Archivio tag | educazione

LA PEDAGOGIA IN AIUTO ALLA PERSONA: Controsensi Educativi

A cura di : Dr.ssa DANIELA PANIGONI Pedagogista Clinico e Mediatore Familiare
e-mail: dr.ssa@danielapanigoni.it

Avrà all’incirca sei o sette anni, ha i capelli scuri e due occhi neri bellissimi e profondi ma troppo
tristi per essere un bambino che sta andando sulle giostre. È lì seduto sul cavallo con lo sguardo
basso e gli occhi pieni di lacrime, la sua colpa è di non aver preso la coda! Per tutto il tempo del
giro di giostra il padre ha continuato a gridargli :” …dai, muoviti, prendila! Allora?? Ti vuoi
allungare un po’ di più?! Ma sei impedito?! Cosa ci vuole?! …” ma lui non ci è riuscito, la coda non
l’ha presa, è arrivata prima una bimbetta dai riccioli d’oro, più piccola di lui. Ha guardato il papà,
che ha scosso la testa con sguardo severo e deluso, e si è messo a piangere. La delusione del
papà è diventata ancora più tangibile e con la voce piena di rabbia lo ha consolato così :” ma cosa
piangi?? sei uno stupido! La prossima volta impegnati di più!”. Era lì davanti a me affranto,
frustrato, aveva appena deluso una delle persone più importanti della sua vita e molto
probabilmente si sentiva una nullità.
Tre anni su per giù, una folta chioma rossa, le lentiggini e uno sguardo gioioso concentrato sui
suoi movimenti, corre sul bagnasciuga e si diverte a vedere l’acqua che schizza di qua e di là,
affonda i piedi nella sabbia bagnata, li solleva e butta la sabbia nel mare. È un gioco che si ripete
sempre uguale a se stesso e che gli piace molto. Poco più avanti c’è la sua mamma seduta in riva
al mare alle prese con il cellulare. Non lo guarda, è assorta nei suoi pensieri. Ogni tanto lui la
chiama, le dice :”mamma, guarda!!” ma lei sembra non sentirlo proprio. Poi succede che qualche
goccia d’acqua arriva alla mamma e al suo prezioso cellulare, lei si gira di scatto, lo fulmina con lo
sguardo e gli dice :”Ma sei cretino!! Ti ho detto di non schizzare l’acqua, guarda cosa hai fatto! Se
non funziona più è colpa tua!”. Si alza e se ne va allo sdraio lasciandolo lì da solo. Il suo sorriso si
è spento, il suo meraviglioso gioco ha fatto arrabbiare la mamma e le ha rotto un giocattolo
probabilmente più importante di lui e delle sue emozioni. Scoppia a piangere, guarda in direzione
della mamma per cercare una sorta di consolazione ma lei non lo degna di uno sguardo. Smette di
giocare con l’acqua, si siede sulla sabbia mentre si asciuga le lacrime.
Ha quasi due anni ed è una bella bimba dai riccioli castani, si avvicina ad un bimbo che ha in mano
una macchinina, probabilmente la trova interessante e vorrebbe poterla toccare e guardare un po’
più da vicino, lo fissa e poi gli prende la macchinina dalle mani. Lui non fa una piega, sta lì di
fronte a lei e la guarda mentre osserva la sua macchinina. Senza dire una parola quei due bimbi si
sono detti tutto. Nei loro sguardi e nei loro gesti ci sono tutte le parole che, per la loro età, era
impossibile dirsi. :”ciao, che bella macchinina! La posso vedere?” “sì, certo, ma sto qui a vedere
che tu non la rompa e quando hai finito di guardarla la voglio riavere!”. Ma ecco che interviene la
mamma della bambina :” Ma cosa fai? Non toccare! Dalla subito al bimbo, non è tua!”, le strappa
la macchinina di mano e le dà una schiaffo sulle manine tremanti. Il bimbo spaventato scoppia a
piangere, anche la bimba piange mentre cerca di riprendersi la macchinina. Lo schiaffo ora le
arriva in viso mentre viene trascinata via dalla mamma.
Non so cosa sia accaduto prima, quando li ho incontrati stavano camminando una accanto all’altro
