classe media a 4 anni conoscono in media il 54% dei nomi delle lettere, mentre quelli delle classi sociali più basse ne conoscono solo quattro» spiega Marco Carrozzi, che dirige la neuropsichiatria all´ospedale infantile Burlo Garofolo di Trieste». E dal momento – sostiene Science – che “l´educazione precoce pone basi così importanti per l´apprendimento futuro, andrebbe presa sul serio almeno quanto il periodo della scuola”.
Non così avviene in Italia, dove le strutture di nidi e materne sono ridotte all´osso. Di uno «spreco degli anni migliori per imparare» parla Benedetto Vertecchi, docente di pedagogia sperimentale all´università di Roma Tre. «Nei confronti dell´infanzia abbiamo un atteggiamento custodiale: i bambini piccoli vanno tenuti buoni e basta. Come quando, alla fine del ´700, i genitori iniziarono ad andare in fabbrica in Gran Bretagna e con i figli piccoli usavano uno straccetto imbevuto di gin. L´immagine oggi ci fa inorridire, ma non è poi così diversa dai grandi schermi degli asili. In Francia, al contrario, già le materne si pongono l´obiettivo di educare attraverso curricula speciali per la prima infanzia. I risultati si vedono. A 3 anni i bambini sono più autonomi, sanno allacciarsi le scarpe e usare la forchetta». Tanto gli Stati Uniti credono nella scuola anticipata, che per mantenere in classe un milione di bambini disagiati di 3 e 4 anni l´amministrazione spende ogni anno 7,5 miliardi di dollari. Anche in tempi di crisi nera. Il programma si chiama “Head Start”: vantaggio in partenza. L´approccio americano, molto cognitivo, sfrutta spesso programmi al computer che misurano performance e incrementano competenze. In Italia la strada è diversa. Fra le poche iniziative per la prima infanzia spicca il programma “Nati per leggere” dell´Associazione culturale pediatri: una mamma o un papà con in braccio il bambino (a partire da 6 mesi) e un libro aperto da leggere ad alta voce e sfogliare. Tanto successo ha avuto il progetto, che recentemente l´Associazione gli ha affiancato “Nati per la musica”.
L´idea trova entusiasta Italo Farnetani, professore alla Bicocca di Milano e autore di “Da zero a tre anni” e “L´enciclopedia del genitore”: «Se incontrano la musica nei primi anni di vita, i bambini non la lasceranno più. È anche un ottimo sistema per farli tornare di buon umore». A differenza di videogiochi e software per apprendere, libri colorati e canzoni «non tolgono la gioia di essere bambini». Quanto alla scuola «sarebbe bene rendere universale l´asilo e iniziare le elementari con un anno di anticipo». Un bambino da 3 a 5 anni è infatti, secondo Farnetani, «come la memoria di un computer, che assorbe tutto ciò che vi viene immesso. Per questo ha bisogno di vivere in mezzo alla gente, ascoltare racconti, vedere volti e colori, vivere sensazioni. Non vuole rilassarsi nella solitudine e nel silenzio come un adulto stressato, ma ricevere stimoli di ogni tipo. Più gli si parla, meglio è».
L´importanza del dialogare con i bambini è stata confermata da una catena di studi degli ultimi 5 anni. “Tra la nascita e i 6 anni lo sviluppo del linguaggio è rapidissimo. La conoscenza delle parole e della sintassi a 3 anni è un indice della comprensione di un testo al liceo” spiega David Dickinson della Vanderbilt University di Nashville. Perfino la ricchezza di gesti ed espressioni del viso che i genitori usano con il figlio a 14 mesi influenzano la ricchezza del suo vocabolario a 6 anni. Da quanto un bambino ascolta gli adulti attorno a sé, spiega Science, dipenderà la sua capacità di comprendere le frasi a 18 mesi. E la varietà dei termini usati da madre o maestra a 30 mesi avrà effetto sulla ricchezza del vocabolario un anno più tardi. «Senza contare – aggiunge Carrozzi – che tra il 15 e il 20% dei bambini arriva alle elementari con alcune difficoltà, ma solo il 3% ha un vero disturbo come la dislessia. Intervenire prima dell´inizio della scuola permette spesso di risolvere i problemi alla radice».

