Archivio tag | punture

PUNTURE DI ZECCHE

 La  possibilità di contagio è massima in primavera – estate.

1) Evitare le aree infestate da zecche (aree frequentate da cani, pecore, animali selvatici…).

2) Difendere le zone del corpo a rischio (cuoio capelluto, braccia gambe) con indumenti idonei (cappello, camicie a maniche lunghe, calzari alti, pantaloni lunghi).

3) Tornati a casa ispezionare con cura gli abiti e le zone a rischio (soprattutto le zone ricoperte da peli o le pieghe dove le zecche si annidano – ad es: genitali, ascelle -).

4) Per staccare eventuali zecche: coprire l’acaro con una goccia di glicerina (o altro unguento), soffocandolo; poi rimuoverlo delicatamente con una pinzetta (assicurarsi di rimuovere il rostro, cioè la parte della bocca della zecca “agganciata alla pelle”). Disinfettare.

5) N.B.: non schiacciare il corpo della zecca perchè ciò  può facilitare l’infezione.

6)  Informare il medico.

Annunci

PUNTURE D’INSETTO

° Evitare di indossare indumenti colorati vivacemente (sono attratti dal giallo e dall’arancio). E’ preferibile indossare il bianco.

•Evitare profumi, dopobarba, creme o spray per capelli che con il loro odore possono richiamare gli insetti alla stregua di un fiore profumato.

•Indossare camicie con maniche lunghe e pantaloni lunghi, specie se si percorrono sentieri poco praticati o addirittura fuori sentiero.

•Disporre di insetticidi di facile ed efficace impiego.

•Non lasciare all’aria aperta resti di cibo o bevande (specialmente lattine di bibite aperte).
Se per caso più insetti si raccolgono su un alimento, abbandonare il campo rapidamente, lasciando ovviamente il piatto incriminato.

•Non sostare, all’aperto, vicino a cibi o bevande molto dolci.

•Durante la stagione estiva, cautela quando si cucina o si mangia all’aperto

•Attenzione in campagna nel periodo di maturazione ai frutteti e durante la vendemmia.

•Non camminare a piedi nudi nei prati.

•Far rimuovere, però solo da personale esperto, i nidi di api, vespe e calabroni posizionati vicini a luoghi di lavoro o abitazioni.

Zanzara tigre

Questa zanzara può trasmettere una malattia virale caratterizzata da febbre alta, cefalea, stanchezza e dolori articolari.

Il miglior modo per prevenire questa malattia è evitare di essere punti. Per cui:

  1. evitare i ristagni di acqua (tombini, sottovasi, vasi portafiori, annaffiatoi, grondaie, ciotole d’acqua, piscine gonfiabili,…) ed usare i prodotti larvicidi (si trovano in farmacia)
  2. la zanzara tigre è attratta dai colori scuri e dai profumi. Vestirsi con indumenti dai colori chiari ed utilizzare maniche lunghe e pantaloni lunghi.
  3. si possono utilizzare prodotti repellenti. Alcuni esempi:
Prodotto Durata della protezione Note
MOSI-GUARD spray 6 ore età dai tre mesi, gravidanza
SKIN SO SOFT BUG GUARD AVON età maggiore di 2 anni
AUTAN 4 ore età maggiore 2 anni
AUTAN protection puls 8 ore
OFF salviette 6-8 ore
OFF lozione 2 ore
OFF spray 4 ore
OFF active spray 6 ore
OFF active lozione 8 ore in caso di sudore
CITRONELLA TIGER 20 minuti