visibilmente arrabbiati. D’improvviso la bimba, di circa quattro anni, si ferma e si gira indietro a
fissare i suoi oggetti del desiderio in un negozietto sul lungo mare. A quel punto il padre da dietro
la spinge, lei cade a terra, lui la prende per un braccio e la solleva strattonandola. La bimba piange
disperata. Lui, spingendola nuovamente per farla camminare, le dice:” Muoviti!! Ti ho detto che
quella roba lì non la puoi avere! Se continui a piangere ti do anche una sberla!”. Lei ammutolisce,
abbassa lo sguardo e, con le lacrime che le scendono sulle guance rosse, inizia a camminare
accanto al padre.
Quattro situazioni diverse ma con un denominatore comune, un atto di violenza fisica o verbale
compiuto da un adulto su un bambino. Quattro situazioni realmente accadute, quattro bambini che
sono stati umiliati, feriti, spaventati, picchiati dalle persone che, più di tutte le altre, avrebbero
dovuto garantirgli protezione e amore. Quattro bambini tristi a cui mamma e papà hanno tolto il
sorriso, la spontaneità, la stima di se stessi, la possibilità di avere fiducia nel prossimo. Quattro
bambini che stanno imparando a gestire la propria vita con l’uso della violenza, fisica o verbale che
sia, perché così si comportano con loro la mamma e il papà. Ne ho citati quattro ma gli esempi
possono essere molti di più, accade ancora troppo spesso di dover assistere a malincuore a scene
di questo tipo. Il nostro mondo, purtroppo, è malato di violenza, ne siamo circondati e quasi non
ce ne rendiamo conto. “Save the Children” ha recentemente commissionato ad Ipsos una ricerca
sugli stili educativi genitoriali dalla quale è emerso che un genitore su quattro utilizza
costantemente punizioni corporali e le ritiene educative per i propri figli.
Diciamo che vogliamo il “Bene” dei nostri bambini e non esitiamo a picchiarli o umiliarli per
insegnare loro la “buona educazione”. Ma cosa c’è di buono in uno schiaffo? Cosa insegniamo ai
nostri bambini attraverso questi comportamenti? Perché un adulto che picchia un altro adulto
commette un reato e viene denunciato mentre un genitore che picchia suo figlio lo sta
“educando”?
A mio parere in questo modo di pensare c’è qualcosa di distorto, di malato. Utilizzare la violenza
per ottenere un comportamento corretto, o meglio, il comportamento da noi desiderato, non
significa educare. EDUCARE è un termine con un significato “nobile”, deriva dal latino e significa
“condurre fuori”, aiutare la persona nel proprio percorso di crescita a diventare “se stessa”, a tirare
fuori le proprie capacità, i valori, il potenziale che è insito in lei. Nulla a che vedere, quindi, con
l’ammaestramento attraverso mezzi di coercizione e punizione che utilizzino la violenza.
Ma cosa si intende per punizione corporale? Il Comitato ONU sui diritti dell’infanzia e
dell’adolescenza definisce le punizioni corporali come qualsiasi punizione che utilizzi la forza fisica
per infliggere un certo livello di dolore, non importa quanto lieve sia. Picchiare, schiaffeggiare,
sculacciare, tirare orecchie o capelli, colpire con oggetti vari, dare calci o scossoni, spingere per far
cadere a terra, graffiare, pizzicare, mordere, o ancora obbligare a restare in posizioni scomode,
provocare bruciature, costringere ad ingerire qualcosa con la forza. Qualsiasi punizione corporale è
considerata umiliante e degradante. Oltre ad esse, ed ugualmente degradanti, vi sono poi le
punizioni psicologiche che consistono nell’effettuare violenze verbali, gridare, insultare, deridere,
minacciare, mortificare, isolare o ignorare il bambino, negargli il proprio affetto, umiliare in