ELENA DUSI – la Repubblica | 24 Agosto 2011

Pasti in famiglia e ortaggi: la ricetta per bambini in linea

Alcune abitudini salutari a tavola sarebbero associate
a un minor rischio di sovrappeso nei piccoli

MILANO – I bambini che mangiano regolarmente a tavola con i genitori e fanno il pieno di verdure tendono ad essere più magri dei coetanei che non hanno queste abitudini salutari. Lo rivela uno studio della Harokopio University di Atene pubblicato sul J. of Pediatrics.

NUOVI DATI – Finora, fanno notare i ricercatori greci, pochi studi hanno esaminato la relazione tra il peso dei bambini e il loro modo di alimentarsi e, quindi, tenuto in considerazione non solo la quantità di zuccheri e grassi o più in generale di calorie introdotte. Sebbene in genere si ritenga che quella di sedersi a tavola coi genitori sia una buona abitudine, pochi sono i dati disponibili che evidenziano come questo accorgimento possa avere ricadute positive anche sulla linea dei ragazzini. Per cercare di chiarire queste dinamiche i ricercatori greci hanno intervistato più di 1.000 bambini di età compresa tra i 9 e i 13 anni, ponendo, tra le altre, domande sulla dieta, sull’attività fisica, sullo stile di vita in generale. I dati raccolti hanno permesso di identificare cinque tipologie di dieta e stile di vita, ma solo nel caso della categoria definita «pranzi preparati e mangiati in famiglia e tanti ortaggi» è stata evidenziata una relazione positiva sul fronte del peso. Rispetto agli altri coetanei coinvolti nello studio solo i bambini che rientravano in questa tipologia sono risultati più inclini ad avere un indice di massa corporea più basso, un giro vita minore e meno grasso corporeo.

SPIEGAZIONE – Se si può facilmente capire perché l’assunzione di tanta verdura possa avere ricadute positive sulla linea (poche calorie ed effetto saziante), è meno chiaro l’effetto positivo sulla bilancia associato al mangiare a tavola coi genitori. Gli stessi ricercatori greci non hanno individuato una spiegazione specifica, ma hanno fatto un’ipotesi: è possibile che consumare pasti in famiglia cucinati dai genitori e non preconfezionati o comprati in un fast food porti a seguire maggiormente i canoni della dieta mediterranea, ricca di vegetali, cereali integrali, pesce e con l’olio d’oliva come condimento principale, con conseguenti ricadute positive anche sul fronte del peso corporeo.

SUGGERIMENTI – «In linea generale mangiare coi genitori è un’abitudine positiva, a patto però che mamma e papà diano il buono esempio ai figli – osserva Michele Carruba, direttore del Centro di studio e ricerca sull’obesità dell’Università di Milano -. Diversi studi mostrano che genitori obesi hanno spesso figli obesi e non solo per una questione di geni. Se i genitori mangiano troppo e male di solito lo fanno anche i figli. Al contrario se i genitori cercano di mangiare in modo equilibrato e stimolano i figli a fare altrettanto gettano le basi per una corretta educazione alimentare. In particolare è importante promuovere il consumo di frutta e verdura, oggi assunte sempre meno dalle nuove generazioni. Frutta e verdura hanno il vantaggio di essere poco caloriche, di contenere fibre che rallentano l’assorbimento, di essere ricche di sali minerali, vitamine e sostanze antiossidanti che aiutano a rafforzare i meccanismi di difesa dell’organismo. Educare i figli a mangiare frutta e verdura è il più importante investimento che si possa fare per la loro salute futura».

Antonella Sparsoli      10 agosto 2010   Corriere della Sera