pubblico, offendere o sminuire, minacciare l’uso di violenza su persone, oggetti o animali cari al
bambino, minacciare il suo abbandono. (Commento Generale n°8 del 2006).
La Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo dice che tutte le persone hanno dei diritti
fondamentali che devono essere rispettati. Tutte le persone devono essere trattate con rispetto e
dignità e hanno diritto alla protezione della loro integrità fisica e psichica. I bambini sono persone!
La Convenzione sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza riconosce ai minori i diritti fondamentali,
anche all’interno del contesto familiare, per cui essi hanno diritto ad esprimere la propria
individualità, ad essere protetti da ogni tipo di violenza, ad essere ascoltati quando esprimono le
proprie opinioni, ad essere rispettati nella loro dignità. Quindi i genitori non possono infliggere
punizioni fisiche, o qualsiasi altra punizione degradante, per correggere il comportamento dei
propri figli. (art. 19 della Convenzione).
Purtroppo molti genitori pensano erroneamente che utilizzare uno stile educativo improntato alla
violenza sia l’unico modo di ottenere un comportamento “corretto” da parte dei figli. La realtà è
ben diversa, l’uso di atti violenti, fisici o verbali, non garantisce assolutamente una buona condotta
dei bambini, che reprimono rabbia e frustrazione fino a che sono troppo piccoli per poter reagire,
ed esplodono quando la loro età e le loro forze glielo permettono. L’uso di questo tipo di stile
genitoriale provoca molti danni, impedisce o indebolisce la creazione di un legame forte e basato
sulla fiducia, genera sentimenti di rancore e ostilità nei confronti dei genitori, compromette lo
sviluppo emotivo dei bambini, può procurare lesioni fisiche anche gravi con danni fisiologici
permanenti, insegna ai bambini ad utilizzare la violenza per affrontare le situazioni vissute,
esprimendo il messaggio implicito che “vale la legge del più forte”.
Quando si arriva ad usare questi metodi significa che il dialogo è fallito e la relazione genitori-figli è
in serio pericolo.
Cosa fare, allora? Forse fermarci un attimo a riflettere sul significato delle nostre azioni ci
permetterebbe di capire che tutte le situazioni gestite con la violenza sono indicatori della
frustrazione dell’adulto e che, sicuramente, quella stesse situazioni sarebbero potute essere gestite
in modo diverso, con calma, consapevolezza e responsabilità.
Ci vuole tanta pazienza e del tempo da dedicare ai bambini per poterli conoscere e per
comprendere il perché delle loro azioni. Parlare con loro, spiegargli il senso di una regola o di un
divieto, motivare una nostra azione, dare esempi positivi di relazione attraverso il nostro
comportamento. Tutto questo richiede attenzione, tempo, impegno. Ed è faticoso. Ma è l’unica
strada che ci permette di basare la relazione con i nostri figli sull’ascolto, lo scambio e la
comprensione. È indispensabile far capire ai bambini che ci sono delle regole che devono essere
rispettate, hanno bisogno di sapere che ci sono dei limiti che non possono superare, ma tutto
questo può essere fatto nel rispetto della loro individualità e dignità, senza autoritarismi o
maltrattamenti. Non serve picchiare i bambini, serve invece spiegare loro ogni cosa ed aiutarli ad
interpretare il mondo complesso in cui viviamo, serve premiare i comportamenti positivi con un
sorriso, un complimento, una parola buona, serve invitarli alla collaborazione con il nostro
esempio, serve averne rispetto perché solo così anche loro impareranno a rispettare gli altri.

Grazie di cuore a Daniela che ci ha permesso di pubblicare questo articolo

Dieci ragioni per rispondere a un bambino che piange

  1. I primi tentativi di comunicare da parte di un bambino non possono avvenire con le parole, ma possono essere solo non verbali. Non sa esprimere con parole le emozioni di felicità, ma può sorridere. Non è in grado di esprimere con parole le emozioni di tristezza o rabbia, ma può piangere. Se il suo sorriso riceve una risposta, mentre il suopianto viene ignorato, potrebbe ricevere il messaggio dannoso di poter essere amato e accudito solo quando è felice. I bambini che ricevono continuamente questo messaggio attraverso gli anni non si sentiranno mai veramente amati e accettati.
  2. Se i tentativi del bambino di comunicare tristezza o rabbia vengono sistematicamente ignorati, non può imparare in che modo esprimere quei sentimenti con le parole. Il pianto ha bisogno di ricevere una reazione appropriata e positiva affinché il bambino capisca che tutte le sue emozioni sono accettate. Se le sue emozioni non sono accettate, e viene ignorato o punito perché piange, egli riceve il messaggio che la tristezza e la rabbia sono inaccettabili, non importa come siano espresse. È impossibile per un bambino capire che le espressioni di tristezza o di rabbia potrebbero essere accettate con parole appropriate una volta che sia cresciuto e in grado di usare tali parole. Un bambino sa soltanto comunicare nei modi che gli sono possibili ad ogni età, può solo riuscire a fare quello che ha avuto l’opportunità di imparare. Ogni bambino fa il suo meglio secondo la sua età, l’esperienza, e le circostanze del momento. È decisamente sleale punire un bambino per non aver fatto più di quanto sappia fare.
  3. Un bambino al quale sia stato dato il messaggio che i suoi genitori gli risponderanno solo quando lui è “buono” inizierà a nascondere il “cattivo” comportamento e le “brutte” emozioni agli altri, e anche a se stesso. Rischia di diventare un adulto che sopprime le brutte emozioni e non è capace di comunicare la piena varietà di emozioni umane. infatti, ci sono molti adulti i quali trovano difficile esprimere rabbia, tristezza, o altre “brutte” emozioni nei modi appropriati.
  4. La rabbia che non può essere espressa nella prima infanzia non scompare semplicemente. Diventa repressa e si accumula col passare degli anni, fino a quando il bambino non è più capace di contenerla, ed è cresciuto abbastanza da non temere più una punizione fisica. Quando alla fine questo contenitore di rabbia si spalanca, i genitori possono essere scioccati e perplessi. Hanno dimenticato le centinaia o migliaia di momenti di frustrazione che hanno riempito questo contenitore durante gli anni. Il principio psicologico che “la frustrazione porta all’aggressività” non è mai così ben visibile quanto nella ribellione finale di un adolescente. I genitori dovrebbero essere aiutati a capire quanto sia frustrante per un bambino sentirsi invisibile quando il suo pianto è ignorato, o sentirsi indifeso e scoraggiato quando i suoi tentativi di esprimere i suoi bisogni e i suoi sentimenti vengono ignorati o puniti.
  5. Siamo tutti nati sapendo che ogni emozione che proviamo è legittima. Gradualmente perdiamo questa convinzione se solo la parte “buona” di noi stessi ci fornisce risposte positive. Questa è una tragedia, perché solo quando accettiamo pienamente noi stessi e gli altri, nonostante gli errori, possiamo avere relazioni davvero amorevoli. Se non siamo pienamente amati e accettati nell’infanzia, rischiamo di non imparare mai cosa si prova o come si comunica tale accettazione verso gli altri, non importa quanta terapia o letture o riflessioni facciamo. Quanto più serene sarebbero le nostre vite se semplicemente avessimo ricevuto amore incondizionato attraverso i nostri primi anni!
  6. I genitori che si chiedono se rispondere o no al pianto dovrebbero riflettere su quali sarebbero le loro reazioni in situazioni simili. Alcuni genitori considerano appropriato ignorare il pianto di un bambino, eppure, provano intensa rabbia se il loro partner li ignora quando tentano di fare conversazione. Molti nella nostra società sembrano credere che una persona debba avere una certa età per avere il diritto di essere ascoltata. Ma quale età sarebbe? Neonati e bambini non sono persone meno importanti solo perché sono piccoli e indifesi. Anzi, più qualcuno è indifeso, più merita la nostra compassione, attenzione e assistenza.
  7. Se ai bambini si insegna attraverso l’esempio che le persone indifese meritano di essere ignorate, rischiano di perdere quella compassione per gli altri con la quale tutti noi esseri umani siamo nati. Se, da neonati indifesi, i loro strilli vengono ignorati, iniziano a credere che questa sia la reazione appropriata verso quelli che sono più deboli di loro stessi, e alla “Legge del più forte”. Senza compassione, si prepara la fase della violenza che verrà in seguito. Quelli che si chiedono come un criminale abbia potuto non avere pietà per le sue vittime devono considerare le origini della perdita di quella compassione. La compassione non scompare improvvisamente. Viene rubata, attraverso un allevamento indifferente o punitivo, goccia dopo goccia, finché si esaurisce. La perdita della compassione è la tragedia più grande che possa capitare a un bambino.
  8. Quando un bambino impara dall’esempio dei suoi genitori che è giusto ignorare il pianto di un neonato, egli tratterà con naturalezza allo stesso modo i propri bambini, a meno che ci sia qualche intervento di altri. Essere inadatti come genitori è qualcosa che si tramanda per generazioni fino a quando delle circostanze fortuite cambiano quel modello. Quanto sarebbe stato molto più facile per un genitore aver imparato durante l’infanzia come si trattano i propri figli! Forse il circolo vizioso dei comportamenti sbagliati dei genitori può iniziare a cambiare quando mai più degli spettatori passino e si allontanino da un bambino che piange disperatamente senza fermarsi per aiutarlo. Questa potrebbe essere la prima volta che un bambino riceve il messaggio che i suoi sentimenti sono legittimi ed importanti, e questo messaggio cruciale sarà ricordato più tardi quando loro stessi avranno un bambino.
  9. Il pianto è un segnale provvisto dalla natura allo scopo di disturbare i genitori affinché vadano incontro ai bisogni del neonato. Ignorare il pianto di un bambino è come ignorare la sirena di un allarme antincendio perché ci da fastidio. Il segnale è stato progettato per disturbarci così che possiamo prestare attenzione a una situazione importante. Solo una persona sorda ignorerebbe un allarme antincendio, eppure molti genitori si fingono sordi al pianto del loro bambino. Il piangere, come il segnale d’allarme, serve a catturare la nostra attenzione così che possiamo soddisfare i bisogni importanti del bambino. La natura non avrebbe mai dotato i bambini di un richiamo ricorrente senza una ragione.
  10. Genitori che reagiscono solo a un “buon” comportamento possono essere convinti che stanno allevando il bambino a comportarsi “meglio”. Eppure loro stessi sentono di collaborare più volentieri con chi li tratta con gentilezza. È come se i bambini fossero percepiti come una specie diversa, che funziona secondo principi di comportamento diversi. Questo è assurdo, perché sarebbe impossibile identificare un momento nel quale il bambino cambia improvvisamente verso principi di comportamento “adulti”. La verità è molto più semplice: i bambini sono esseri umani che si comportano secondo gli stessi principi degli altri esseri umani. Come il resto di noi, reagiscono nel modo migliore alla gentilezza, pazienza e comprensione. I genitori che si chiedono perché un bambino sia “maleducato” dovrebbero soffermarsi a riflettere su questo punto: “Io me la sento di collaborare quando qualcuno mi tratta bene, oppure quando qualcuno mi tratta nel modo come ho appena trattato mio figlio?”

di Jan Hunt, M.Sc.

Tratto da:

http://rcarlo.interfree.it/naturalchild/jan_hunt/crying_italian.html

Piccoli geni già a quattro anni s´impara di più prima della scuola

I neuroscienziati: “Sfruttiamo meglio l´età fertile del cervello”.   

 La rivista “Science” spiega perché un´educazione precoce garantisce successo nella vita. L´Associazione culturale pediatri suggerisce di leggere ad alta voce libri ai bimbi di sei mesi

Le neuroscienze li chiamano “gli anni che durano per sempre”, l´età fertile del cervello in cui si pongono le basi del successo futuro. Per questo lasciare i bambini da zero a 6 anni senza scuola né educazione è come lasciare una spugna senz´acqua e un campo senza aratro. “Probabilmente le avete dimenticate, ma le esperienze che avete fatto prima della scuola influenzano ancora oggi molti aspetti della vostra vita. A partire dalla confidenza con la matematica fino ad arrivare all´entità dello stipendio” scrive la rivista Science nello speciale “Investire presto nell´educazione”. L´oggetto del contendere non è nuovo: a quale età sia meglio iniziare la scuola. Gli studi scientifici però lasciano ormai pochi dubbi. Da zero a 6 anni la mente di un bambino vive le fasi più tumultuose e decisive della sua formazione, quelle in cui l´apprendimento avviene con più naturalezza e ha effetti più duraturi. Le ultime ricerche rivelano capacità di manipolare numeri e parole insospettate fin dai primissimi mesi di vita. E la ricchezza del vocabolario di un bambino di prima elementare è in grado di dire molto sui suoi successi futuri all´università e sul lavoro.
«Chi ha architettato il sistema scolastico dell´infanzia non conosceva come si sviluppa il cervello» conferma Pier Paolo Battaglini, direttore del centro per le neuroscienze “Brain” dell´università di Trieste. «Nei primi 4 anni si raggiunge il picco di connessioni fra i neuroni. Il loro numero supera quello del cervello adulto. A quell´età saremmo esseri straordinari, se non fossimo partiti da zero. Dai 4 anni in poi le connessioni diminuiscono. Si ha il fenomeno della cosiddetta “potatura”. Si mantengono solo le sinapsi più importanti». Già nel momento in cui un bambino inizia a parlare, appaiono le differenze di classe sociale. «I figli di genitori della classe media a 4 anni conoscono in media il 54% dei nomi delle lettere, mentre quelli delle classi sociali più basse ne conoscono solo quattro» spiega Marco Carrozzi, che dirige la neuropsichiatria all´ospedale infantile Burlo Garofolo di Trieste». E dal momento – sostiene Science – che “l´educazione precoce pone basi così importanti per l´apprendimento futuro, andrebbe presa sul serio almeno quanto il periodo della scuola”.
Non così avviene in Italia, dove le strutture di nidi e materne sono ridotte all´osso. Di uno «spreco degli anni migliori per imparare» parla Benedetto Vertecchi, docente di pedagogia sperimentale all´università di Roma Tre. «Nei confronti dell´infanzia abbiamo un atteggiamento custodiale: i bambini piccoli vanno tenuti buoni e basta. Come quando, alla fine del ´700, i genitori iniziarono ad andare in fabbrica in Gran Bretagna e con i figli piccoli usavano uno straccetto imbevuto di gin. L´immagine oggi ci fa inorridire, ma non è poi così diversa dai grandi schermi degli asili. In Francia, al contrario, già le materne si pongono l´obiettivo di educare attraverso curricula speciali per la prima infanzia. I risultati si vedono. A 3 anni i bambini sono più autonomi, sanno allacciarsi le scarpe e usare la forchetta». Tanto gli Stati Uniti credono nella scuola anticipata, che per mantenere in classe un milione di bambini disagiati di 3 e 4 anni l´amministrazione spende ogni anno 7,5 miliardi di dollari. Anche in tempi di crisi nera. Il programma si chiama “Head Start”: vantaggio in partenza. L´approccio americano, molto cognitivo, sfrutta spesso programmi al computer che misurano performance e incrementano competenze. In Italia la strada è diversa. Fra le poche iniziative per la prima infanzia spicca il programma “Nati per leggere” dell´Associazione culturale pediatri: una mamma o un papà con in braccio il bambino (a partire da 6 mesi) e un libro aperto da leggere ad alta voce e sfogliare. Tanto successo ha avuto il progetto, che recentemente l´Associazione gli ha affiancato “Nati per la musica”.
L´idea trova entusiasta Italo Farnetani, professore alla Bicocca di Milano e autore di “Da zero a tre anni” e “L´enciclopedia del genitore”: «Se incontrano la musica nei primi anni di vita, i bambini non la lasceranno più. È anche un ottimo sistema per farli tornare di buon umore». A differenza di videogiochi e software per apprendere, libri colorati e canzoni «non tolgono la gioia di essere bambini». Quanto alla scuola «sarebbe bene rendere universale l´asilo e iniziare le elementari con un anno di anticipo». Un bambino da 3 a 5 anni è infatti, secondo Farnetani, «come la memoria di un computer, che assorbe tutto ciò che vi viene immesso. Per questo ha bisogno di vivere in mezzo alla gente, ascoltare racconti, vedere volti e colori, vivere sensazioni. Non vuole rilassarsi nella solitudine e nel silenzio come un adulto stressato, ma ricevere stimoli di ogni tipo. Più gli si parla, meglio è».
L´importanza del dialogare con i bambini è stata confermata da una catena di studi degli ultimi 5 anni. “Tra la nascita e i 6 anni lo sviluppo del linguaggio è rapidissimo. La conoscenza delle parole e della sintassi a 3 anni è un indice della comprensione di un testo al liceo” spiega David Dickinson della Vanderbilt University di Nashville. Perfino la ricchezza di gesti ed espressioni del viso che i genitori usano con il figlio a 14 mesi influenzano la ricchezza del suo vocabolario a 6 anni. Da quanto un bambino ascolta gli adulti attorno a sé, spiega Science, dipenderà la sua capacità di comprendere le frasi a 18 mesi. E la varietà dei termini usati da madre o maestra a 30 mesi avrà effetto sulla ricchezza del vocabolario un anno più tardi. «Senza contare – aggiunge Carrozzi – che tra il 15 e il 20% dei bambini arriva alle elementari con alcune difficoltà, ma solo il 3% ha un vero disturbo come la dislessia. Intervenire prima dell´inizio della scuola permette spesso di risolvere i problemi alla radice».

ELENA DUSI – la Repubblica | 24 Agosto 2011